Utente 512XXX
Gentili dottori,
Chiedo aiuto sull’interpretazione dell’esito dell’esame del psa di mio padre.
Premetto che lui ha l’ipertrofia prostatica che tiene sotto controllo ogni anno con il suo urologo.
Ha fatto anche delle biopsie ma non hanno rilevato nulla.
Di seguito riporto esito esame fatto qualche giorno fa.
Come si deve interpretare? Qual’e il valore rilevante del psa?

S-PSA (T-PSA) 7,819
S-PSA LIBERO 1,48
Rapporto 18,9

Attendo vostro riscontro.
Grazie

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Purtroppo il PSA é un marcatore tumorale di cattiva qualitá, ma a tutt’oggi non é ancora disponibile una valida alternativa. Il valore mediamente elevato potrebbe essere compatibile con un ingrossamento benigno di una cera entitá in un soggetto avanti negli anni. Le precedenti biopsie negative sono senz’altro confortanti. Diremmo che, più che il valore assoluto, quanto può preoccupare l’urologo é un aumento costante e progressivo.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 512XXX

La ringrazio molto per la risposta.
Ma dei valori indicati, qual è il più rilevante su cui ci si basa?

Grazie

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Il valore principale è il PSA totale. Per valori compresi tra 4 e 10 ha un usuo significato anche il PSA libero, il cui rapporto con il totale non dovrebbe essere minore dell’11% (qui 18,9). Poi bisogna considerare la presenza e l’entità di eventuali sintomi e quanto apprezzato alla palpazione diretta (es. presenza di ingrossamento, irregolarità, noduli, ecc.). Fatte tutte queste considerazioni, se vi sono dei dubbi, si passa all’esecuzione di una risonanza magnetica multiparametrica della prostata e su questa ci si basa per indirizzare eventuali biopsie.
I gravi difetti del PSA sono che, pur essendo piuttosto sensibile, è poco specifico, ovvero si altera anche in molte situazioni che non sono tumorali (ingrossamento benigno, infiammazione, eccetera).

Le consigliamo la lettura di questo nostro articolo:

https://www.medicitalia.it/news/urologia/4947-scopre-il-psa-negli-anni-70-ed-oggi-pubblica-il-libro-il-grande-imbroglio-della-prostata.html
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 512XXX

Grazie mille per la spiegazione è per il link che vado a leggermi.
Buona giornata e buon lavoro