Utente 306XXX
1mese fa sono stato operato di Neoplasia testicolare sx con protesi e riparazione ernioplastica sx ( fatta circa 15anni prima ) . La neoplasia mi è stata scoperta grazie ad una visita Urologica di controllo per varicocele ( ultima fatta 6anni ) e ultimamente sono soggetto a pollachiura diurna e notturna ; mi è stata fatta una ecografia testicolare dove si evidenziava :
“multiple puntiformi calcificazioni a carico di entrambi i testicoli (a cielo stellato) e la presenza di multiple tumefazioni ovalari , ipoecogene (solide) , vascolarizzate all’ecolorDoppler , la maggiore di 20x16mm di natura sospetta. Lieve Idrocele corpus colato sinistro “.
Dopo l’operazione ho fatto CITOLOGIA URINARIA su 3 campioni , diagnosi“ A-B-C campione valutabile. Emazie . Negativo per cellule tumorali maligne. Cosa sono Emazie ? Dopo una 15ina di giorni dall’operazione ho un continuo fastidio al testicolo opposto che sale fino al linguine , ma da nuova ecografia bilaterale non sono state riscontrate differenze dalla ecografia precedente.
2gg fa sono stato chiamato per la lettura dell’esame istologico , il medico mi ha detto di stare tranquillo e che tutto sommato è andata anche bene … e al massimo si farà 2/3 terapie di chemio anche orali e ora una TAC

Vi riporto la digitura dell’ESAME ISTOLOGICO così che possiate darmi delle risposte :
A: Frammenti di tumore a cellule germinali di tipo seminoma classico.
B: Frammenti di tonaca albuginea con focolaio suggestivo per infiltrazione neoplastica . Si segnala presenza di parenchima testicolare atrofico con aspetti di Neoplasia Intratubulare a Cellule germinali ( ITGCN) tipo seminoma.
C: Neoplasia a cellule germinali del testicolo , di tipo seminoma classico. Il diametro massimo della neoplasia è di 2,5cm .Presente ulteriore focolaio di Seminoma del diametro massimo di 0.3cm. Sono presenti focolaio di neoplasia Intratubulare a Cellule germinali (ITGCN) tipo seminoma. Non sicuri segni di invasione vascolare ematica . La Neoplasia penetra focalmente nella tunica albuginea , senza superarla. E’ presente coinvolgimento neoplastico della rete testis . L’epididismo è esente da interessamento neoplastico. Il funicolo spermatico (compreso il margine di exeresi) è esente da infiltrazione neoplastica.

Ora spero possiate darmi il vostro parere , se realmente come a detta del medico il risultato dell’esame istologico se pur maligno è andato bene ? e a cosa serve la Tac addome stomaco con mdc che mi hanno fatto fare ? Ma non potevano già farmela prima di attendere l’esame istologico (1mese) così da anticipare i tempi ?
ci sono altri esami che mi consigliate ? Poi visto che l’ecografia non riporta niente di anomalo è normale dopo questo tipo di operazione aver fastidio continuo al testicolo opposto ? e quelle multiple puntiformi calcificazioni a carico di entrambi i testicoli (a cielo stellato) ..cosa sono ? ricordo che erano presenti anche nell’ultima ecografia fatta 6anni prima.
E’ normale che ora la sacca del testicolo operato non scende più come prima e rimane sempre ritratta ?

Scusatemi per tutti queste domande magari a voi sembreranno banali .
Buona Giornata

[#1]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

nella sua lunga e molto confusa esposizione del suo complesso problema clinico, si evince che le hanno riscontrato un seminoma, tumore del testicolo che ha alte probabilità di completa guarigione.

Questo tumore richiede le indagini che le sono state giustamente indicate dopo l'esito della valutazione istologica.

Detto questo ora segua attentamente tutte le indicazioni che le darà il suo urologo che ci sembra persona ben informata ed attenta.

Cordiali saluti.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 306XXX

Si in effetti penso di non aver scritto in modo confusionale e mi scuso di questo. Se possibile vorrei sapere se realmente come a detta del medico il risultato dell’esame istologico se pur maligno è andato bene ? e a cosa serve la Tac addome stomaco con mdc che mi hanno fatto fare ? ci sono altri esami che mi consigliate ? Poi visto che l’ecografia non riporta niente di anomalo è normale dopo questo tipo di operazione aver fastidio continuo al testicolo opposto ? e quelle multiple puntiformi calcificazioni a carico di entrambi i testicoli (a cielo stellato) ..cosa sono ? ricordo che erano presenti anche nell’ultima ecografia fatta 6anni prima.
E’ normale che ora la sacca del testicolo operato non scende più come prima e rimane sempre ritratta ?
grazie

[#3]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

il suo medico ha ragione e "il risultato dell’esame istologico, se pur indica un tumore maligno del testicolo, ci dice che comunque è una neoplasia non aggressiva che ha altissime probabilità di completa guarigione".

La TAC serve per meglio stadiare la sua reale situazione clinica; non faccia altri esami inutili, se non quelli indicati dal suo medico di riferimento.

Ancora ad un mese da un intervento, come quello da lei indicato, può essere normale un dolore nella regione anatomica che può coinvolgere anche il testicolo controlaterale.

Sulle multiple calcificazioni intratesticolari "a cielo stellato", cioè con microcalcificazioni diffuse, le posso dire che questo è il segno di una possibile alterazione strutturale del testicolo che va monitorata nel tempo sempre con il suo andrologo di riferimento.

All'ultima domanda infine le rispondo con un sintetico ma preciso sì.

Ancora cordiali saluti.

Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#4] dopo  
Utente 306XXX

Dott.re la ringrazio veramente tanto per le varie risposte è stato gentilissimo , ma se possibile le chiedo ancora alcune cose.
Come le dicevo dell'esame di citologia urinaria su 3campioni non risulta niente di grave ma si parla di EMAZIE , mi può dire cosa sono ? e come si curano ? potrebbero essere questa la causa della pollachiura diurna e notturna?
Potrebbe a suo parere il tipo di tumore che l'esame istologico ha riscontrato avere a che fare con la ginecomastia bilaterale cha ha iniziato a comparire dal nulla alcuni anni fa (come detto prima ) ?
grazie ancora e cordiali saluti

[#5]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

le emazie sono i globuli rossi e, se trovati nelle urine con i sintomi da lei riferiti, in alcuni casi ci indicano un problema infiammatorio e quindi quello bisogna trattare per risolvere il problema "emazie".

Sulla ginecomastia, da questa sede, poco le posso dire e la rimando invece dritto, dritto al suo andrologo od urologo per eventuali e successivi accertamenti, anche di tipo ormonale, se ritenuti utili.

Cordiali saluti.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#6] dopo  
Utente 306XXX

Buongiorno dott.re le scrivo perchè oggi ho avuto la risposta della TAC addome stomaco con MDC . Sinceramnte spero di far cosa giusta scriverle a lei altrimenti se sono nella sezione errata mi scuso e non fa altro che dirmelo.

La risposta è :
" Indagine eseguita mediante scansioni precontrastografiche a livello addominale superiore e toraco-addominale dopo iniezione andovenosa di MDC(Omnipaque 350, 110cc ).
TORACE : non aveidenti patologie nodulazioni in ambito parenchimale polmonare , bilateralmente ; non significative linfoadenopatie ilo-mediastiniche nè versamenti pleuro-pericardici.
ADDOME : Non evidenti tumefazioni a carico di fegato , pancreas , milza , surreni e reni ; non dilatate le VB intraepatiche nè le vie escretrici renali.
Splenosi con almeno 3 milze accessorie . Alcuna formazione linfonodali , a morfologia conservata , al tripode , in sede interaortocavale e paraortica sinistra , infracentimetriche.
Presenza di protesi testicolare sx ; non versamento libero in addome.

Dott.re mi dà un suo parere in generale sulla risposta ? Poi , Non ho ben capito cosa significa 3milze ? e "Alcuna formazione linfonodali , a morgologia conservata .. ??
grazie mille

Cordiali Saluti

[#7]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

sulle formazioni linfonodali a morfologia conservata vuol dire che tutto è a posto invece, sulle 3 milze, sinceramente pure io, da quello che ci scrive, proprio non riesco a capirlo; è sicuro di quello che c'è scritto sul referto dell'indagine fatta?

Comunque ora deve risentire in diretta il suo urologo e poi ci riaggiorni.

Cordiali saluti.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#8] dopo  
Utente 306XXX

Gentile dott.re ,
intanto la ringrazio nuovamente per la risposta , non ha idea di quanto faccia piacere ricevere delle delucidazioni e un parere professionale

Comunque SI nella risposta alla TAC c'è proprio scritto " Splenosi con almeno 3 milze accessorie " ... spero di non dovermi preoccupare ? Possibile che abbia 3 milze ? sarebbe un problema ?

Domani cercherò di anticipare i tempi e di avere un consulto con l'urologo di turno , perchè putroppo non trovo sempre lo stesso.

Intanto vorrei una rassicurazione da lei che la TAC ( oltre a discorso delle milze da capire ) sia andata bene ? e quindi tolto il testicolo ... tolto il tumore e non è andato oltre la rete testis ? Spero mi possa rispondere positivamente .
Le chiedo questo perchè nell'ultima seduda con l'urologo , letto l'esame istologico ... mi parlava di probabile trattamento radioterapico e 1, 2 sedute di cemio , ovviamente valuterà il tutto l'oncologo una volta arrivata la risposta della Tac .
Ora mi scusi ma dalla Tac che ha visto anche lei concorda le terapie ? non capisco se sono una prassi farle per una forma di sicurezza in più ...oppure l'esame istologico e la tac .. non sono poi coì positive ?

In attesa di una sua sicura delucidazione la rangrazio anticipatamente e vi raggiornerò non appena sentirò l'urologo.

Cordiali Saluti

[#9]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

chiarisca per bene con il suo oncologo la strategia terapeutica che dovrà seguire; detto questo rimangono poi le imprecisioni che, da questa postazione, non si riesce a capire e che ora solo con il suo medico di riferimento e l'oncologo, a questo punto, potrà risolvere.

Fatto il tutto ci aggiorni.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#10] dopo  
Utente 306XXX

Grazie dott.re ,
ma oltre all'imprecisione da capire delle 3 milze ... a quali si riferisce , ne ha trovate altre ? Sinceramente quando questa mattina ho letto la risposta alla TAC pensavo fosse positiva , ma vedo che non me lo conferma e questo mi preoccupa ... mi può almeno confermare questo ?

grazie Mille

[#11]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Se per positiva intende che era una TAC che non indicava nulla di allarmante questo glielo posso al momento confermare; cerchi comunque di chiarire le altre "imprecisioni".

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#12] dopo  
Utente 306XXX

Buongiorno dott.re ,
allora ho visto sia l'urologo , che l'oncologo , che il radiologo .

L'urologo mi ha detto che è andato tutto bene ( e per le tre milze accessorie di stare tranquillo.. può succedere e di non preoccuparmi ) .. le scrivo la risposta :

"PAziente torna a visita seminoma tipico di STADIO II.
Poarta TAC addome a visione : negativa per secondarismi
Ecocolordoppler scrotale: regolare
Citologia Urinaria: negativa
Si invia in consulenza al collega radioterapista e oncologo"

Succesivamente sono stato dall'oncologo :

"Egg. collega , oggi è stato visitato il suo assistito , sottoposto a orchifunicolectomia sinistra e diagnosi di neoplasia germinale gonadica,seminoma puro,di dimensioni massime di 25mm e con coinvolgimento della rete testis. Le condizioni generali del paziente lameta dolore addominale crampiforme, L'esame obbiettivo è negativo.Il paziente è stato sottoposto a tac del torace ed addome in toto,negativa per secondarietà,ed i marcatori sierici per neoplasia germinale ( alfa-fetoproteina , beta Hcg , Ldh ) sono nella norma . E' in programma valutazione radioterapica in giorno 6Guigno. In considerazione delle condizioni generali del paziente e stadio della neoplasia , potrebbe essere proponibile un trattamento radiante postoperatorio. Il paziente proseguirà quindi con follow up clinico, strimentale e/oo laboratoristico presso l'oncologia medica di appartenenza. "

Il 6 Giugno ho visto il radiologo :

" Egg. collega , Ho visto oggi il suo paziente , operato il 30.04.2013 di orchifuniculectomia Sx per seminoma testis stadio IA. Ho illustrato le 3 opzioni terapeutiche ( sorveglianza , RT profilattica linfonodale , chemioterapia ) . Il paziente si riserva di valutare le 3 ipotesi e di decidere . Lo attendiamo il 11/06.2013."

Ora dottore , per le imprecisioni che mi diceva di chiarire spero che nelle risposte ci siano perchè non so a cosa si riferisse ??

Come avrà capito Martedì devo dare una risposta al radiologo riguardo alle 3 ipotesi che mi ha descritto e in tutta sincerità sono molto indeciso perchè sia l'ipotesi di non fare nessuna terapia , che quella di fare delle sedute di RT sono molto bilanciate ..per questo il radiologo non si è esposto verso nessuna delle 2 ipotesi ma mi ha lasciato a mè la decisione , scartando la Chemio .

Anche lei pensa che entrambe le ipotesi si equivalgono?

Mi ha fatto capire che nel mio caso la percentuale di gaurigione senza alcuna terapia è molto alta e si avvicina al 95% (mentre l'oncologo parlava di un 70/80%) ..quindi per il radiologo la recidività è molto rara.

A CHE PERCENTUALE DEVE CREDERE ??

Però scegliendo questa strada dovrei tenermi controllato con visita e Tac ogni 2/3mesi per i primi 3anni ( e non è che nemmenpo la tac faccia molto bene ) e successivamnte con una frequenza meno ravvicinata e nel caso in cui nel tempo ci fosse una recidività si potrebbe intervenire cmq con la radio aumentando solo le sedute da 10 ora previste a 15 ( mentre l'oncologolo mi parlava che in caso di recidività avrei potuto fare non più la radio ma solo la chemio ).

E' VERO CHE ANCHE SUCCESSIVAMENTE POSSO FARE LA RT E NON SOLO LA CHEMIO ?

Se scelgo la RT mi parlava di 10sedute di circa 3minuti , controlli succesivi con Tac ogni 6mesi ( quindi meno frequenti ) e guarigione che rasenta il 100% ... ma avendo ancora una età giovane .. è sempre cmq una terapia invasiva e oltretutto seppur remota c'è la possibilità di un tumore nei prossimo 20anni dovuto alla terapia.

Detto questo potete capire la mia indecisione sulla strada da prendere , vi chiedo la cortesia di darmi un vostro parere vista tutto il mio decorso clinico così che io possa cmq avere più infomazioni possibili.
Se ci fosse anche la possibilità di postare la discussione dulla sezione oncologia .
Grazie Mille

[#13]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile lettore,

io personalmente sarei più vicino alle posizioni del suo oncologo; comunque le sposto il consulto in area oncologica vediamo se è possibile avere più lumi.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com