Utente 407XXX
Buongiorno Dottore, ho 50 anni e ieri ho eseguito una mammografia. Purtroppo nella diagnosi leggo "a sinistra in sede retroareolare comparsa di microcalcificazioni con aspetto ramificato ed estese per 15 mm. meritevoli di accertamento mediante agobiopsia stereotassica". Sono molto preoccupata mi può aiutare a capire la gravità della cosa? l'anno scorso quando ho fatto la mammografia non erano presenti. Questa biopsia che dovrò fare sarà molto invasiva? Inoltre se l'esito dovesse essere positivo e quindi presenza di cellule maligne a cosa andrò in contro?.
La ringrazio anticipatamente per la sua attenzione e cortesia.

[#1] dopo  
Dr. Salvo Catania

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
LECCO (LC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2005
In una mammografia "trasparente" le calcificazioni essendo sostenute da deposito di sali di calcio (fosfati, carbonati, ossalati ecc) sono di facile rilievo soprattutto con la strumentazione moderna.

Esse tuttavia sono talvolta difficili da interpretare (il cosiddetto valore predittivo positivo in alcune casistiche è di appena il 10 %)
e la difficoltà di interpretazione aumenta in rapporto alla evoluzione tecnologica che permette di vederne sempre di più e sempre più piccole.

Sembra quindi più opportuno parlare di calcificazioni, definendole di volta in volta "benigne", "dubbie" e di "tipo maligno" .

Le calcificazioni benigne non richiedono neanche controlli e quelle maligne devono essere sottoposte a intervento chirurgico.

Quelle dubbio-sospette vanno meglio definite tramite un approfondimento diagnostico cioè con un esame istologico, che può essere ottenuto con un intervento bioptico a cielo aperto o con uno strumento chiamato Mammotome, che si basa sull'aspirazione meccanica eseguita da un apposito strumento connesso con una agocannula.
http://www.senosalvo.com/approfondimenti/agobiopsia_della_mammella.htm

Tanti saluti
Salvo Catania
Salvo Catania, MD
Chirurgo oncologo-senologia chirurgica
www.senosalvo.com

[#2] dopo  
Utente 407XXX

Buongiorno Dott. Catania, la ringrazio infinitamente per la risposta, però vorrei solo sapere se l'esame che dovrò effettuare è molto invasivo e inoltre, non le nascondo che sono veramente preoccupata per l'esito dello stesso.
La ringrazio in anticipo per la sua gentilezza.
Cordialmente