Utente 459XXX
Gentili dottori,
come prima cosa grazie per quello che fate,il forum è davvero utilissimo.
Passo ad esporre il mio problema.
Verso il 22 Ottobre ho incontrato la ragazza che sto frequentando da un pò di tempo e mi è successa una cosa strana.
Il fatto è andato così,non appena mi ha praticato un rapporto orale ho sentito come un bruciore proprio nel foro dove esce l'urina (non conosco il nome tecnico) la sensazione che si prova quando per errore ci va a finire del sapone e che per qualche volta che si pratica la minzione si avverte un bruciore.
In seguito abbiamo avuto due rapporti completi (con condom) e complice proprio il condom ho impiegato molto tempo per raggiungere l'orgasmo entrambe le volte,diciamo che in pratica ho mantenuto l'erezione per circa due ore.
Credevo che andando a casa e facendo pipì avrei avvertito bruciore,invece ciò non è avvenuto,ma in compenso (specie durante l'erezione) avvertivo un dolore al pene e tipo un prurito però nel condotto.Per il momento il prurito e il dolore sono affievoliti un bel pò ma ogni tanto avverto come un bruciore sempre al foro di uscita della pipì.
Ho pensato che potrebbe essere stata una infezione del cavo orale ma poi mi sono sentito di smentirmi perchè credo che una infezione abbia bisogno di un tempo materiale per attecchire e manifestare i sintomi quindi ho pensato potrebbe essere tipo il rossetto o lucidalabbra.
Ovviamente non essendo ferrato in materia attendo vostre delucidazioni.
Un'altra cosa che posso dire è che sia il glande che il balano che l'asta per ora non presentano segni rossi,squame,segni bianchi,insomma nulla di strano.
Ho visto però che da un pò la produzione di liquido preeiaculatorio è aumentata (sempre nelle fasi di eccitazione) ma ha la stessa viscosità,colore e odore delle altre volte.
Secondo voi a cosa potrebbe essere dovuto quel bruciore che a volte continuo ad avvertire??E cosa potrei applicare o prendere??
Attendendo vostra risposta cordialmente vi saluto,grazie in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Alessandro Izzo

28% attività
12% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
MASSA LUBRENSE (NA)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2016
Caro utente,
praticando coito interrotto ripetuto si può favorire un infiammazione della ghiandola prostatica. Di solito è una condizione transitoria, a volte invece può essere più duratura.
Se dovesse perdurare le consiglio un controllo specialistico.
cordialità
Dr. Alessandro Izzo
www.studiomedicoizzo.it
dott.alessandro.izzo@gmail.com

[#2] dopo  
Utente 459XXX

Gentile dottore,grazie per la risposta.
In realtà il rapporto orale c'è stato prima del rapporto sessuale,ma l'arcano credo sia stato svelato.
Si trattava di candida e mi hanno dato MYCOSTATIN sciroppo 4 ml a seduta per circa 5 volte al giorno,da deglutire.
In più mi hanno dato una pomata per le parti intime MECLON.
Ora però la mia compagna è andata dal suo ginecologo e ovviamente anche lei ha la suddetta infezione e il medico ha dato ad entrambi la compressa di DIFLUCAN 150.
Lei crede che debba sospendere lo sciroppo se prendo la pillola??
In più vorrei fare il test per tutte le MST ma mi hanno detto di aspettare almeno 15 gg dato che ho fatto e sto facendo la suddetta cura,lei crede che sia effettivamente così la prassi??
In attesa di una sua risposta cordialmente la saluto e la ringrazio.

[#3] dopo  
Dr. Alessandro Izzo

28% attività
12% attualità
12% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
MASSA LUBRENSE (NA)

Rank MI+ 52
Iscritto dal 2016
Segua i consigli datele dal collega. Cordialità
Dr. Alessandro Izzo
www.studiomedicoizzo.it
dott.alessandro.izzo@gmail.com