Utente cancellato
Salve

Il mio psichiatra mi ha diagnosticato ansia generalizzata e varie sfumature del disturbo di personalità borderline. Non mi ha diagnosticato il disturbo bipolare.

La terapia attuale è composta da Trittico 25 mg rilascio prolungato per favorire il sonno e calmare l'ansia in quanto non tollero dosaggi più alti.

Lamictal per stabilizzare l'umore per quanto riguarda le sfumature di personalità borderline al dosaggio di 50 mg al giorno.
Iniziare con 25 mg per due settimane e poi raggiungere 50 mg.

Il mio curante mi ha riferito che probabilmente il trittico lo toglierà quando Lamictal inizierà a fare effetto e che l'ansia fa parte del quadro borderline.

Mi ha anche riferito che non intende aumentare il dosaggio in quanto non mi ha diagnosticato il disturbo bipolare di cui Lamictal ha indicazione terapeutica ufficiale. E secondo lui per un disturbo borderline con o senza sfumature è sufficiente un dosaggio di 50 mg al giorno tra l'altro un uso off label.

Vorrei un altro parere sulla terapia.

Il Trittico rilascio prolungato al dosaggio di 25 mg ha effetto ansiolitico e ipnoinducente ?

Il Lamictal secondo la vostra esperienza ha effetto sul disturbo borderline di personalità al dosaggio di 50 mg al giorno?

Grazie

Saluti

[#1] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile utente,

Mi pare un discorso ozioso. Intanto "varie sfumature" non è chiaro cosa significhi: ha il disturbo borderline o no ? Mi par di capire di sì. Il quale risulta essere una variante della famiglia dei disturbi bipolari, infatti le cure sono le stesse.
Che i dosaggi debbano essere diversi non mi risulta.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#2] dopo  
508211

dal 2018
Gentile Dr Pacini

Si ho il disturbo borderline di personalità però non presento tutti i sintomi per questo il mio psichiatra si è espresso dicendo che ho sfumature.

Si mi ha detto che il borderline fa parte della famiglia dei disturbi bipolari ma è una forma attenuata. Però non mi ha diagnosticato il disturbo bipolare.

Non so a questo punto chiederò delucidazioni sul dosaggio.
Non vorrei fare una cura inefficace

[#3] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Se non presenta tutti i sintomi, allora non lo ha. Altrimenti, che fanno a fare i criteri ?
Se fa parte della famiglia bipolare ed è una forma attenuata, allora è disturbo bipolare.

Insomma, tutto questo discorso per poi dire che non è un disturbo bipolare ma in realtà lo è, che ha diversi aspetti ma non tutti, e quindi allora quale è la diagnosi ?

Mi pare un discorso contraddittorio. Dopo di che, il lamictal già di per sé è indicato per le forme attenuate di disturbo bipolare.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#4] dopo  
508211

dal 2018
Tra i sintomi mi è stato detto che ci sono abuso di sostanze stupefacenti, gioco d'azzardo e abuso di cibo. Cose che io non presento tranne l'abuso di sostanze stupefacenti di cui ho sospeso l'uso molti anni fa.
Riguardo l'instabilità nelle relazioni io sono stabile nel senso che vorrei stare sempre con la stessa donna ma a causa dei miei turbamenti emotivi ci sono litigi.

Per il resto ho tutti gli altri sintomi.

A parte il colloquio con il mio curante ho eseguito anche dei test diagnostici e dal punteggio è risultato disturbo borderline di personalità.

Le ripeto che non mi è stato diagnosticato il disturbo bipolare in quanto non presento i sintomi caratteristici.

[#5] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Tornando alla sua domanda, il farmaco a quei dosaggi ha una efficacia piuttosto bassa se per efficacia si intende la funzione stabilizzante in particolare su fenomeni di tipo depressivo.

Se il farmaco non è utilizzato con indicazione appropriata il suo uso può risultare inefficace.

Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#6] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Quindi c'è anche il criterio dell'abuso di sostanze, che importa che non sia in corso adesso ?
La diagnosi si fa clincamente, i test sono orientativi se mai.

Non capisco di preciso a questo punto dove stia il cavillo per affermare che non si tratti di un disturbo bipolare: l medico stesso dice che ha una sindrome che a quella famiglia appartiene, la terapia è stata scelta non a caso poiché su quel tipo di disturbi funziona...

Che poi il dosaggio debba essere più basso di quanto non si sceglierebbe in altri casi non mi risulta
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it

[#7] dopo  
508211

dal 2018
Dr Pacini

Il criterio di abuso di sostanze stupefacenti non sussiste perché io sono ben 10 anni che non ne faccio uso. E non ne sento assolutamente il bisogno.
Questo lei non lo può sapere ma il mio pschiatra ed io si.

Io ho fatto solo una domanda sul dosaggio e qui ne sta venendo fuori un discorso di stato.

Il mio psichiatra mi ha detto che ho disturbo attenuato e lo definisce borderline.

Se poi il dosaggio è basso sicuramente me lo aumenterà. E comunque gliene parlerò presto.


Cordiali saluti

[#8] dopo  
Dr. Matteo Pacini

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
PISA (PI)
VIGEVANO (PV)
ROMA (RM)
ALESSANDRIA (AL)
BRESCIA (BS)
LUCCA (LU)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Sussiste, perché ne ha fatto uso. Inutile che vada a giustificarsi come fosse una critica, stiamo parlando di criteri diagnostici.

Se allora non vede nessun problema, non si capisce perché abbia scritto.

Ha riportato un discorso in cui si dice che non ha determinate diagnosi per poi concludere che invece le ha e darle una terapia che, secondo me, è stata provata a dosaggio basso per poi verificare e decidere in futuro. Che a priori si debba stabilire che non servono dosaggi "normali" invece non ha senso.
Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it