Utente 539XXX
Buonasera,
Sono un ragazzo di 29 anni al quale è stato asportato un testicolo all età di 11/12 anni per torsione.
Nel corso degli anni ho effettuato vari spermiogrammi i quali sono risultati sempre nella norma, solo con un po di flogosi.
In settimana ho effettuato l'ultimo test che però mi lascia un po perplesso e prima della visita urologica prenotata per la settimana prossima volevo un vostro parere. Specifico che però il giorno dello spermiogramma, dopo averlo fatto, mi sono recato in ospedale per dolori al testicolo che avvertivo gia da qualche giorno e mi hanno diagnosticato un infiammazione dell epididimo.

Questi i risultati dello spermiogramma:
Astinenza 5gg
Aspetto normale
Fluidificazione completa
Consistenza normale
Volume 2,5
Ph 7,4
Conce. Spermat. 26
Conta tot. 65
Cellule rotonte tot. 6
Leucociti 4*
Agglutinati presenti
Motilità progr. Basale 34
Motilità tot. Basale 46
Vcl 42
Lin 56
Alh 6
Test vitalità 68
Seelling test 70
Forme normali 15
Mar test 0
Fruttosio 2,4
Conclusioni: conta spermatica normale, normale motilità percentuale e morfologia normale.

Quello che mi preoccupa di piu rispetto al precedente spermiogramma di qualche anno fa, oltre ai leucociti che ogni volta risultano di piu del previsto, sono:
- il volume che da 3,5 e sceso a 2,5;
- la concentrazione spermatica da 48 scesa a 26;
- la conta totale scesa da 168 a 65;
- gli agglutinati ora presenti mentre erano sempre assenti.

In ospedale per l'infiammazione dell epididimo mi hanno dato una cura che prevede Permixon per 30 giorni e Levoxacin per 5 giorni dopodichè effettuare un nuovo spermiogramma. Anche se loro i risultati che ho scritto a voi non li hanno potuti vedere visto che, come gia detto, l'esame lo avevo fatto in quello stesso giorno.

Ora mi e vi chiedo cosa ha potuto causare questa variazione di parametri? Mi devo iniziare a preoccupare o il tutto è dovuto all infiammazione dell epididimo? E soprattutto visto i risultati è adatta la terapia datami in ospedale? Vi ringrazio in anticipo.

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

segua le indicazioni già ricevute, risolva il problema infiammatorio a livello dell’epididimo e poi con le tempistiche corrette, che sempre il suo andrologo le indicherà, dovrà ripetere l’esame e su questo risultato potremo ridiscutere la sua reale situazione clinica.

Detto questo si ricordi comunque che sempre la visita medica specialistica in diretta rappresenta il solo strumento valido per poterle dare un’indicazione mirata e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 539XXX

Dr. Beretta, la ringrazio per la risposta tempestiva.
Si infatti ho gia preso appuntamento per lunedì col mio urologo privato, al quale mostrerò il referto dell ospedale e i risultati dell' ultimo spermiogramma. Sicuramente anche lui vorrà visitarmi e fare un ecografia per verificare il tutto.
Però devo confessare che, visto la mia situazione, inizio a preoccuparmi che stia iniziando un principio di infertilità. Lei che parere si è fatto leggendo i dati che ho trascritto poco fa? Ho letto un po su internet che la presenza di agglutinati non è per niente tranquillizzante però avendo un MAR TEST pari al 0% è un pò una contraddizione visto che con agglutinati si intende spermatozoi legati tra loro e questo ne impedisce o ne riduce la motilità. Ciò è provocato dalla presenza di anticorpi che attaccano i vari spermatozoi. Di conseguenza dovevano essere alterati anche i vari valori legatì appunto alla motilità e doveva essere alterata anche la percentuale del MAR TEST.

Cosa ne pensa? Il mio ragionamento è sbagliato? O il tutto porta a pensare che la mia fertilità sta venendo compromessa? La ringrazio ancora.

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Penso che purtroppo il MAR test non è un’indagine sempre da prendere per mirata e precisa ma spesse volte ci dà solo delle informazioni aspecifiche.

Segua ora le indicazioni che le darà il suo urologo-andrologo.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com