Utente 827XXX
Buongiorno, avendo una precedente ecografia transrettale evidenziato una lesione, a inizio ottobre ho effettuato una biopsia alla prostata su 4 campioni che ha dato il seguente risultato:

A, D) Adenocarcinoma prostatico acinare (Gleason score : 3+4; componente a pattern 4 pari al 20%).
Estensione della neoplasia: A10%, D 5-10%.
-Eseguite colorazioni immunoistochimiche per CK34betaE12 e Racemase.
B, C) Iperplasia adenofibroleiomiomatosa prostaticacon flogosi cronica aspecifica.
Grade group (WHO 2016) : 2 sec. ISUP 2014/WH0 2016

il giorno 25 ottobre ho concordato l'intervento di prostatectomia radicale con il mio urologo, mi è stato detto che avrei aspettato un mese.
L'intervento è reso più complesso dalla presenza di una stenosi uretrale, che richiede, prima dell'intervento, una cistoscopia.
Ora il mese è quasi passato ma non sono stato ancora chiamato dall'ospedale e sono abbastanza in ansia perché temo che il tumore, seppur confinato, prosegua il suo corso. La mia domanda è : per un tumore di questo tipo quanto tempo può ragionevolmente passare dall'intervento prima che il tumore diventi più aggressivo e che ci sia un rischio di diffusione?

Grazie in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Roberto Mallus

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
12% attualità
20% socialità
LATINA (LT)
APRILIA (LT)

Rank MI+ 68
Iscritto dal 2003
Il tumore e' lentamente progressivo ma e' il caso che si informi su quanto tempo debba ancora essere l'attesa.
Cordialmente
Dott.Roberto Mallus