Utente 509XXX
Salve dottori di medicitalia sono qui per esporre quanto segue:

Sono un ragazzo di 30 anni.

VARICOCELECTOMIA SX NOVEMBRE 2017
PREGRESSA PROSTATITE NICTURIA.

FASTIDIO E DOLORE POST-EIACULATORIO AL GLANDE ED AL TESTICOLO SX DIFFOCOLTA' AL MANTENIMENTO DELL'EREZIONE ANCHE PER LA COMPARSA DI DOLORE RIFERITO A TESTICOLO SX.

ECOGRAFIA: PICCOLE CALCIFICAZIONI NELLA PROSTATA
PICCOLA CISTITI EPIDIDIMO SX CON IDROCELE.

E.O. EPIDIDIMO SX DOLENTE
ER. LOGGIA NEI LIMITI MA DOLENTE ALLA PALPAZIONE SU ENTRAMBI I LOBI.

PROSTATITE SUB-ACUTO CRONICA CON RISENTIMENTO EPIDIDIMARIO

INIZIARE:

XATRAL 2.5 MG MATTINO E SERA PER TRE MESI
DEPROX SUPPOSTE UNA MATTINO E SERA X 5 GIORNI
DEPROX CP INSIEME PRIMA DEL PRANZO PER TRE MESI
CIALIS 5 MG UNA CP OGNI DUE GIORNI PER TRE MESI
AULIN BUSTINE UNA ALLA SERA STOMACO PIENO PER 4 GIORNI AL MESE PER TRE MESI.

Come avete ben capito questa è quanto mi è stato scritto dall'urologo che mi si segue da un'annetto. Le due domande che vi pongo sono le seguenti: è corretta la cura che mi è stata data? e la seconda domande che vi pongo.. Io personalmente non ho problemi erettivi perchè nei preliminari riesco a mantenere l'erezione, soltanto al momento della penetrazione perdo l'erezione e il medico mi ha detto causa: di questa prostata ricorrente infiammata e, dal dolore al testicolo sx dovuto a questa cistiti. C'è se assumo cialis per tre mesi dopo non avrò più l' erezione in modo naturale?

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Noi non siamo certamente qui per giudicare le cure prescritte da un Collega, che tra l'altro ha avuto l'insostituibile vantaggio di valutarla direttamente. I disturbi irritativi prostatici irritativi a lungo decorso (c.d. prostatite cronica abatterica) non hanno una terpaia sicuramente effcace, ogni specialsita si basa sulle sue abitudini ed esperienze. Ovviamente gli effetti debbono essere valutati in tempi nè troppo brevi, ma neanche troppo lunghi. Diremmo che dopo qualche nese si sarà in grado di giudicare e provevdere ad eventual variazioni.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 509XXX

Dottore, infatti le mie domande non erano poste nel dare un giudizio o meno sul urologo ma un parere se andava bene la cura o meno.

Poi dottore non avendo problemi erettivi perchè nei preliminari riesco a mantenere l'erezione, soltanto al momento della penetrazione perdo l'erezione e il medico mi ha detto che la causa di tutto ciò è questa prostatite batterica e anche la cistiti sulla testa dell'epididimo in cui sento dolore. La domanda in cui ho posto è la seguente: assumendo cialis 5mg una cp ogni due giorni per tre mesi, potrebbe portarmi ad avere problemi di non sapere mantenere più un erezione naturale? oppure serve soltanto a dilatare le vene sanguigne? dovuto a questa infiammazione in cui avendo una prostatite chiude i vasi sanguigni e non fa riuscirmi ad avere un erezione....

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Giudicare la validità di una prescrizione equivale sostanzialmente a esprimersi sulla competenza del professionista.
Il tadalafil a basso dosaggio in assunzione continua avrebbe il doppio scopo di attenuare i sintomi prostatici e sostenere una migliore erezione. I risultati sono comunque variabili e da valutare a distanza di qualche mese. Non si può comunque manifestare assuefazione. Il disturbo erettivo, con le modalità che lei ci riferisce ha però certamente anche una componente emotiva, magari inconscia e difficile da riconoscere.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing