Utente 490XXX
Buonasera, sono una ragazza di 17 anni: vorrei chiedere un consulto riguardo ad alcuni problemi che ho manifestato negli ultimi anni e che non hanno mai ricevuto una diagnosi precisa. Tra i 12 e i 13 anni ho sofferto di anoressia nervosa, malattia che mi ha portata a un ricovero di tre mesi in una struttura ospedaliera; per circa due anni sono stata meglio senza manifestare particolari "sintomi", nonostante il mio rapporto col cibo fosse radicalmente peggiorato rispetto a prima della malattia. Verso i 15 anni ho avuto una nuova crisi in cui si sono mischiati vari problemi: prima restrizione alimentare, poi problemi legati al movimento, che mi portavano a camminare molto, muovermi tutto il giorno senza riposo andando a dormire oltre la mezzanotte e svegliandomi alle sei del mattino, il tutto seguendo schemi precisi da cui mi era difficile uscire; poi ho iniziato ad autolesionarmi con una certa frequenza, avendo anche pensieri suicidi (e un tentativo), infine tendevo a controllare mia madre impedendole di uscire di casa. Non riuscivo più a studiare, avevo crisi isteriche, tanto che fui ricoverata una seconda volta: dopo le dimissioni sembravo stare meglio, ma ho avuto una ricaduta che mi ha fatta sprofondare di nuovo in un periodo buio: non ho più potuto frequentare la mia scuola e sono stata seguita via day hospital per circa tre mesi, il quale è terminato con unamia crisi molto forte in seguito alla quale mi sono rifiutata di recarmici ancora. La mia situazione è però migliorata (era l'inizio del giugno scorso) e ora vado a scuola regolarmente, non mi autolesiono da mesi, ho ridimensionato il movimento eccessivo e il controllo su mia madre. Tuttavia durante tutto questo periodo, e anche ora, alterno emozioni perennemente contrastanti, tanto che, ad esempio, mi tagliavo pur in un momento in cui non ero particolarmente triste oppure, ancora oggi, quando sono con gli altri, sono serena e positiva, ma, nella mia mente, le emozioni sono molto più negative di quelle che mostro.
Volevo chiedere se fosse possibile avere una diagnosi un po'più precisa di quelle già ricevute, anche per evitare nuove ricadute.
Grazie mille.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Però dovresti specificare quali diagnosi sono state emesse,e , possibilmente, se stai facendo una cura e quale.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-

[#2] dopo  
Utente 490XXX

Buongiorno,
Ho ricevuto prima una diagnosi di anoressia nervosa di sottotipo restrittivo e poi una di DOC. Seguo una cura con en, fevarin e risperdal.

[#3] dopo  
Dr. Paolo Carbonetti

28% attività
20% attualità
16% socialità
VITERBO (VT)
TERNI (TR)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2008
Quindi da dove viene il titolo "Possibile diagnosi disturbo border-line"?
In ogni caso alla tua età quasi tutte le diagnosi devono essere provvisorie.
Dr. Paolo Carbonetti
Specialista in Psichiatra
Specialista in Psichiatria Forense
Viterbo-Terni-