Utente 505XXX
Buongiorno a tutti,
in questo momento sono in vacanza in Spagna ed ovviamente sorge un problema, inizialmente mi è comparso un dolore al canale interno del pene ma solamente nell’ultimo tratto, per circa 2cm in corrispondenza del glande, fastidio continuo ma che inizialmente era più doloroso (ieri in giornata) durante la minzione, poi ieri sera ho avuto anche qualche dolore nella schiena, lato sinistro (ipotizzo il rene) potrebbe essere il rene solo perché quel rene era stato soggetto ad una emorragia dopo un incidente in moto avuto 4 anni fa ma risoltasi completamente già allora.

Stamattina invece mi sveglio e sento di avere un dolore all’inguine sul lato sinistro del pene, è come se ci fosse una noce un po’ dolorosa.

Un’ultima informazione utile è che lo scorso ottobre ho avuto una cistite e per questo ho fatto una ecografia addome completo ad aprile o maggio come ulteriore controllo e tutto era a posto, il rene era sano ed non si evidenziava alcuna presenza di calcoli.

Sapete dirmi cosa potrebbe essere?

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Lei è registrato come donna di 31 anni, la preghiamo di inoltrare il consulto da un suo profilo personale.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 505XXX

Ho aggiornato il mio profilo, era stata solo una svista la registrazione come donna. Sono un uomo di 31 anni, altezza 1.73 cm e peso 65 kg. Attendo un suo riscontro Dottore.

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Considerati i suoi precedenti e la presentazione un po' vaga e migrante dei suoi disturbi si potrebbe trattare di una recidiva di prostatite, indotta da qualche piccolo stravizio vacanziero. In assenza di febbre diremmo che la situazione potrebbe anche tendere a stabilizzarsi semplicemente con uno sile di vita più regolato sotto tutti i punti di vista e bevendo molta acqua. Se questo non accadesse entro qualche giorno, ovvero i disturbi tendessero a modificarsi o accentuarsi sarebbe il caso che si facesse comunque visitare da un medico, per la prescrizione di una eventuale terapia.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 505XXX

Innanzitutto la ringrazio per la pronta risposta, è stato davvero esaustivo, detto questo, ad aprile o maggio quando mi è stata fatta l’ecografia addome completo, mi è stato fatto anche un esame della prostata ed era di dimensione regolare, può essere variata da allora? In ogni caso normalmente bevo dai 2 ai 3 litri di acqua al giorno, ultimamente non ci sono riuscito molto e qualche stravizio l’ho avuto effettivamente. Da oggi tornerò a bere e mangiare bene, tenendo sotto controllo la situazione.

Grazie ancora.

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Solo una parte dei disturbi prostatici sono legati al volume della ghiandola, che comunque inizia fisiologicamente a modificarsi ad un'età decisamente superiore alla sua.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing