x

x

AIUTATEMI DATEMI IL VOSTRO PARERE PROFESSIONALE

Salve sono una ragazza di 29 anni, ho iniziato ad avere problemi all età di 19 anni, forte insonnia,ansia generalizzata,depression...sono andata in primis da un neurologo che mi ha prescritto Citalopram e Alprazolam, in seguito un altro neurologo mi ha prescritto minias e zoloft, ancora dopo non sentendomi bene mi hanno mandato da uno psichiatra che mi ha prescritto Ciampionyl , Haldol e minias.Quetsa è stata l ultima terapia, in seguito a questa è passato circa un anno, ma stà di fatto che il minias lo prendo ancora circa 30 gocce, e lo prendo da tanto tempo ma è l unico farmaco con cui mi trovo bene, La mia situazione generale è che convivo da 8 anni, non riesco più a lavorare da tempo, la mia vita sociale è ormai inesistente, spesso mi sento perseguitata oppure ho paure di tutti i generi, ma col tempo ho imparato a riconoscere che sono disturbi di cui soffro, ma fisicamenete per mè è estenuante, solo la sera prendendo il minias riesco a rilassarmi un po, arrivo a sera che il dolore alle mascelle e al collo è veramente pesanteNessun dottore mi ha mai diagnosticato nulla di preciso, ho mia mamma bipolare e mia cugina schizzofrenica e io non ne ho idea,so solo che nn sono come tutti gli altri,ma all apparenza si, e qui nasce il mio forte problema, sono talmente timida e riservata,che mi vergogno, ogni volta che mi chiedono che lavoro faccio, per me è molto imbarazzante, non so cosa dire, per questo avrei bisogno di una diagnosi più chiara.Riesco ad essere serena solo stando alla ria aperta, al parco o al mare,facendo lunghe passeggiate, soffro a passare per quella pigra, che non lavora, associale e noiosa, maio sto bene solitaria, è normale?In questo anno ho perso quasi 16 kg, quelli messi da quando nn sto bene, e mi sento molto energica però ho inziato a non fare colazione e pranzare finche nn prendo il minias la sera verso le 7 che mi apre un po' lo stomaco, e proprio oggi sono andata a camminare al mare e mi sentivo benissimo poi quando sono tornata a casa in macchina ho avuto un attacco di panico bruttissimo, spero che non comprometterà il fatto di guidare perché ci manca solo quello,pensavo di morire,dimenticavo ho anche fatto psicoterapia in questi anni...Ora i miei sintomi sono : al mattino forte ansia e bisogno di fare attività fisica, non sento la fame, la notte sento una presenza minacciosa ma indistinta ,la paura stessa mi provoca allucinazioni uditive, ma indistinte anche queste, non chiare, sono sospettosa e incline alla solitudine, eccetto stare con il mio compagno che mi fa stare tanto meglio, quando incontro qualcuno del passato mi tremano le mani, sudo e vorrei evitarlo,in qualche modo non mi sento più quella di un tempo e dare spiegazioni è troppo umiliante per me,ogni volta che mi innervosisco( è succede spesso sempre per motivi legati ai miei genitori che mi hanno sempre provocato molta ansia)mi sembra quasi di svenire,a volte mi parlano e non sento talmente parto per la tangenziale.CODA DEVO FARE?DI KE DISTURBO SOFFRO?grazie
[#1]
Dr. Stefano Garbolino Psichiatra, Psicoterapeuta, Sessuologo 2.5k 36 3
Gentile utente,

come saprà anche lei, non è possibile fare diagnosi on line.

Tuttavia è possibile ipotizzare, in base alle terapie assunte, una forma depressiva. Il concetto di depressione è molto vasto ed esistono diversi tipi di patologie depressive.

Personalmente credo varrebbe la pena di avere un colloquio mirato ad una chiarezza diagnostica che permetta a lei di capire esattamente di cosa soffre e di conseguenza capire il tipo di trattamento più adeguato al caso.

Cordialmente
www.psichiatriasessuologia.com

[#2]
dopo
Attivo dal 2013 al 2013
Ex utente
La ringrazio per la temprestività,infatti è quello che presto farò, perché come sintomi in partcolare la rigidità muscolare, ho paura che appartengano ad altre diagnosi piuttosto che alla depressione, ma non sono un medico, mi stò documentando per capirci qualcosa, grazie

Cos'è l'ansia? Tipologie dei disturbi d'ansia, sintomi fisici, cognitivi e comportamentali, prevenzione, diagnosi e cure possibili con psicoterapia o farmaci.

Leggi tutto