x

x

Dubbio farmaco

Gentili dottori .
Oggi per la prima volta sono stato dal neurologo psichiatra per stanchezza vertigini e senso di stordimento ,ovviamente vado da lui dopo aver effettuato analisi di routine e consulti medici .
Mi ha diagnosticato ansia generalizzata e ipocondria .
Mi ha prescritto come farmaco daparox gocce dopo pranzo più Pasadena due volte al giorno .
Ovviamente vado subito su internet e consapevole della mia ignoranza noto che questo farmaco da gli effetti collaterali di cui soffro.
Mi chiedo se per caso forse nn sia il farmaco adatto il daparox come terapia .
Grazie
[#1]
Dr. Alex Aleksey Gukov Psichiatra 2.8k 118 6
Gentile utente,
quali consulti medici Lei ha fatto prima di questo ?

da quanto tempo avverte le sensazioni di stordimento e di vertigini ? compaiono in certi momenti (sono episodi) oppure sono continue ? le avverte maggiormente la mattina, la sera ?

se posso chiedere, che lavoro fa Lei ? fa uso di caffè ? alcool ? altre sostanze ? la notte riesce a dormire ? si alimenta regolarmente ha l'appetito ?

Dr. Alex Aleksey Gukov

[#2]
dopo
Utente
Utente
Gentile dottore é un po' complicato da spiegare e cercherò di fare una sintesi .
A settembre inizio ad avere un senso di agitazione e affanno .
Scopro che ho la pressione alta e quindi decido di andare dal cardiologo .
Eletrocardiogramma ed ecocardio ok.
Questa agitazione e pensiero della pressione alta mi assilla tanto che vado da un altro cardiologo che mi da mezzo beta bloccante e mezza compressa di lorans dicendomi che si tratta di ansia .
Le vertigini o capogiri non so come definirli ci sono da dicembre ( praticamente ho un senso di stanchezza e mi sento tipo stordito quando cammino tanto da evitare il più possibile )
Specifico che agitazione e questo senso di malessere é fortissimo al mattino ,( sotto la doccia credo di aver avuto un attacco di panico tanto da essere subito uscito,avevo tacchicardia e agitazione )si attenua la sera .
Per correttezza le dico che si accentua nei posti aperti o quando devo fare qualcosa tipo incontrare persone o svolgere impegni .
Sono un insegnante e faccio politica .
Nn bevo però fumo più di 20 sigarette al giorno .
Di solito nn ho problemi ad addormentarmi anche se penso di dormire male in quanto spesso mi sveglio durante la notte anche se poi tutto sommato mi ti addormento.
Oggi dal neurologo avevo la pressione a 145 con 80.
Questi episodi sono diciamo continui ,si accentuano molto in procinto o durante impegni anche se a volte scompaiono .


[#3]
dopo
Utente
Utente
Preciso che l ultimo consulto medico é stato novembre da un internista .
Il quale mi ha fatto fare analisi di routine dove erano tutti nella norma a prte un po' di colesterolo e
Trigliceridi.
Mi aveva consigliato di prendere zolofot 50 ma nn l'ho mai usato
[#4]
dopo
Utente
Utente
Dimenticavo di dirle che oggi il medico parlava anche di nevrosi
[#5]
Dr. Alex Aleksey Gukov Psichiatra 2.8k 118 6
Gentile utente,
effettivamente è molto probabile che si tratti di un diturbo d'ansia, come ha confermato anche lo specialista dal quale Lei si è rivolto per l'ultimo. La diagnosi di "ansia generalizzata" forse non è del tutto precisa, perché sembra che ci siano i fattori scatenanti "specifici". La terapia con il Daparox (principio attivo: paroxetina) può essere indicato. Fra gli effetti collaterali di questo farmaco effettivamente possono essere anche le vertigini, la stanchezza e può anche esacerbare l'ansia. Tuttavia, si tratta degli effetti collaterali che normalmente compaiono (se compaiono) solo all'inizio del trattamento o quando si aumenta o si riduce la dose, per poi scomparire. Non bisogna averne paura. Se compaiono, bisogna contattare lo specialista che ora La segue e magari concordare un dosaggio più basso e aumentarlo solo gradualmente.

Non potrei escludere che le "vertigini" e la stanchezza siano secondari anche al dosaggio non ottimale di betabloccante, ovvero all'effetto sedativo eccessivo (oppure all'insufficiente controllo della pressione arteriosa). Se l'ipertensione e la tachicardia si rileveranno legate soprattutto a certe situazioni ansiogene, l'utilità del betablocccante sarebbe da rivedere.