aura  
Utente 148XXX
Buon giorno, ho gia' ricevuto qualche anno fa la risposta e sto facendo gli esami del sangue e eco doppler carotidi e cardiogramma tutto a posto.
Le domando: le emicranie dolorose sono iniziate a 25 anni e sono cessate a 45 circa e' rimasta l'aura sporadica, anche lei come l'emicrania
annuale sem. trim. Ho notato che se faccio attivita' con la testa rivolta all'insu' (tinteggiare, tagliare rami ecc.) l'aura dopo un giorno o giu' di li e' immancabile e anche ripetitiva per due tre giorni.
A 25 anni ho fatto la radiografia alla cervicale e c'era sofferenza alla c6 ,c7 ne avrei risentito intorno ai 50 mi disse il medico di base.
Chiedo per favore : il fatto che l'emicrania sia iniziata a 25 anni fa pensare che il cuore e' escluso ?(fpo o come si chiama).
Nel caso mi attivero' per l'esame specifico al cuore anche in privato e poi rifaro' comunque la lastra alla cervicale.
Le riallego l'esito rmn fatta nel 2000.
Non fumo, bevo poco e non sono celiaco.
grazie buona giornata
In fossa cranica posteriore il quarto ventricolo e' mediano e normale.Non si evidenziano alterazioni di segnale in coorispondenza del tronco encefalico e del cervelletto.
In sede sovratentionale il sistema ventricolare e' in asse ,di dimensioni e morfologia nella norma.Ls sostanza bianca periventricolare posteriore presenta aspetto iperintenso in t2, in prima ipotesi correlabile a sofferenza vascolare ischemica.Multiple piccole iperintensita' alcune delle quali puntiformi in parte confluenti sono documentabili lateralmente alle celle medie dei ventricoli laterali nei centri semiovalie ad sede sottocorticale anche tali alterazioni sono suggestive per lesioni vascolari ischemiche in esiti.
Minimamente ampliati gli spazi subarasnoidei frontali.

Valutazione ospedale

[#1] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Prenota una visita specialistica
Gentile Utente,

il reperto riscontrato alla RM encefalica di "piccole multiple iperintensità" non farebbe escludere un eventuale PFO.
Uno degli esami più indicativi di questa condizione è il doppler transcranico con mezzo di contrasto gassoso.
Ovviamente è solo una delle ipotesi possibili. È iperteso? Diabetico?
Considerato che l'aura si manifesta sporadicamente non sarebbe indicata una terapia di prevenzione.
Faccia comunque una visita neurologica.

Cordiali saluti
Dr. Antonio Ferraloro

[#2] dopo  
Utente 148XXX

Iscritto dal 2010
Grazie, non sono iperteso, mi pare, 85/125 e verifichero' a breve per diabete con l'emoglobina glicosicata, il valore assoluto della glicemia e ben dentro i limiti.
Quindi, mi scusi se insisto, la cervicale non ha niente a che vedere?
Andro' dal neurologo.
buona giornata

[#3] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

riguardo il problema cervicale, più che una radiografia è più utile effettuare una RM per studiare meglio il problema ed avere maggiori informazioni.
L'aura emicranica è per definizione a causa sconosciuta per cui il problema cervicale non ne rappresenta certamente la causa, al massimo può essere un fattore scatenante, anche se personalmente in tal senso sono molto scettico non conoscendo casi del genere e non trovando correlazioni tra le due cose in letteratura.

Cordialmente
Dr. Antonio Ferraloro

[#4] dopo  
Utente 148XXX

Iscritto dal 2010
Mi scusi dottore, ma mi sono ricordato e non ci penso mai,
che a sette anni sono caduto da una moto in corsa e ho battuto sulla strada.Sette punti, una ferita in centro alla fronte da meta' fronte in su all'interno dell' attaccatura dei capelli.
Le tia possono essre state provocate dal trauma? Questo nella casistica ovviamente;.Anche perche' non so' dove sono le tia.
grazie ancora

[#5] dopo  
Utente 148XXX

Iscritto dal 2010
Sono sempre stato vigile e non sentivo dolore.
Non sono stato ricoverato e sono tornato a casa a piedi.
Abitavo vicino all'ospedale.
grazie.

[#6] dopo  
Dr. Antonio Ferraloro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
20% attualità
20% socialità
MESSINA (ME)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2007
Gentile Utente,

innanzitutto si parla di probabili microischemie che possono passare inosservate. I TIA invece sono correlati ad una sintomatologia che il paziente avverte ogni volta che si presentano, per cui non mi pare il Suo caso.
Tornando alle microischemie, possono essere state causate dal trauma cranico? Teoricamente è possibile ma solo in generale, non posso conoscere il Suo caso particolare.

Cordialità
Dr. Antonio Ferraloro