Utente 276XXX
Salve,
ho 38 anni. Dal mese di giugno ho cominciato ad avere, con una frequenza di circa una volta al mese, fenomeni di urine scure alla prima pipi del mattino. Ultimamente questa frequenza è aumentata (tipo una volta la settimana). Premetto che ho fatto i seguenti esami:

- diversi esami delle urine (in cui oltre alla presenza di sangue si evidenziava alle volte una proteinuria che oscillava tra 0,10 a 0,30)
- Svariate ecografie della vescica (sempre pulita e senza residui post-minzionali) e dei reni (da dove gia si poteva constatare la presenza di sabbia)
- n.2 TAC addome completo (una senza mdc e una con mdc) dove si evidenziavano in entrambi i reni (maggiormente in quello destro) presenza considerebole di sabbia e qualche microcalcolo ( che vanno dai 2 ai 4mm )
- esame citologico delle urine su tre campioni (negativo)
- Cistoscopia (negativa tranne una leggera stenosi uretrale causata pero' da una sorta di "membrana" che a quanto pare si è accumulata a causa dei diversi fenomeni di cistite che ho avuto nel corso degli anni) che cmq l'urografo è riuscito a superare, rimuovendo l'ostruzione.
Allora ho consultato anche un nefrologo, il quale mi ha fatto fare tutti gli esami del sangue del caso, anche qui tutto negativo tranne la proteinuria delle 24h pari a 0,23 mg/die (contro il limite che deve essere inferiore a 0,14).
Insomma, ancora non si riesce a capire il perche di queste urine, che alle volte risultano molto scure (quasi cocacola), altre mattine tendono al giallo scuro/arancione oppure risultano normali.
Premetto che bevo in media al giorno circa 2 litri d'acqua e poi faccio la seguente terapia:

- al mattino mezzo limone spremuto in un bicchiere d'acqua
- Nefrolin Plus
- Soluzione Shoumm

Tutto questo mi ha provocato forte stress durante i primi mesi.
Quello che pero' mi è sembrato di notare è che questi fenomeni si presentino in giorni di maggiore stress, perche quando mi sento sereno, questo fenomeno non si verifica (ossia niente sangue delle urine al mattino), o quanto meno ho avuto quest'impressione piu volte.
Mi domando quindi...è possibile che il forte stress avuto in questi mesi possa causarmi questo fenomeno quando si presenta un momento piu stressante?
Mi consigliate di effettuare altri esami specifici?
Grazie.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Gentile Signore,
lo stress può causare molti problemi, ma sinceramente ci pare improprio accusarlo di essere causa sanguinamento nelle urine. Da tutti gli accertamenti eseguiti, ora assolutamente completi, iIl dubbio di una causa neoformativa è stato fugato con ragionevole margine di certezza, pertanto l'unico fattore incriminato in modo ragionevole può essere la presenza dei calcoli. Elementi di 4 mm ci paiono già un po' grandi per essere definiti microcalcoli, specie se presenti in un certo numero ed accompagnati da più fine renella. D'altro canto, tutto ciò ha ancora un'entità tale da rendere discutibile qualsiasi tipo di intervento. La terapia che lei sta seguendo è certamente appropriata, ma i risultati dovrebbero essere evidenti a tempi medio-brevi, nell'ordine dei 3 mesi. Nella nostra esperienza diretta è contemplata la possibilità in casi molto selezionati di provvedere ad una "bonifica" endoscopica con asportazione anche di numerosissimi piccoli calcoli in corso di una ureteroscopia operativa flessibile bilaterale in tempo unico. Le indicazioni sarebbero comunque da precisare con attenzione e questo intervento è certamente più giustificato nei casi in cui i calcolini sono anche causa di dolori e piccole coliche. La possibilità di arrendersi all'evidenza, ed accettare qualche episodio di urine scure, una volta che ci si è messi l'anima in pace riguardo ad ogni dubbio, è comunque accettabile e, fino a non molto tempo fa, una scelta praticamente obbligata.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 276XXX

Grazie per la sua risposta Dottore.
Ma non potrebbe essere, visto che queste urine scure le ho solo alle prime ore del mattino, che si tratti di emoglobinuria parossistica notturna? So che è una malattia rara, pero' vorrei essere assolutamente sicuro che si tratti all 100% di calcoli e renella.
La ringrazio anticipatamente.

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Gentile Signore,
è ovviamente normale che le urine del mattino siano più dense, a meno che lei punti la sveglia ogni due ore per bere acqua! Pertanto è normale che un modesto sanguinamento si palesi maggiormente appunto con la prima minzione. L'emoglobinuria parossistica ci pare una manifestazione un po' difficile da evocare come causa di urine pigmentate, in presenza di calcoli nelle vie urinarie: d'ogni modo, si dovrebbe manifestare all'esame delle urine con presenza di emoglobina e NON (ovvero molto meno) di globuli rossi integri. I nostri Colleghi nefrologi sono molto più competenti ed abili a giudicare questo tipo di sospetto diagnostico ed a dirimere questa sua curiosità. Si tratta semplicemente di eseguire l'esame delle urine su campioni prelevati a varie ore del giorno e valutare la eventuale differenza nei risultati. I nefrologi hanno inoltre in serbo anche altri tipi di indagine per studiare simili situazioni.

Saluti
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing