Utente 294XXX
Buonasera . A seguito di una ricaduta attacchi di panico , sto assumendo da 5 giorni sereupin 10mg e xanax 0.50 per due volte al giorno .
Ho già assunto sereupin nel 2002 e mi diede disturbi meno forti ma questa volta sono insopportabili tanto da costringermi a letto .
Astenia , sonnolenza e sbadigli continui , ipotensione bradicardia e cefalea accompagnano le mie giornate e non riesco ad andare a lavorare .
Domani dovrò assumere la dose piena di 20 mg e sono terrorizzato!

Vorrei chiedere inanzitutto quanto durerano questi effetti iniziali ma sopratutto se la paroxetina può indurre bradicardia perché a riposo i miei bmp oscillano tra i 52 ed i 58 quando il mio range a riposo era di 70 75. Devo preoccuparmi ?

Grazie infinite per il consulto .

Distinti saluti

Simone

[#1]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

I disturbi sono dati dal panico, che riceve il sereupin con questo tipo di reazione iniziale. A seconda dello stato di "attività" di malattia, la reazione iniziale può essere più o meno spiccata, ma non è anomala, in genere all'inizio l'ansia è sollecitata così come alcuni sintomi corporei.
L'effetto terapeutico compare comunque dopo 3-4 settimane, e per questo si può aumentare il sereupin più lentamente. Questo lo può chiedere al suo medico.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 294XXX

Grazie infinite dottore .
Riguardo alla bradicardia a riposo ?

La ringrazio ancora

[#3]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Le misurazioni fatte in determinati momenti di malessere non rendono ragione della media, ma in teoria certo, è possibile, così come è possibile che la frequenza sia instabile mentre si soffre di panico, o che la rallenti anche l'altro farmaco.

Chieda, come le dicevo, se il medico ritiene di salire più lentamente.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 294XXX

Grazie mille delle tempestive ed esaustive risposte

Distinti saluti

[#5] dopo  
Utente 294XXX

Buonasera ! Finalmente sono arrivato ad assumere 20 mg di paroxetina e mi sono adattato abbastanza bene !

Mi sorgono delle domande ; ho ricominciato ad avere solito addominali ( colon irritabile ) per questo il medico mi prescrisse obispax . Lo posso assumere nonostante assumo paroxetina e diazepan ? Per i dolori ossei ed emicranie , posso assumere ipubrofene ? Le faccio queste domande poiché sul libretto illustrativo della paroxetina leggo che questi farmaci potrebbero creare problemi piuttosto seri .

Grazie infinite

Cordiali saluti

[#6]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non si possono dare indicazioni sui farmaci da assumere
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#7] dopo  
Utente 294XXX

Grazie dottore . Se le facessi una domanda più geneRica ?
Si possono assumere antidolorifici , antiffiammatori e antispastici durante cura con paroxetina ?

[#8]  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
ROMA (RM)
PISA (PI)
ALESSANDRIA (AL)
VIGEVANO (PV)
MILANO (MI)
BRESCIA (BS)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Gentile utente,

Le interazioni variano a seconda del tipo di molecola più che della funzione. Nei foglietti in cui sono riportate le principali interazioni note.
Per esempio per quanto concerne gli antiinfiammatori/antidolorifici appartenenti alla categoria FANS (aspirina, ibuprofene etc) possono rendere il sangue meno coagulabile, il che può avere significato in presenza di lesioni sanguinanti o a rischio di sanguinamento.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it