Utente 508XXX
Sono un ragazzo di 19 anni, all’eta Di tre mesi mi è stata rimossa la ghiandola surrenale sinistra per un neuroblatoma superato poi con successo. Nel 2015 mi sono state tolte delle ernie al testicolo sinistro e da qualche giorno ho notato di avere il tes dx letteralmente ENORME, grande quasi quanto un pugno.
Mi sono immediatanente rivolto al mio urologo che mi ha fatto un’ecografia, diagnosticandomi un idrocele di medio,grandi dimensioni, che richiede un intervento con priorità b.
Nel frattempo ho iniziato ad accusare delle lievi fitte al testicolo sinistro, i linfonodi inguinali si sono gonfiati e ho iniziato a percepire degli sparsi bruciori addominali (verso la parte bassa) e delle volte dei dolori alle gambe.
Cercando delle possibili correlazioni tra questi dolori online, risultava purtroppo, ancora una volta la parola “tumore” in questo caso ai testicoli.
Chiedo quindi anche un vostro parere, poiché avendo già vissuto questo tipo di realtà, ne sono terrorizzato.
Non so se può essere influente, l’aver consumato rapporti sessuali non protetti con una donna affetta da cistite.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

“... linfonodi inguinali gonfiati ... percepire degli sparsi bruciori addominali (verso la parte bassa) e delle volte dei dolori alle gambe...” non sono sintomi che di necessità ci portano ad una diagnosi di tumore del testicolo.

Segua ora le indicazioni già ricevute dal suo urologo di riferimento e, se poi desidera avere altre notizie più dettagliate su eventuali problemi di natura andrologica che interessano i giovani uomini le consiglio di consultare, se non ancora fatto, anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/196-prevenzione-andrologica-eta-pediatrica-puberale.html

Qui potrà trovare tutte le raccomandazioni, date dal National Cancer Institute statunitense, su come fare correttamente l'autopalpazione del testicolo.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com