Utente 540XXX
buonasera da visita urologica con urinocultura e spermicultura con antibiogramma ho scoperto di avere una prostatite batterica da stafilococco aureo da 10 giorni prendo minocin da 100 che devo prendere per altri 15 giorni e da 4 giorni ho iniziato topster supposte da 4 giorni che devo prendere per altri 15/20 in sostanza ancora non vedo miglioramenti e normale ? e soprattutto il topster dopo quado comincia a fare il suo effetto? condifo nella sua risposta

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
In effetti lo stafilococco aureo non è fra i batteri normalmente coinvolti nelle infezioni genito-urinarie, tranne casi molto particolari. Noi abbiamo per esperienza una cronica sfiducia nei referti della sperimiocoltura, poiché l'esame è spesso inficiato da contaminazione da batteri innocui che colonizzano l'area genitale e l'ultimo tratto dell'uretra. tra questi batteri è comunemente presente la flora garm positiva e fra questa proprio lo stafilococco. E' ovviamente errato trare delle conclusioni affrettate, ma resta ail dubbio che si tratti di una prostatite non infettiva, sulla quale è difficile attendersi l'efficacia di un antibiotico. Le supposte di cui ci scrive sono un rimedio molto comune, ma di efficacia relativa, tenedo conto che si tratta di un farmaco pensato per le infiammazioni dell'ultima parte dell'itestino e l'azione sulkla prostata è comunque indiretta.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 540XXX

Grazie della risposta praticamente mi sta dicendo che sto facendo una cura che non aiuta per il mio problema? Ho fatto anche psa ed è tutto nella norma la prostata dopo ispezione risulta un po ingrossata e ho lo stimolo subito dopo aver urinato

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Il PSA è sostanzialmente un marcatore tumorale ed alla sua età l'evenienza di un tumore prostatico è inverosimile. Il valore potrebbe anzi essere falsamente aumentato dalla presenza di una infiammazione della prostata, ma questo avviene in modo molto variabile. Non le stiamo dicendo che lei stia seguendo una terapia non idonea, cerchiamo solo di dare una lettura un po' più ampia della situazione per giustificare una certa resistenza ad ottenere il risultato voluto.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 540XXX

Grazie ancora della risposta oltre che continuare la cura e finirla cosa mi consiglia lei? Qualcosa di naturale che potrei prendere? Parlo di qualche erba

[#5] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Noi non abbiamo competenze erboristiche ... nè facciamo particolare affidamento sugli integratori alimentari.
La terapia è comunque da completare, se i disturbi non dessero segno di regressione è necessario che lei si rivolga nuovamente ad uno specialista in urologia.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#6] dopo  
Utente 540XXX

Buongiorno consiglia di prendere oltre la cura dell'urologo un integratore tipo urogermin prostata? Di quelli in commercio da permixon prostamol urogermin prostata ecc quale consiglia?

[#7] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
La nostra posizione in merito agli integratori alimentari di origine vegetale (basi principalmente sull'estratto di palma nana) è nota ed ormai centinaia di volte almeno ribadita in questa sede. Si tratta di prodotti dall'efficacia tanto variabile quanto imprevedibile, che per l'assenza di effetti collaterali significativi hanno avuto una vastissima diffusione negli ultimi decenni. L'indicazione originale sono comunque i disturbi urinari legati all'ingrossamento prostatico dell'età matura, ogni altro impiego è da considerarsi marginale. L'efficacia deve dimostrarsi in modo evidente entro tempi accettabili (alcuni mesi), altrimenti si rischia solo di sprecare dei soldi. Le differenze tra una preparazione e l'altra hanno più che altro un valore commerciale e pubblicitario.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#8] dopo  
Utente 540XXX

Gentilissimo nella risposta da quel che ho capito sono poco sponsorizzati da voi

[#9] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Lo scopo di questo servizio gratuito di consulenza telematica è unicamente informativo. Delle prescrizioni si devono occupare i nostri Colleghi che hanno un rapporto diretto con i pazienti.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#10] dopo  
Utente 540XXX

Si si certo sto già prendendo la cura prescritta dall urologo e avevo valutato un integratore naturale di quelli in commercio