Utente 430XXX
Gentili dottori soffro da tempo di insonnia.
Sia difficoltà ad addormentarmi che a mantenere il sonno .
Ho provato varie benzodiazepine ma dopo un po’ esauriscono il loro effetto. Ultimo EN 80gg e Esilgan 4mg che non mi facevano più niente.

Allora mi è stato dato il Rivotril a 20gg ma neanche niente.
Allora il mio curante dopo aver scalato le benzodizepime ha deciso di darmi la seguente cura:

Depakin 300mg
Largactil 25 mg

Ha detto che se non funziona così bisogna aumentare il depakin a 500.
Non capisco come possa il depakin farmi dormire dato che ho letto che è uno stabilizzante dell’umore.
Nella vostra esperienza fa dormire?

Saluti

[#1] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Prenota una visita specialistica
Ad ogni variazione da una richiesta per capire come possa agire la stessa.

L’ultima variazione sarebbe avvenuta meno di 15 giorni fa per cui non avrebbe neanche il tempo per far agire la terapia.

Ad oggi ha ricevuto una nuova variazione, la prova come indicato e ne parla con il suo psichiatra.


Dr. F. S. Ruggiero

http://www.francescoruggiero.it
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it

[#2] dopo  
Utente 430XXX

Dott.Ruggiero ma si rende conto che il più delle volte le sue risposte sono senza senso.
Se stiamo qui a scrivere è perché abbiamo un disaggio e nel mio caso ho chiesto di sapere come possa funzionare il depakin per insonnia.

[#3] dopo  
Dr. Francesco Saverio Ruggiero

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
AVELLINO (AV)
ISCHIA (NA)
TARANTO (TA)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2003
Lei invece non si rende conto che ogni tre giorni ha sempre un disagio (con una sola g) da dover esplicitare perché non va mai bene la terapia che le viene prescritta.

Non è che sapendo il funzionamento del farmaco per l’insonnia la cosa le risolverà la questione perché il farmaco va provato e capire se va bene per lei nel suo caso.


Oltretutto richiedere rassicurazioni non porta a ridurle ricevendole sebbene al contrario fornire continue rassicurazioni ne alimenta delle altre.

Cerchi di avere più consapevolezza di malattia.
Dr. Francesco Saverio Ruggiero
http://www.francescoruggiero.it
http://www.psichiatra-psicoterapeuta.it