Utente 503XXX
Buongiorno Dottori, sono una ragazza di 32 anni che ha sempre avuto un carattere tendenzialmente ansioso (essendo cresciuta in una famiglia con soggetti a loro volta ansiosi). Cercando di riassumere la mia storia, ho avuto i primi forti attacchi di ansia, con attacchi di panico e poi periodi di derealizzazione quando ho iniziato l'università nel 2005 e in seguito quando mi sono fidanzata (2007). Ho cominciato ad andare da una psicologa e poi da uno psichiatra per affiancare un supporto farmacologico. Ho così iniziato ad assumere dieci gocce di Entact 20mg, a cui ho affiancato, ma solo per pochi mesi, 50 mg di lyrica. Su consiglio dello psichiatra ho poi intrapreso una vera e propria psicoterapia, nel 2010, che ha portato alla luce un problema di distacco dalla mia famiglia e una difficoltà a conquistare un'autonomia rispetto ad essa. Dopo cinque anni di benessere assoluto, purtroppo a settembre ho ricominciato a stare meno bene e a dicembre ho di nuovo avuto venti tremendi giorni di derealizzazione. Sono tornata a 10 gocce di entact e a 75mg di lyrica che no.hanno.permesso.di ristabilizzarmi almeno fino a 15 giorni fa, quando è.ricominciato l'incubo. Ma è possibile che nonostante la cura io stia così male? L'unica cosa accaduta nella settimana precedente al riattivarsi dei sintomi (pensieri ossessivi e disturbanti, senso di irrealtà, paura di essere pazza, etc) è stata una discussione con mia madre e un riaccentuarsi della mia preoccupazione nei suoi confronti. C'è infatti da dire che mia madre non ha una condotta propriamente salutare, in particolare ha ripreso a fumare, anche se poco, nonostante in passato se la sia vista brutta per questo. Proprio due giorni prima che il mio cervello si ri-incantasse, ho pensato che non ne posso più di avere tutte queste preoccupazioni "corollarie" legate principalmente all'instabilità emotiva di mia mamma, alla quale pure voglio un bene dell'anima (dico corollarie perché nel mentre sto cercando di studiare per un concorso, sto iniziando ad andare a casa del mio ragazzo qualche fine settimana nell'ottica di una convivenza a breve etc). Secondo voi potrebbe esserci un nesso tra il forte ripresentarsi della sintomatologia e gli ultimi accadimenti? Scusate se mi sono dilungata.

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Si tratta di una cura a dosi non piene, nel caso del lyrica inferiori a quelle mediamente efficaci, per cui è verosimile che funzioni ma il disturbo sia sempre riattivabile da circostanze esterne, in maniera anche aspecifica, semplicemente come equivalente di livelli di affaticamento o stress acuto.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
Utente 503XXX

La ringrazio Dottore. Proverò a contattare lo psichiatra per metterlo al corrente degli ultimi sviluppi per un aggiustamento della terapia, anche se temo che al momento sia in ferie. Nel mentre mi consiglia comunque di cercare di non dare peso ai sintomi, per quanto fastidiosi, e di ritenerli correlati ad un aumento del livello di ansia?
La ringrazio per la sua disponibilità.

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Nessuno riesce a non dare peso al malessere. che sia ansioso o meno.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
Utente 503XXX

Buonasera dottore, la disturbo nuovamente per chiedere un ulteriore parere: ho contattato lo psichiatra per informarlo degli ultimi sviluppi e lui ha deciso di alzare la dose di entact da 10 (dose da me già presa in passato e nuovamente raggiunta a dicembre) a 20 gocce, aumento avvenuto gradualmente dal 2 all'8 agosto. Oggi sono al quinto giorno di assunzione della dose piena, ma l'ansia è ancora alta, il senso di irrealtà persiste e i pensieri viaggiano all'infinito. Posso considerarlo un normale andamento della terapia o devo preoccuparmi?

[#5] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Il medico ha preso una decisione comprensibile, per il resto si sta ponendo questioni prematuree, al quinto giorno di assunzione nessuno si aspetta che stia meglio e non peggio.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#6] dopo  
Utente 503XXX

La ringrazio per le sue risposte. Quanto tempo occorre solitamente per vedere gli effetti positivi del trattamento?

[#7] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Non meno di un mese
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#8] dopo  
Utente 503XXX

Buongiorno Dottore, mi scusi se la disturbo nuovamente: oggi sono al 29esimo giorno di assunzione della dose piena dell'entact (la assumo dall'8 agosto) e di 75 mg di lyrica, ma ancora non posso dire che vada bene. Più che altro la cosa che mi stupisce è che ci sono momenti della giornata o singole giornate isolate nelle quali sembra vada meglio, mi sento più normale, più presente e più consapevole dell'assurdita' di certi pensieri e sensazioni, ma poi "ricado", ossia senza che accada nulla mi risale a poco a poco l'ansia, diventano di nuovo più frequenti i pensieri e di conseguenza anche più consistenti, fastidiose e angoscianti le sensazioni di irrealtà... Come è possibile?

[#9] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Alla scadenza del mese tira le somme, come accade spesso. E' migliorato anche se non va bene, poi si vede meglio se il miglioramento si ferma qui oppure no. La dose del lyrica è mediamente insufficiente.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#10] dopo  
Utente 503XXX

Ok... quindi, fermo restando che ogni caso è a sé, ci sono in generale possibilità di ulteriore miglioramento?

[#11] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Sì, la risposta a volte è più lenta 1-3 mesi.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#12] dopo  
Utente 503XXX

Buongiorno Dottore, la aggiorno. Dopo un mese e mezzo di cura a 20 gocce di entact ho avuto miglioramenti deboli nel senso che in questi venticinque giorni di settembre sono stata bene, avendo la sensazione di tornare alla "normalità", solo nove giorni ... le fasi di benessere non hanno mai superato le 24 ore consecutive... Poi a poco a poco l'ansia ri-aumenta, i pensieri si intensificano di nuovo e per quanto assurdi mi danno noia, torno ad avere addosso la sensazione che ci sia qualcosa che non va, con conseguenti rimuginii e sensazione di "irrealtà" che ne scaturisce. Sono tornata dalla psichiatra la quale mi ha detto di passare a 150 mg di Zaredrop soluzione orale (perché ho difficoltà nel deglutire le pasticche) e di portare il lyrica a 150 mg. Mi ha detto inoltre di scalare l'entact assumendone dieci gocce per i primi tre giorni in contemporanea con l'introduzione del Zaredrop. La psichiatra mi ha diagnosticato un disturbo di personalità dipendente (dalla mia famiglia di origine) e mi ha detto che sto attraversando una fase depressiva con tratti ansiosi ossessivi (mi scuso se i termini non sono proprio quelli esatti, ma il concetto è questo).
Che ne pensa?

[#13] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Sì, torna sia il tipo di prescrizione che il fatto di passare a nuovo farmaco, la dose era piena e l'effetto a un mese e mezzo dovrebbe essere migliore di così.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#14] dopo  
Utente 503XXX

La ringrazio. Un'ultima cosa (che comunque chiederò ora anche alla mia psichiatra): non è "pericoloso" assumere contemporaneamente, seppur per pochi giorni, sia entact che zaredrop, oltre al lyrica?

[#15] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Mi scusi, ma ritiene che il medico la esponga a cose "pericolose" ?
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#16] dopo  
Utente 503XXX

No. Sono io che ho timore quando introduco farmaci mai presi prima.

[#17] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Questo è un problema relativo alla sua ansia oppure un suo atteggiamento preconcetto, per carità legittimo.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#18] dopo  
Utente 503XXX

Buonasera Dottore, torno a scriverle dopo diverso tempo per aggiornarla. Dal tre ottobre ho iniziato la cura secondo le prescrizioni della psichiatra, quindi 150 mg di Zaredrop e 150 mg di Lyrica. Dopo circa venti giorni dall'assunzione ha iniziato ad andare meglio e dopo circa un mese (quindi i primi di novembre) posso dire di essere tornata a stare del tutto bene, i pensieri sono spariti e anche le sensazioni di "stranezza", e di "scollegamento" dalla realtà. Ho trascorso due mesi normali e piacevoli (continuando ad assumere la terapia e pensando all'assurdita' dei pensieri che mi avevano fatto stare così male nei mesi precedenti). Sennonché da circa sei giorni si sono riaffacciati quegli stessi pensieri/sensazioni di irrealtà, etc., con le stesse identiche dinamiche.
Sto in ogni caso continuando la psicoterapia e la cura farmacologica. A suo parere questa ricomparsa dei sintomi può accadere a tre mesi dall'inizio della terapia, quindi "ci può stare", o è il caso di aggiornare la mia dottoressa?

[#19] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
La aggiorni direi, in ogni caso. In linea generale non chieda qui se contattare il suo medico. Sul discorso in particolare, l'andamento nei mesi prevede oscillazioni dei sintomi e del benessere che non necessariamente costituiscono ricadute, ma appunto il medico è lì per distinguere.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#20] dopo  
Utente 503XXX

Va bene, la ringrazio.