Paura malattia mentale. Bisogno di aiuto

Gentilissimi dottori, sono qui a porre dei quesiti e ricercare un aiuto, un consiglio, seppur virtuale.

Sono un soggetto ipocondriaco con doc diagnosticato.
Due anni fa ebbi una brutta depressione, curata con cipralex e xanax.
Dopo un anno di cura riprendo in mano la mia vita, mi laureo, tutt’ora sono iscritta alla magistrale e lavoro saltuariamente, per cui sto apparentemente bene.
Nonostante questo, sto attraverso di nuovo un momento durissimo psicologicamente.
Non mi sento più in me.
Faccio pensieri strani e passo da una paranoia ad un’altra.
La paranoia attuale è che io possa essere affetta da disturbo borderline o chissà quale altra brutta malattia.
Sono traumatizzata da un omicidio avvenuto nella mia città, l’ennesimo caso di femminicidio.
Ho iniziato ad avere timore che qualcuno possa farmi del male, per esempio le persone fidate.
Ho poi razionalizzato il tutto e questa paranoia è passata in pochi giorni.
Il problema è che sono ricominciati i pensieri intrusivi: ho paura che qualcuno possa farmi del male, ho paura di impazzire.
Naturalmente è un periodo di ansia profonda e certamente non curata.
Voglio sottolineare che ogni pensiero intrusivo che si annida nella mia mente lo riconosco tranquillamente come paranoia, so bene che è tutto frutto della mia immaginazione, della mia ansia e delle mie paure.
Durante la giornata sto bene, penso ad altro e vivo la mia vita.
La sera mi metto a letto e tornano alla mente pensieri strani.
Durante questi pensieri, poi, mi auto giudico, rido di me e mi sento una fallita proprio per le paranoie che la mia mente riesce a creare.
Poiché, appunto, so benissimo che quello che penso non è assolutamente frutto della realtà.
Questi pensieri intrusivi possono derivare dal doc?

Non torno dallo psichiatra da un anno, dalla ripresa dalla depressione insomma.
Ho paura, appunto, che la situazione sia peggiorata e che io possa aver sviluppato qualche malattia mentale ben più importante del doc.
Consigliate una rivalutazione psichiatrica?
Potrebbe essere tutto legato ad un momento di fortissima ansia e fortissimo stress, al momento non curati?
Grazie di cuore
[#1]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 44.4k 1k 248
La cosa più strana di tutto ciò, che da sola fa capire la situazione, è che non sia tornata dallo psichiatra e sia qui a chiederlo.
Ma la depressione questo fa fare, omettere degli atti semplici e logici come se fossero un problema. E l'ossessività fa star lì a porsi domande, in questo caso di tipo preoccupato e sostanzialmente vuoto di contenuti, un dubbio essenziale.

Vada certamente a farsi vedere, ha già una cura di riferimento tra l'altro.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini

[#2]
Utente
Utente
Gentile dottore, la ringrazio davvero per la risposta. Purtroppo non ho un vero e proprio riferimento in quanto fui diagnosticata dal neurologo-psichiatra il quale certamente può seguirmi nel percorso farmacologico ma non mi garantisce la vera e propria seduta psichiatrica della quale avrei bisogno. Anche per questo sono frenata dall’ andare, forse dovrei trovare un nuovo specialista che possa seguirmi. Quindi tutto questo malessere è sempre relativo a doc e depressione? Più che altro perché quando ero depressa la mia vita non aveva significato, per questo attribuisco la depressione al non fare nulla, non mangiare, cosa che non sto vivendo adesso; magari si sta ripresentando ma con forma e contenuti diversi. L’ossessività invece è certamente presente in quanto passo da una paranoia all’altra, seppur cosciente del fatto che siano solo paranoie e non fatti reali.
[#3]
Dr. Matteo Pacini Psichiatra, Psicoterapeuta, Medico delle dipendenze 44.4k 1k 248
Lasci decidere al medico di cosa c'è bisogno.
SI sta ponendo questioni con un unico risultato: ritardare e omettere le cure che già conosce.
Probabilmente l'ossessività le fa pensare di aver bisogno di sedute in cui discutere e sviscerare i suoi dubbi: niente di più errato nel caso.
SI rivolga ad uno psichiatra.

Dr.Matteo Pacini
http://www.psichiatriaedipendenze.it
Libri: https://www.amazon.it/s?k=matteo+pacini

Disturbi di personalità

I disturbi di personalità si verificano in caso di alterazioni di pensiero e di comportamento nei tratti della persona: classificazione e caratteristiche dei vari disturbi.

Leggi tutto