Utente 448XXX
Buongiorno gentili dottori,
vi scrivo per un consulto a proposito di mio padre che ha 69 anni.
Qualche giorno fa ha fatto delle analisi del sangue complete, che comprendono anche il valore del PSA prostatico. Tutti i valori sono perfettamente nella norma, a parte il PSA che mi preoccupa perché è risultato a 23, quando i normali valori di riferimento sono inferiori a 4. Sette anni fa gli è stata diagnosticata un’iperpalsia prostatica benigna con valori che si aggiravano intorno agli 11-12. Questo aumento del valore secondo voi risulta particolarmente preoccupante o rientra sempre nel quadro di un’iperpalsia prostatica?
Ringrazio chi vorrà rispondermi, vi auguro una buona giornata.

[#1] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
Prenota una visita specialistica
Il PSA può anche salire a livelli così elevati in modo non specifico per ingrossamento benigno o infiammazione acuta, ma per affermarlo è indispensabile escludere con ragionevole certezza la presenza di un tumore maligno. pertanto, a meno che vi sia stata una recente importante infiammazione con sintomi evidenti (che lei non ci riferisce) sarà indispensabile innanzi tutto eseguire una risonanza magnetica multiparametrica della prostata, cui dovranno segure dei prelievi bioptici mirati in caso di sospetti od alterazioni evidenti. Tutto questo, ovviamente sotto il controllo diretto di un nostro Collega specialista in urologia.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#2] dopo  
Utente 448XXX

Grazie dottore per la sua risposta. Gli unici sintomi riscontrati sono un aumento della frequenza nell’urinare. Ho dimenticato di dire che anche gli esami delle urine sono apposto. Quest’ultimo dato farebbe escludere la presenza di infiammazioni?

[#3] dopo  
Dr. Paolo Piana

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
TORINO (TO)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2011
No, non è sufficiente. Il valore del PSA è comunque francamente alterato ed impone senz'altro l'esecuzione degli accertamenti di cui s'è scritto, anche che non si ravvisasse nessuna alterazione significativa alla visita diretta, oltr l'ingrossamento.
Dr. Paolo Piana
Responsabile Centro Calcolosi Renale A.O. U. Città della Salute e della Scienza - Torino
www.urologiatorino.org/landing

[#4] dopo  
Utente 448XXX

Va bene dottore, provvederemo...
La ringrazio ancora per la sua disponibilità e buona domenica .