Utente 353XXX
Egregi dottori, sono qui in preda alla disperazione poichè non so più come risolvere la mia situazione.

Ho 35 anni e da moltissimi anni soffro di dolore lombare cronico con interessamento al testicolo DX.
Dopo l'ablazione delle faccette articolari del tratto lombare L3-S1 di DX la situazione è andata leggermente meglio ma non si è risolta.
L'ortostatismo mi provoca dolore in zona lombo-sacrale costringendomi a stazionare sulla sola gamba di SX poichè dando carico sulla DX cominciano dei dolori sordi piuttosto intensi in sede destra della sacroiliaca, inguine, parte interna anca, bicipite femorale e raramente caviglia (collo del piede). Anche l'auto fa aumentare la mia sintomatologia.
Non ho mai avuto sensazione di formicolii ma descriverei il mio dolore come bruciante e fasciante. L'unica posizione che mi fa "per così dire rifiatare" è lo straching del muscolo PSOAS oppure accavallando la gamba dx sulla sx portando successivamente il busto in avanti.
Dalle numerose risonanze, tac, RX ecc... non è emerso nulla di così eclatante tranne una protrusione postero mediana dx in regressione, istmi bilaterali interrotti nel tratto di L3 senza listesi, schisi di S1 e una leggera scogliosi con rotazione del bacino verso SX.
Dopo molte visite specialistiche ho provato anche un trattamento con Ozono in sede profonda paravertebrale di L5-S1 e devo dire che qualche miglioramento lo ha dato ma dopo poco sono tornato punto e capo.
Il dolore costante h 24 mi accompagna tutto il giorno e durante la notte.
Di recente mi sono accorto che durante un rapporto il testicolo dx sale sino in regione inguinale ma senza dolenzia. Sembra come che il miscolo cremastere dx sia ipertonico e tendi sempre a trattenere verso l'alto il testicolo. Premetto che il testicolo discende nello scroto autonomamente o con una dolce manovra. Non capisco poi perchè per i primi 20 minuti dopo l'eiaculazione il mio dolore torna!
Alla palpazione delle cisti il dolore si intensifica notevolmente irradiandosi all'interno della gamba, inguine e sacroiliaca.
Capisco che la mia sia una situazione particolarmente complessa e da trattare su molti fronti ma vorrei capire se le due cisti presenti possano in qualche modo ricreare una sintomatologia aspecifica come la mia.
Vi chiedo gentilmente un vostro parere poichè vorrei capire a che specialista potermi rivolgere.
Premetto che dopo essermi sottoposto a numerose visite specialistiche mi sono sempre sentito rispondere che non ho nulla!!!!! Mi sembra strano poichè con un banale antidolorifico FANS non steroideo tipo ibuprofene la sintomatologia migliora.
Una cosa strana è che in posizione supina premendo sulla pancia al di sotto dell'obelico di circa 5 cm sento una specie di pressione proprio nel punto esatto ove sembri partire il dolore ossia al di dietro della vescica/prostata.
Ringraziandovi anticipatamente attendo una vostra gentile opinione.

[#1] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
FERRARA (FE)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Caro signore,
a volte la sua situazione migliora con un intervento di microchirurgia di denervazione dei testicoli. Senta a tale scopo il prof Ortensi di Villa Fabia Mater convenzionata con il sistema sanitario nazionale di Roma. E' quello che lo fa meglio.
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org

[#2] dopo  
Utente 353XXX

Egr. Dr. Cavallini, la ringrazio per la celere risposta.
Proverò sicuramente a contattare il prof. Ortensi da lei consigliato.
Mi è stato consigliato da un urologo la rimozione di tali cisti ma onestamente non l'ho visto convinto sulla corretta diagnosi e correlazione su questa "sincondrosi" dolorosa tra schiena-testicolo.
Le confermo inoltre che il mio problema/dolore è sempre monolaterale dx e mai sx pur essere stato operato di varicocele e idrocele sx.
Se possibile le chiedo un parere sulla correlazione tra dolore testicolare e lombo sacrale o più precisamente secondo lei è possibile che tutto venga scatenato da una infiammazione cronica dal dotto deferente di dx?
In maniera sincrona agli spasmi muscolari causati dal coito sento dolore pulsante sulla parte alta laterale dx del gluteo e inguine dx. Questo avviene solamente se mi trovo seduto mentre in ortostatismo questo non avviene.
Il dolore lombare lo avverto molto in profondità ed avverto una sensazione di rigidità in flessione anteriore.
Grazie per la sua disponibilità.

[#3] dopo  
Dr. Giorgio Cavallini

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
FERRARA (FE)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2008
Vista L irradiazione non penso sia ipotizzabile una origine testicolare del problema tale da intervenire sui dati de/cidti. È probabile che un intervento per togliere di mezzo i nervi possa rimuovere sua le cause dolorose che vengono dalla schiena sia quelle che vengono da testicoli.
Dr. Giorgio Cavallini
http://www.andrologiacavallini.it
http://www.morbodilapeyronie.altervista.org/
www.azoospermia.altervista.org

[#4] dopo  
Utente 353XXX

La ringrazio nuovamente per la risposta. Proverò a chiedere un consulto al Prof. Ortensi.