Crisi di coppia dopo aborto spontaneo

Salve vi scrivo per un vostro parere.
Con mia moglie stiamo insieme da 6 anni e sposati da maggio 2108.
Sono 4 anni che mia moglie ha smesso di prendere la pillola perché volevamo provare ad avere un figlio/a ma ci siamo resi conto da subito che in modo naturale non andava finché abbiamo deciso di fare dei controlli e abbiamo scoperto che mia moglie ha le ovaie policistiche e da quel momento anche perché non lavoravo abbiamo un po’ messo da parte la speranza anche se non abbiamo mai usato precauzioni. A settembre 2018 dopo il matrimonio abbiamo deciso di farci aiutare da una clinica e mia moglie ha incominciato un trattamento ormonale ( punture tutti i giorni fino al momento dell’ovulazione ) e dopo un primo tentativo fallito il secondo e andato a buon fine e il 28 dicembre abbiamo scoperto che era incinta, l’8 gennaio primo controllo e già la dottoressa ci ha detto che qlc non andava, il 16 secondo controllo e la conferma che avrebbe avuto un aborto spontaneo.
Il 18 ha incominciato ad avere le prime perdite e da lì mia moglie è cambiata completamente, la settimana successiva ha baciato un’altra persona e dopo una settimana mi lasciato e chiesto il divorzio.
Io sono convinto che è tutto collegato alla perdita, stava quasi in depressione prima perché non si sentiva donna per il fatto che non poteva avere figli naturalmente.
Il problema che non vuole nemmeno provare a farsi aiutare e con me praticamente ha messo un muro.
Cosa posso fare e cosa ne pensate ?
Grazie in anticipo
[#1]
Dr. Carla Maria Brunialti Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 14,3k 446 103
Gentile utente,

i problemi della difficoltà a rimanere incinta,
uniti a quelli della PMA (Procreazione Medicalmente Assistita),
frequentemente sono in grado di mettere in crisi la coppia.

Noi qui non sappiamo se la Vostra coppia mostrava già in precedenza qualche crepa.

Ma ora riguardo a Sua moglie dice:
"..Il problema che non vuole nemmeno provare a farsi aiutare e con me praticamente ha messo un muro.
Cosa posso fare e cosa ne pensate ?"

Il problema sta nel fatto che ogni PMA adrebbe supportata psicologicamente.

Se una volta che l'evento si è concluso Sua moglie ha messo un muro,
che fare?
Noi qui, online,
non siamo in grado di aiutarLa direttamente,
se non indirizzando Lei che ci scrive
ad un percorso psicologico che Le fornisca indicazioni sul come gestire al meglio la complessa situazione,
ed evitando errori.

Saluti cordiali.
Dott. Brunialti

Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio per la risposta.
Da parte mia ovviamente crepe non ne ho notate, certo come in ogni coppia ci sono stati alti e bassi ma niente che mi avrebbe fatto pensare ad una crisi così.
Anche lei sia sui social, sia parlando con mia madre e anche in suo diario che ha lasciato a casa diceva e scriveva che ero l’uomo della sua vita, che non vedeva l’ora di farmi diventare papà, che era sicura che sarei un bravo papà, che ero l’uomo della sua vita e a dicembre ha anche scritto che era fortunata ad avermi al suo fianco.
Ha incominciato a parlare di dubbi confidandosi anche con sua cugina a partire dal secondo controllo in cui eravamo sicuri di averlo perso.
Nel momento in cui mi ha lasciato mi ha anche detto che nel momento in cui ha scoperto che era incinta ha capito che non voleva un figlio da me, ma ho scoperto che a sua madre ha detto che non sapeva se era contenta o triste. Quello che trovo strano e che nel momento in cui ha fatto il test ed era positivo ha filmato la mia reazione, e visto che stavamo dai miei in vacanza abbiamo deciso di dirlo subito anche a loro e ha filmato anche la loro reazione. Quando siamo tornati dalle vacanze ha visto sua mamma dopo una settimana, nel frattempo avevamo già fatto la prima visita e la ginecologa ci aveva già detto che non era fiduciosa, e ha filmato anche la sua reazione e poi me l’ha inviata perché stavo a lavoro. Non capisco se è veramente come dice lei che o si e resa conto di non volerlo o non era sicura di cosa ha provato perché fare questi filmini?!
Grazie in anticipo per una eventuale risposta.
[#3]
Dr. Carla Maria Brunialti Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 14,3k 446 103
"..perché fare questi filmini?!.."

La risposta ce l'ha solo la signora.

Nessuna ipotesi
-nè Sua, nè nostra posto che ne facessimo qualcuna per quanto del tutto improduttiva-
risulterebbe utile.

Non rimarrebbe che chiederlo all'interessata,
sempre che rivesta una qualche importanza nell'insieme di tutti i problemi presentati qui.

Saluti cordiali.
Dott. Brunialti

Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

[#4]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio e le auguro una buona serata.
[#5]
Dr. Carla Maria Brunialti Psicologo, Psicoterapeuta, Sessuologo 14,3k 446 103
Grazie, ricambio.

Saluti cordiali.
Dott. Brunialti

Dr. Carla Maria BRUNIALTI
Psicoterapeuta perfezionata in Sessuologa clinica, Psicologa europea.
www.linkedin.com/in/brunialtisessuologaclinica/

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio