Utente 168XXX
Buongiorno, circa una settimana fa ..forse anche dieci giorni, ho iniziato ad avvertire dei fastidi durante la minzione, soprattutto alla fine. La sensazione era come se si stesse "aprendo" qualcosa. In farmacia mi danno un integratore "cystis" preso per quattro giorni e la situazione non è migliorata per niente.. lunedì pomeriggio inizio ad avvertire dolore al basso ventre che piano piano andava verso il fianco per poi finire alla schiena. Prendo di testa mia una bustina di monuril che avevo in casa e nel frattempo il dolore diventa fortissimo, ingestibile, brividi e conati di vomito. Dopo circa due ore il dolore inizia ad attenuarsi, riesco a mettermi in piedi e vado alla guardia medica. Mi viene detto che potrebbe essere stata una colica renale. Ma potrebbe essere dalla cistite non curata ? Sono passati quasi due giorni, il fastidio durante la minzione è quasi del tutto sparito, ma sono ancora leggermente indolenzita , per di più il monuril mi ha dato problemi intestinali. Stasera mi recherò dal mio medico, ma sono molto preoccupata che possa ritornarmi il dolore...
Alla guardia medica mi hanno prescritto dello spasmex da prendere ogni 8-10 ore

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Nella fase più acuta della cistite, l'irritazione della mucosa può uale esecuzione di una ecografia dell'aessere tale da causare un rigonfiamento (èdema) in grado di ostruire temporanemente lo scarico di urina almeno da un rene. Si manifestano quindi i sintomi tipici della colica renale, anche se le modalità di insorgenza non ingannnao l'urologo esperto. La situaziione pare esseresi dunque risolta con una sola somministrazione di fosfomicina, i cui effetti collaterali sull'intestino sono molto frequenti. Le consiglieremmo di continuare a bere molta acqua e ripetere un esame delle urine con urocoltura tra 7.10 giorni. In base alla evoluzione dei sintomi, si deciderà poi sulla eventuale esecuzione di una ecografia dell'addome.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 168XXX

La ringrazio per la sua celere risposta. Io comunque continuavo ad urinare, forse la fortuna bdi aver preso la monuril poco prima del picco massimo mi ha aiutata, non saprei dirle.. ieri ho preso l'altra bustina di monuril, stasera andrò dal mio medico di base per vedere se opportuno proseguire con la terza dose.
Consideri che sono un'ansiosa patologica, e mia madre anni fa ha avuto una pielonefrite, quindi avevo il panico e la paura di avere la stessa cosa. Farò come mi ha detto,la ringrazio ancora per la cortesia e disponibilità. Il fastidio leggero, a volte favorito anche dai movimenti è normale che ci sia ?

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Oltre al dolore, la caratteristica peculiare della pielonefrite è la febbre. Per il resto, l'evoluzione ci pare regolare per questo tipo di manifestazioni.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 168XXX

Buonasera, sono passati 5 giorni dall'accaduto e mercoledì ho terminato il ciclo di monuril. Le scariche di diarrea le ho avute fino a ieri. Ho notato delle perdite marroni, verosimili alle perdite di fine ciclo. È possibile che siano dovute al monuril? La cistite sembrerebbe cessata, ho ancora l'addome leggermente dolorante e anche la schiena ma non capisco se sia appunto la schiena o i reni, poiché da ferma non avverto dolore ma solo in movimento

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Il dolore renale non è in genere evocato dal movimento, come invece il dolore legato alla muscolatura dorsale o alla colonna vertebrale.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing