Utente 315XXX
Gentili dottori,
scrivo questa richiesta per una problematica riguardante mio padre di 71 anni.
A Ottobre scorso, in seguito ad un rialzo del psa costate (arrivato massimo a 7) ha fatto biopsia prostatica da cui è stato diagnosticato adenocarconoma Gleason score 4+ 4.
Ha eseguito scintigrafia ossea, eco addome completo, e pet/tc con colina, tutti negativi per metastasi.
Il mese scorso ha eseguito intervento di: " PROSTATECTOMIA RADICALE ROBOT ASSISTITA E LINFADENECECTOMIA ESTESA
A parte l'incontinenza non ancora risolta, mio padre si è ripreso molto bene, tuttavia,oggi è arrivato il risultato dell'istologico post intervento ed è peggio di quanto credessimo.
Scrive la struttura presso cui è stato operato:" IN RELAZIONE ALLA PRECEDENTE LETTERA DI DIMISSIONE SI COMUNICA L'ESITO DELL'ESAME ISTOPATOLOGICO DEFINITIVO: ADENOCARCINOMA PROSTATICO SCARSAMENTE DIFFERENZIATO GLEASON 9= 5+4 R+(pT3a.NO.Mx)"
DIAGNOSI:A) FIBROADIPOSO ESENTE DA LOCALIZZAZIONE NEOPLASTICA
B) 2 LINFONODI ESENTI DA METASTASI.
C) ADENOCARCINOMA SCARSAMENTE DIFFERENZIATO DELLA PROSTATA, LOCALIZZATO ANTERIORMENTE E POSTERIORMENTE NEL LOBO DI SINISTRA (9-12) INFILTRANTE E SUPERANTE LA CAPSULA FINO AL MARGINE DI EXERESI(10,11)E CON INFILTRAZIONE DEI FASCI MUSCOLARI DEL COLLO VESCICALE (8)
BASE PROSTATICA ESENTE DA LOCALIZZAZIONE NEOPLASTICA (5,6,7)
APICE PROSTATICO ESENTE DA LOCALIZZAZIONE NEOPLASTICA (1-4)
VESCICHETTE SEMINALI ESENTE DA LOCALIZZAZIONE NEOPLASTICA (13,14)
nr. LINFONODI ESAMINATI 11
LINFONODI METATSTAICI: 0
FENOTIPO DELLA NEOPLASIA (GELASON SCORE 9= 5+4
GRADE GROUPE SEC. WHO: ACINARE
INFILTAZIONE DELLA CAPSULA: PRESENTE CON SUPERAMENTO ESTENSIONE EXTRACAPSULARE (SPESSORE MM):3
MARGINE CHIRURGICO DI EXERESI (R):R+
INVASIONE ANGIOLINFATICA: NON EVIDENTE
INASIONE PERINEURALE: ESTESA
DIAMETRO FOCOLAIO NEOPLASTICO MAGGIORE: C,1,8
VOLUME FOCOLAIO NEOPLASTICO MAGGIORE: CC 1,5
VOLUME TOTALE DELLA NEOPLASIA CC 5,2
D)5 LINFONODI ESENTI DA METASTASI
E) 6 LINFONODI ESENTI DA METASTASI
pTNM: T3a N0Mx
stadio 3


Purtroppo comprendo poco cio' che significa tranne che mi sembra molto grave. Hanno inoltre consigliato sia radioterapia che terapia ormonale. Se qualcuno mi spiegasse cosa significa tutto ciò e quanto è grave vi sarei davvero molto grato...

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Si tratta dunque di un tumore aggressivo (Gleason 9) con iniziale interessa mento extra prostatico, anche se con linfonodi regionali negativi ed assenza di lesioni ripetitive allo scheletro. In quesi casi si consiglia certamente una terapia adiuvante, con combinazione di radioterapia e blocco androgenico ormonale. E' probabile,che qust'ultima terapia farmacologica venga poi sospesa a distanza. La prognosi è dscreta, anche considerandoi valori del PSA non troppo elvati e la relativa esiguità della lesione, anche se con miilimetrica infiltrazione extra-prostatica.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 315XXX

Gent. Mo dott. Piana, la ringrazio, ancora una volta, per la sua gentile risposta. Grazie per avermi spiegato in parole semplici la situazione. Papà è iperteso. In cura. Dalla sua esperienza, ritiene che il problema possa essere risolto dopo queste terapie? O è alto il rischio di recidive? Grazie ancora.

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Come le abbiamo già scritto, la prognosi è discreta, decisivo è il comportamento che si manifesterrà nel corso dei primi 2-3 anni.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 315XXX

Chiarissimo... Grazie. Se posso, un'ultimissima domanda vorrei porgliela.
Considerando questa familiarità e il fatto che io ho quasi 39 anni, a che età dovrei cominciare misurare il PSA? Ancora non l'ho mai misurato, seppur nel mese di settembre scorso ho fatto una visita urologica, dove la prostata è risultata nella norma, sia con eco sovrapubica che con esplorazione rettale.. Grazie in anticipo.

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Considerata la familiarità, si tratta di una di quelle rare situazioni specifiche in cui è opportuno controllare il PSA a partire dei 40 anni, quindi circa 10 anni prima del normale.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 315XXX

Grazie mille della gentilezza e della disponibilità dott. Piana. Le auguro un buon fine settimana.