Utente 443XXX
Salve, dopo aver effettuato esami ormonali i quali sono risultati ok, spermiogramma spermiocoltura urine sangue tutti ok, a seguito di un problema relativo alla perdita di erezione (non sempre, ma anche la non completa turgidità 2 volte su 4, poi non riesco ad avere un “secondo round” ( in un primo momento raggiungo erezione ma poi la perdo) faccio ecocolord doppler e il dottore mi dice che per La mia età i “picchi” sono un po’ bassi ed è questo il motivo per cui riscontro tali problemi. Il referto cita testualmente :

- L’esame condotto in basale e dopo iniezione intracavernosa di 10 Mcgr di Alpeostadil, Mostra dei complessi velocimetrici normodulati con :
Dopo alcuni minuti, la velocità del picco sistolico (V.P.S.) Dell’arteria cavernosa destra sopra e 53 cm/s e con un telediastolico di 5,1 cm/s nell’arteria cavernosa sinistra il V.P.S. Supera i 52 cm/s e con una velocità telediastolica V.T.D. di 5,0 cm/s.
In conclusione: ritmo arterioso regolare, assenza di deficit arteriosa, meccanismo veno-occlusivo continente. -

Il dottore mi ha detto che è facilmente risolvibile con la seguente terapia :
-Tadafil 5 per 2 mesi a giorni alterni

Ciò che io mi chiedo è leggendo un po’ qua e là ..
-la terapia psicologica non serve nel mio caso dato che è un deficit organico piuttosto che psicologico?
-Quando finirò la terapia, facendo di nuovo ecocolor dopler fra due mesi quindi, questi “picchi” dovrebbero essere più alti e quindi normali?
- Il dottore mi ha detto che probabilmente è dovuto al fumo... io ho smesso a 22 anni ormai 1 anni e mezzo fa.. e ho iniziato a 15.
-in fine la cosa è totalmente risolvibile ?

[#1] dopo  
Dr. Diego Pozza

40% attività
20% attualità
16% socialità
ROMA (RM)
MANCIANO (GR)

Rank MI+ 76
Iscritto dal 2000
Prenota una visita specialistica
caro lettore,

il farmaco consigliatole non può essere considerato "una terapia" ma solo un "rimedio" che accentuando la vasodilatazione arteriosa potrebbe migliorare le erezioni di un vasculopatico e magari dare una certa "sicurezza" nei rapporti sessuali
segua comunque i consigli andrologici
cari saluti
Dott. Diego Pozza
www.andrologia.lazio.it
www.studiomedicopozza.it
www.vasectomia.org

[#2] dopo  
Utente 443XXX

Dottore la ringrazio infinitamente per la risposta.
Devo dire che non ho grande fiducia in questo dottore che mi segue per motivi che qui non espongo.
Lui mi disse che è un problema facilmente risolvibile con questa terapia e di farla per due mesi. Allora da ciò che lei dice devo dedurre che così non è ? Devo dedurre che è un farmaco da prendere al momento?
Che terapia suggerirebbe lei visti i dati medici da me forniti?
Spero in una sua risposta che esaurisca queste domande e dalle quali risposte dedurrò se rivolgermi ad un altro specialista. La ringrazio in anticipo.
Cordialità

[#3] dopo  
Dr.ssa Valeria Randone

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
16% attualità
20% socialità
CATANIA (CT)
ROMA (RM)

Rank MI+ 96
Iscritto dal 2010
Caro Ragazzo,
Come già detto dal dottor Pozza il farmaco è un sintomatico, non un curativo, e funzionerà, se funzionerà, finché lei lo assumerà.

Consideri che se lei sarà ansioso, avrà un iper tono adrenergico, controllerà le sue erezioni sposnateee - che in sessuologica si chiama slectatoring- se sarà depresso o con poco desiderio, o ancora con problemi di coppia, potrebbe non funzionare.

(Di tutto quello che le ho scritto, trova del materiale nel mio sito, blog e canale you tube)

A “soli” 24 la cura e senza dubbio combinata. Ed è indispensabile la terapia psico-sessuologica!

Se c’e Un blocco psichico non passerà magicamente e da solo con i farmaci.. se pur utilissimi.


Le allego un capitolo tratto da un mio libro dove troverà anche un video sul tema d.e, soprattutto giovanile.

https://www.valeriarandone.it/disfunzione-erettile-impotenza/
Cordialmente.
Dr.ssa Valeria Randone,perfezionata in sessuologia clinica.
https://www.valeriarandone.it

[#4] dopo  
Utente 443XXX

Grazie per la riposta.. ma allora il dottore mente quando mi dice che è un problema facilmente risolvibile con questa terapia? Sono molto confuso. Non ha fatto alcun cenno ad una terapia psicologica. Non so che fare. Se così è allora lo specialista che mi segue cerca di speculare sulla mia situazione ?
Cosa mi consigliate?