Utente 548XXX
Buonasera, vi scrivo per chiedervi un parere medico: Fin da quando ero bambino ho sempre sofferto di EP che mi creava disagi non indifferenti specialmente nel momento dell'atto sessuale con le partners, per cui mi sono rivolto al mio medico curante che mi ha subito prescritto Priligy Dapoxetine da 30 MG da prendere al bisogno 1-3 ore prima del rapporto sessuale, finita l'intero scatola con 0 effetti collaterali e una resa a dir poco insoddisfacente il medico decide di aumentarmi la posologia a 60 mg (che ho assunto per 6 mesi senza alcun effetto collaterale) e con un efficienza straordinaria.
Stava procedendo tutto per il verso giusto quando una sera (dopo aver assunto la solita pillola) tornai a casa e notai forte insonnia e senso di agitazione nel sonno  (sonno disturbato) per la prima volta.
Preoccupato da tale effetto collaterale l'indomani stesso andai dal mio medico spiegandogli cosa fosse accaduto e lui mi consigliò di provare a spezzare la pillola portandola a 45 mg, con risultato identico: insonnia e sonno disturbato.
Cosi provai a fare un ultima prova: Provare il 30 mg (stessi effetti collaterali di prima).
Ora la mia domanda è questa: Come è possibile che per mesi e mesi non abbia avuto nessun effetto collaterale ed adesso inizio ad accusare insonnia?  Io mi trovo davvero bene con questa pillola perchè ho trovato dei benefici pazzeschi, però non vorrei rinunciare al mio sonno notturno. Avreste qualche consiglio da darmi per ridurre l'effetto insonnia?

PS: Solitamente prendo priligy alla sera intorno alle 22:00 pm.

Grazie mille per il vostro tempo e per le vostre risposte.

[#1]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Prenota una visita specialistica
Gentile lettore,

effetto collaterale non usuale e molto particolare, bene ora risentire in diretta il suo medico di famiglia ed il suo andrologo di fiducia; detto questo, se desidera poi avere informazioni dettagliate su questo farmaco si legga, se non ancora fatto, questo articolo:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/210-dapoxetina-nuovo-farmaco-nel-trattamento-dell-eiaculazione-precoce.html

ed ancora, se vuole poi avere più informazioni dettagliate sull'eiaculazione precoce, le consiglio di consultare anche gl’articoli pubblicati sempre sul nostro sito e visibili agl'indirizzi:

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/194-quando-il-rapporto-finisce-troppo-presto-eiaculazione-precoce.html

https://www.medicitalia.it/minforma/andrologia/1253-news-dal-pianeta-eiaculazione-precoce.html

ed ancora mi ascolti a questo link:

https://www.medicitalia.it/public/video/pillole-salute/37-eiaculazione-precoce-beretta-27-02-14.mp3

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com

[#2] dopo  
Utente 548XXX

Innanzitutto volevo ringraziarla per la sua celere e gentile risposta, definirlo un problema "non usuale e molto particolare" non direi, anche perchè consultando gli effetti collaterali indesiderati del bugiardino spuntano Insonnia e irrequietezza.
Inoltre tempo fa lessi su internet che alcuni Antidepressivi sono in grado di dare insonnia al paziente, e da quanto ne so il priligy è un antidepressivo a tutti gli effetti seppur lieve.
Il medico curante non sa cosa dirmi, per questo motivo vi ho scritto qui.
Vorrei capire se qualcuno sa consigliarmi un modo per non rinunciare al priligy senza perderci il sonno.

Grazie ancora per l'attenzione.

[#3]  
Dr. Giovanni Beretta

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
FIRENZE (FI)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2006
Come dettole è un effetto collaterale non frequente e non usuale; generalmente questi farmaci a base di inibitori della ricaptazione della serotonina hanno effetti collaterali contrari.

Detto questo si ricordi comunque che solo il suo specialista di fiducia, dopo una attenta valutazione clinica in diretta può darle poi un’indicazione terapeutica corretta e che le informazioni fornite via internet vanno sempre intese come meri suggerimenti clinici e di comportamento.

Un cordiale saluto.
Giovanni Beretta M.D.
http://www.andrologiamedica.org
http://www.centrodemetra.com