Utente 863XXX
Salve, ho 37 anni e in famiglia sia mia madre che mia zia hanno avuto il cancro al seno. Io faccio regolarmente i controlli. Di recente ho fatto una mammografia, e questo è il referto: "Mammelle a prevalenza della componente fibro-adiposa. Non si osservano immagini attribuibili a lesioni con carattere evolulivo né microcalcificazioni aggregote sospette. Calcificazioni e microcalcificazioni sparse di significato distrofico bilateralmenle.
Profili cutaneí r egolari. Linfonodo aspecifico nel cavo ascellare sinistro.
Si consiglia completamenlo diagnostico con esame ecografico. In assenza di rilievi clinici intercorrenti, il prossimo controllo mammografico andrà eseguilo tra l2 mesi".
La domanda è questa: che significa linfonodo aspecifico nel cavo ascellare sinistro? E' una cosa preoccupante? Ho già prenotato un'ecografia, ma vorrei avere qualche notizia in più perchè sono un pò preoccupata.
Grazie tante per il tempo che mi dedicherete e per la risposta.
Quadro mammografico odierno pressoché stabile rispetto ad un precedente controllo del 13. 05. 2010 portato
in visione.
Dott

[#1] dopo  
Dr. Silvio Antonio Marino

24% attività
0% attualità
4% socialità
RAVENNA (RA)
BOLOGNA (BO)
SAN LAZZARO DI SAVENA (BO)
CESENA (FC)
ROSETO DEGLI ABRUZZI (TE)
NOVI DI MODENA (MO)

Rank MI+ 28
Iscritto dal 2011
Gentile paziente, è molto frequente che alla mammografia siano visibili dei linfonodi radioopachi a livello del cavo ascellare in conseguenza dell'infiammazione cronica a cui sono sottoposti nel corso della vita per la sudorazione stessa, nonchè l'uso di deodoranti e la depilazione. Normalmente alla nascita hanno delle dimensioni ridotte e sono invisibili ed impalpabili ma nel corso del tempo diventano come dei fagioli per cui spesso quelli più superficiali sono anche palpabili. Il medico radiologo si è limitato a descrivere ciò che ha visto, specificando tra l'altro che le caratteristiche del linfonodo alla mammografia non sono patologiche.
Cordiali saluti.
Dr. Silvio Antonio Marino
Specialista in Ginecologia e Ostetricia
Diagnostica e Chirurgia della Mammella

[#2] dopo  
Utente 863XXX

Gentile Dottore, la ringrazio per la risposta.
Mi ha tranquillizzata molto. Farò comunque l'ecografia per sicurezza.
Cari saluti.

[#3] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
1)Si tratta di un quadro di assoluta normalità.

2) L'integrazione diagnostica tramite ecografia è stata richiesta non per la presenza del "linfonodo aspecifico"
ma probabilmte per la discreta-elevata densità mammografica [(fisiologica alla sua età * ) riscontrata.

E la presenza di linfonodi aspecifici-reattivi (=reagiscono ingrossandosi) è di ordinaria osservazione in quella sede e non hanno alcun significato, nè richiedono approfondimenti di sorta.

https://www.medicitalia.it/minforma/oncologia-medica/63-linfonodi-linfoghiandole-adenopatie-ed-sistema-linfatico.html


3)Sui precedenti familiari (mamma, zia) i dati che ha scritto sono incompleti soprattutto se non si specifica l'età di insorgenza (< dei 50 anni ?) per poterli considerare come fattori di rischio che si sommano a quelli personali. Quelli insorti dopo i 50 anni pur in assenza di una dimostrazione hanno il significato di tumori "sporadici", altra cosa rispetto a quelli familiari e/o ereditari.

https://www.medicitalia.it/minforma/oncologia-medica/69-tumori-ereditari.html

http://www.senosalvo.com/valutazione.htm

4)>>Io faccio regolarmente i controlli>>

Questa è già una buona abitudine (prevenzione secondaria), ma purtroppo (scommetto ^__^ !!!) nessuno
raccomanda a sufficienza che occorre puntare anche sulla prevenzione vera che allo stato delle conoscenze attuali risulta efficace per quanto riguarda quella alimentare (+ attività fisica)

http://www.senosalvo.com/menu_di_lunga_vita.htm

http://www.senosalvo.com/vero_falso_dieta.htm

http://www.senosalvo.com/camminare_almeno_30_min_giorno.htm


(*) se presente in post menopausa rientra tra i fattori di rischio più importanti ed equivalenti ad avere due familiari ammalati di tumore al seno.

http://www.senosalvo.com/fattore_rischio_reale.htm


Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#4] dopo  
Utente 863XXX

Gentile Dott. Catania,
La ringrazio infinitamente per la risposta fornita che mi ha ulteriormente tranquillizzato. Consulterò i link da Lei consigliati e farò tesoro dei Suoi suggerimenti.
Grazie ancora.