Utente 503XXX
Buongiorno, da molti anni soffro di disturbo da attacchi di panico e la mia precedente psichiatra mi aveva prescritto Paroxetina fino ad un dosaggio massimo di 40 mg al giorno (due compresse); la situazione era effettivamente migliorata ma non risolta del tutto in quanto continuavo ad avere periodi di agitazione.
Ho deciso di cambiare psichiatra e quest'ultima mi ha consigliato di cambiare farmaco e passare all'Efexor. Inizialmente mi ha fatto diminuire gradualmente la dose di Paroxetina fino ad arrivare ad una compressa, successivamente sono passato alla Paroxetina in gocce e a 18 gocce ho iniziato ad assumere Efexor 37,5 mg per circa due settimane (contemporaneamente diminuivo di una goccia la Paroxetina ogni due giorni).
In questa fase ho avuto disturbi fortissimi di ansia e attacchi di panico, agitazione generale e come la sensazione di angoscia costante.
Da due giorni ho iniziato ad assumere Efexor 75 mg (con la Paroxetina sono a 4 gocce che diminuisco di una goccia ogni giorno fino a cessazione).
Mi sembra che la situazione sia leggermente migliorata, ho sempre un po' di ansia e angoscia (soprattutto al mattino) ma nel corso della giornata mi sento un po' meglio. Un altro effetto indesiderato che ho riscontrato è la diarrea.
La psichiatra mi ha inoltre suggerito di assumere una compressa di Xanax 0,5 mg al bisogno.

Volevo capire, la terapia che sto seguendo è ottimale per il mio disturbo da attacchi di panico con agorafobia?
I sintomi che ho avuto e che sto avendo in questa fase di cambiamento del farmaco (agitazione, ansia, angoscia) sono da considerarsi "normali"?
Quale è la dose massima di Xanax che si può assumere al giorno in correlazione ad Efexor 75?

Grazie in anticipo per l'attenzione.

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
La terapia può essere adatta. I primi tempi hanno sempre delle problematiche connesse con la variazione. Non esiste una dose massima ma essa va concordata con il prescrittore.


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 503XXX

Grazie mille per la celere risposta.
I sintomi associati al cambiamento del farmaco quindi dovrebbero cessare in qualche settimana?

[#3] dopo  
Utente 503XXX

Gentile Dr. Ruggiero,
esiste una spiegazione per la quale avverto più ansia al mattino piuttosto che nel resto della giornata?

La ringrazio in anticipo per l'attenzione.