Utente 511XXX
Salve dottori,
è da circa un anno che soffro di problemi di erezione.

Dopo numerosi controlli e visite, sono stato spesso liquidato, qualche volta anche bruscamente, da Vs. colleghi, quando non sanno dove andare a parare con la scusante della derivazione psicologica del problema.

Tengo a precisare che i miei problemi, sono sorti all'improvviso a seguito di masturbazione, durante la quale avevo avuto una forte erezione....
Tengo a precisare che prima dell'episodio, non avevo mai e poi mai avuto di qesti problemi, sempre l'erezione presente al mattino e sempre un erezione rigida e duratura.....
Ad ogni modo a seguito dei controlli effettuati presso vari Vs. colleghi, ho inizialmente eseguito un doppler basale, i cui valori (Vmax)oscillavano tra 3 - 5.

Successivamnete ho eseguito un Doppler dinamico con farmacoinezione di 5 mg. di Caverjet e il valore è risultato pari a VPS a destra 33,3 cm.
e 33, 5 a sinistra.....adesso non ho sottomano il referto, ma mi sembra ci fosse anche un altro parametro, che inserirò a stretto giro.

Mi sono recato da un altro andrologo, il quale mi ha fatto notare che il valore del doppler dinamico risulta inferiore alla media (...che tra l'altro documentandomi ho notato essere VPS maggiore di 35 cm./SEC.

A questo punto, altra anomalia, che avevo notato dal referto stampatomi era l'età anagrafica.....io ho solo 30 anni, ma sul referto erano riportati 63 anni.....A questo punto, scusate la perplessità, mi chiedo potete cortesemente spiegare a me e a tanti altri miei coetani e non che sitrovano ad effettuare questo esame, quali siano i valori ritenuti accettabili e che non lasciano il dubbio di un eventuale problematica vascolare/arteriosa?

Chiedo scusa, se sono stato "poco sintetico" ma in quanto pazienti, visto il costo esoso di ogni visita e di ogni esame, credo che un briciolo di diritto a conoscere le cose come stanno realmente possiamo anche averlo.

ps - l'andrologo cui mi sono rivolto di recente, mi ha fatot notare questo problemino dei valori che risultano sotto la soglia ritenuta accettabile.
documentandomi, ho poi verificato questa cosa.

Vi ringrazio dell'attenzione che mi rivolgerete.

[#1] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
SALERNO (SA)
BENEVENTO (BN)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Caro Utente,il doppler arterioso penieno dinamico non é il Vangelo,per cui i numeri e le percentuali espresse vanno valutati
tenendo presente i dati anamnestici ed i riscontri dell'esame obiettivo.Non credo che uno specialista dedicato possa,dinanzi ad un quadro palese di dismetabolismo legato alla obesità,anteporre gli ovvi e scontati aspetti psicologici del disagio sessuale.Cordialità.
Dr. Pierluigi Izzo
www.studiomedicoizzo.it
info@studiomedicoizzo.it

[#2] dopo  
Utente 511XXX

Peccato, che pur da obeso di sti problemi, fino allo scorso anno non ne avevo affatto....e che dopo l'utilizzo del Cialis che mi è stato prescritto da un Vs. collega non ho avuto molti giovamenti...anzi, ho notato una maggior flaccidità dell'organo che appare con la pelle del prepuzio molto chiara.

Caro Dott. Izzo, credo che per la valutazione di un referto, vi siano dei parametri da rispettare unificati, e almeno spero che ogni esame non sia oggetto di valutazione ed interpretazione personale, perchè questo mi lascerebbe perplesso.

Poi un altra domanda, avevo da chiedere sia a le che ad altri suoi colleghi, perchè nella gran parte delle volte ogni responsabilità viene attribuita ad un disagio psicologico e molto spesso si liquida un paziente invitandolo a rivolgersi ad uno psicosessuologo e al tempo stesso viene prescritto un farmaco vasodilatatore (tipo Tadalafil), cioè non trova la cosa alquanto fuorviante..........

Chiedo scusa ai Dottori, se mi sono dilungato un pò troppo, ma in un anno, ne ho visto ed ascoltate di ogni tipo, pagando onorari profumatissimi a molti suoi colleghi che a volte si sono limitati a una breve anamnesi di manco 5 minuti per alla fine prescrivermi o Cialis o all'occorenza un altro farmaco.
Le chiedo scusa Dottore se leggendo questa mia risposta le potrò sembrare quasi avverso alla vostra categoria, ma non è possibile che nel 2018 un 70-80 % di queste probelmatiche siano con esito "non definito".

Grazie per l'attenzione.

[#3] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
SALERNO (SA)
BENEVENTO (BN)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...la disfunzione erettile non é una malattia,bensì va considerata un potenziale sintomo di una malattia.L'ecocolordoppler penieno,spesso,non dà un responso univoco in quanto,ad esemipo,uno stato ansiogeno,legato alla iniezione endocavernosa,può dare un'accentuazione del riflesso adrenergico,con effetto vasocostrittore.Non mi risulta che il 70/80% di queste problematiche non siano caratterizzate da una diagnosi.Cordialità.
Dr. Pierluigi Izzo
www.studiomedicoizzo.it
info@studiomedicoizzo.it

[#4] dopo  
Utente 511XXX

Dottore, stranamente da quando ho iniziato ad accusare questi problemi, la pigmentazione del pene è molto più chiara, ha perso elasticità e il glande così come la pelle esterna non è mai lubrificato, ho eseguito anche uno spermiogramma e il test di Stamey e mi è stata rilevata un infezione da Clamydia, che ho curato.

Però il dubbio che mi sorge è perchè se il doppler non dia un responso univoco e comunque utilizzato come esame.....cioè, io anche durante il doppler non è che abbia avuto un erezione rigida, ma una tumescenza, in pratica il pene non raggiunge la rigidità alla punta che molto spesso rimane sempre morbida, come del resto la pelle esterna che non s'inturgidisce, questo anche durante l'esame.

Insomma, se ho ben capito quest'esame non dà un risultato univoco e molto spesso viene come vogliamo dire "falsato" dal tono adrenergico del paziente......allora perchè lo si effettua ancora? Quand'è che un medico valutato il referto sentenzia se vi sono reali problematiche che vanno coadiuvate con qualcosa o quando è tutto regolare e si propende quindi per una problematica di natura arteriosa-vascolare.

Dottore, in parole povere, a me interessa sapere, dopo tutta una serie di esami che vengono tradizionalmente eseguiti qual'è la risoluzione del problema, perchè onestamente solo un suo collega mi ha fatto notare che i valori risultano un pò bassi per una persona della mia età..........il mio medico curante ad esempio si è limitato a leggere il referto, senza soffermarsi sui valori.
Grazie per l'attenzione.

[#5] dopo  
Dr. Pierluigi Izzo

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
NAPOLI (NA)
CASERTA (CE)
SALERNO (SA)
BENEVENTO (BN)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2006
...segua i consigli di uno specialista reale.Da questa postazione telematica non é possibile andare oltre.Cordialità.
Dr. Pierluigi Izzo
www.studiomedicoizzo.it
info@studiomedicoizzo.it

[#6] dopo  
Utente 511XXX

Salve Dottore,
mi scuso per il ritardo nel risponderla....
ma i consigli di un andrologo reale li stò seguendo, da circa un anno, solo che mi chiedevo se un problema di natura arteriosa o vascolare sia possibile rilevarlo tramite il doppler, perchè da quanto ho potuto capire molti andrologi, non ritengono quest'esame affidabile.......ma puntulamente viene sempre eseguito....

Chiedo scusa, se potrò sembrarle ripetitivo, ma credo che nel mio caso, come in tanti altri casi ci sia bisogno di seguire il paziente verso un miglioramento, prescrivere solo inibitori, molto spesso in mix (es. Cialis 5 mg. + Sildenafil o Levitra o Spedra pre rapporto) mi lascia pensare che molto probabilmente c'è bisogno di un supporto farmacologico per compensare qualcosa.....

Poi è chiaro sono miei considerazioni.
Le auguro una buona giornata.