Ipocondria e presunta depressione

mi rivolgo a voi medici per un problema che è iniziato un mese e mezzo fa.

a seguito di una esercitazione di pugilato dove ho preso alcuni pugni c’è stata una settimana dove ho avuto spossatezza, depersonalizzazione, derealizzazione cronica e leggero offuscamento della vista.
ho fatto alcuni esami consigliati dal medico curante per escludere cose più gravi ed in effetti la tac non presentava nessuna stranezza.
premetto che sono sempre stato ipocondriaco ma dopo questo periodo ho avuto attacchi di panico, ansia molto forte per paura di avere una malattia mentale grave.
ho notato che dopo l’esito della tac la Depersonalizzazione e derealizzazione si erano alleviate, forse perché mi ero leggermente tranquillizzato ma purtroppo sono ritornate.
Questo mio stato mentale non mi permette di svolgere le normali attività giornaliere: non mi va più di uscire, non riesco a studiare, non mi va di allenarmi e le cose che prima mi piacevano ora non mi interessano minimamente.
quando sono in preda all’ansia mi rassegno al fatto che ho una malattia malattia mentale e ho paura che non potrò più uscirne o che in futuro non riuscirò ad avere una vita normale.
Quattro mesi fa ho perso mio padre e forse questo mi porta a pensare alla morte (non al suicidio) ma alla paura di poter perdere altri famigliari etc.
ora momentaneamente prendo 1mg di teanina al giorno in compresse, e tra un po’ inizierò un percorso dallo psicologo anche se ammetto che ho un po’ paura che neanche lui riesca ad aiutarmi.
Detto questo volevo farle alcune domande:
può essere che io sia depresso?

Dovrei essere visitato da una psichiatra?

avrò bisogno di psicofarmaci?
(anche se non ho ancora raggiunto la maggiore età)
[#1]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 35k 861 226
Sì, mi farei visitare. Se gli esami sono eseguiti non per un sospetto diagnostico medico ma per una preoccupazione, si rischia di farli funzionare come rassicurazione. E quindi non è che "nonostante" quelli l'ansia ritorna, anzi ritorna a causa anche di quelli, che alimentano l'idea di partenza.
Si faccia guidare sugli accertamenti (il che può voler dire anche che non ve ne siano da fare) e se già sa di avere questo problema d'ansia, si può far dare un parere.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

[#2]
dopo
Utente
Utente
la ringrazio per la sua rapida risposta.
ho fatto vari esami: tac, visita neurologica (effettuata dal medico curante), esame del sangue, delle urine e visita oculistica e nessuno di questi esami ha avuto evidenti anormalità, il che vuol dire che la mia ansia sia dovuta da altri fattori?

e poi volevo chiederle un’altra cosa:
lo psicoterapeuta saprà prescrivermi dei farmaci che siano adatti al mio peso ed età?
[#3]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 35k 861 226
I farmaci non sempre vanno a peso, e come età, ne ha 18. Comunque lo psichiatra è lì appositamente per ragionare su queste cose.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Visite e Consulti Skype : "Studio Psichiatrico Pacini"

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio