Utente 451XXX

Salve, gentili dottori ho un dubbio: come misuro correttamente il pene?

Appurato che devo piazzare il righello sopra, alla base, senza premere, il pene deve essere perfettamente dritto, ovvero deve formare un angolo retto, o basta che non sia curvo?

No perché io, quando sono al massimo dell'eccitazione, ho il pene curvo verso l'alto, quindi per misurarlo devo aspettare che diventi un po dritto. Il problema sussite quando, aspettando troppo, ci sono delle variazioni. Nel senso che si raddrizza, ma non è ancora parallelo (o perpendicolare??) al pavimento.

Quindi quando lo misuro, è dritto, ma con il glande che punta ancora leggermente verso l'alto, ma proprio leggermente (tra l'altro il glande si sgonfia, mentre aspetto, non so spiegarlo bene), se aspetto che diventi perfettamente dritto, c'è una differenza di almeno mezzo centimetro.

Come lo devo misurare? So che forse è una spiegazione un po confusa, ma spero abbiate capito

[#1] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

intervento il suo molto ma molto confuso.

In questi casi, se dubbi su come fare, bene sempre verificare in diretta con il proprio andrologo di fiducia la sua reale situazione anatomica.

Detto questo, se desidera poi avere più informazioni dettagliate su questo particolare tema andrologico, le consiglio di consultare anche l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/202-misure-pene.html

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 451XXX

Mi dispiace, sapevo di aver scritto effettivamente un qualcosa di confuso. Proverò a spiegarmi meglio: allora, il pene deve essere dritto e parallelo al pavimento giusto? Insomma non deve avere curvature perché falsificano il risultato. Io, quando lo misuro, aspetto che la curvatura sparisca. Quando succede, ancora però il pene non forma diciamo un angolo retto con il corpo, è dritto, ma è ancora un po sollevato verso l'alto. Va bene lo stesso? Perché se aspetto che sia dritto ed anche perfettamente parallelo (o perpendicolare) al pavimento, comincio a perdere un po di vigore. Ho cercato di spiegare più chiaramente che potevo. Se ancora non dovesse essere chiaro vedrò se potrò postare delle illustrazioni (che sono disegni, tranquilli) trovate su internet proprio cercando di capire come devo misurarlo correttamente

[#3] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Bene si legga o rilegga sempre l’articolo pubblicato sul nostro sito e visibile all'indirizzo:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/202-misure-pene.html

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#4] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2010
Gentile Utente,
Aggiungo alle riflessioni del dr. Beretta un canale salute sul tema da lei richiesto.

Posso chiederle poi, perché è così in ansia per questa misurazione?
Ha un partner?
Una vita sessuale?
Altri disagi?



https://www.medicitalia.it/salute/andrologia/127-pene-piccolo-dimensione-dei-genitali.html
Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#5] dopo  
Utente 451XXX

È una curiosità. Perpendicolare al corpo che significa? Che il membro deve essere perfettamente dritto? Insomma deve formare un angolo retto con il corpo? Lo so che è strano, ma come ho già spiegato, io quando sono eccitato ho il pene curvo verso l'alto. Per misurarlo quindi devo aspettare che si radrizzi. Il punto è che diventa dritto anche quando sta ancora puntando leggermente in alto, mentre se aspetto che si metta perfettamente dritto creando un angolo retto perfetto col corpo comincio a perdere di vigore. Ragion per cui vi chiedo se lo posso misurare anche quando non è proprio al 100% dritto (nel senso che punta "in avanti") ma anche se sta ancora leggerissimamente puntando un po in su. Lo chiedo perché sono complessato visto che ho un pene piccolo e quindi me lo misuro spessissimo

[#6] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Smetta di misurarsi inutilmente il pene, a diversi gradi di erezione, e senta ora in diretta un bravo andrologo ed eventualmente anche un esperto psicologo.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#7] dopo  
Utente 451XXX

La mia era solo una curiosità per avere più chiare le mie misure. Grazie comunque

[#8] dopo  
Utente 451XXX

Tra l'altro, ancora non capisco perché, quando sono al massimo dell'erezione il glande è gonfio, ma poi, mentre aspetto che il pene si raddrizzi (perché è curvo verso l'alto, al massimo dell'erezione), si rimpicciolisce e si sgonfia, incidendo sul risultato della misurazione. Durante l'attesa allora, io cerco di rigonfiarlo un pochino. Volevo sapere: è giusto che lo lasci sgonfiare durante l'attesa, oppure posso anche rigonfiarlo un pochino? Spero che mi rispondiate

[#9] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2010
Dovrebbe andare da un andrologo, per visita de visu, e da un mio Collega per il pensiero ossessivo che le fa compagnia e, che prima o poi, danneggerà la sua risposta sessuale e la sua serenità.

Online, e senza visite, non si può fare davvero nulla, così facendo non fa altro che nutrire la sua ansia.
Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#10] dopo  
Utente 451XXX

Va be, ho capito. Proprio di rispondere alle domande che faccio non se ne parla. Le aggirate sempre. Va bene ..

[#11] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2010
Le abbiamo risposto in tanti, ed anche il dr. Beretta le ha suggerito il da farsi.

Quello che chiede è spia di un disagio su base ansiosa, e senza visita non si può fare altro per lei.
Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#12] dopo  
Utente 451XXX

Almeno potreste dirmi se, quando sta in erezione (quindi curvo verso l'alto), devo aspettare che si radrizzi da solo o posso farlo manualmente? Almeno questo potreste dirmelo?

[#13] dopo  
Utente 451XXX

Troppo rispondermi

[#14] dopo  
Utente 451XXX

Allora, per misurarlo devo stare in piedi e col pene perpendicolare al pavimento, e qui ci siamo. Ma ho due dubbi:

• Devo aspettare che si raddrizzi da solo, o posso farlo manualmente?
• Un'altra cosa, è che spesso, il glande, non appena smetto di stimolare il pene (perché raggiunto la massima erezione), si sgonfia, si rimpicciolisce, insomma perde di consistenza. E questo, durante la misurazione, condiziona il risultato. Perché mentre aspetto che si raddrizza, diventa più piccolo, come ho detto. Allora volevo sapere se, durante la misurazione o poco prima che il pene si raddrizzi contraggo il muscolo per farlo rigonfiare è come se stessi barando?

So che possono sembrare domande stupide ma il risultato cambia. Spero che mi rispondiate, perché così almeno conosco la mia misura e posso regolarmi di conseguenza

[#15] dopo  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Per regolarsi di conseguenza le ripeto: "Smetta di misurarsi inutilmente il pene, a diversi gradi di erezione, e senta ora in diretta un bravo andrologo ed eventualmente poi a ruota anche un esperto psicologo.

Ancora un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#16] dopo  
Utente 451XXX

È proprio inutile, di rispondere alle domande che faccio, anziché aggirarle, è troppo difficile. Va be ho capito