Utente 479XXX
Ho un problema, da quando sono piccolo, ora ho 27 anni. Quando mi misurano, e spesso anche quando mi misuro, il battito cardiaco e la pressione i miei valori sono sballati, alti. Temo il risultato ed essendo parecchio ipocondriaco vado in ansia, lo sento interiormente che sono diverso.
Problema? Fatico a trovare il modo di essere naturale.

Il fatto è che non mi reputo un tipo particolarmente emotivo, poche come mi stressato o mi mandano in ansia, però la paura di essere ammalato mi accende questo mio stato d’animo alterato.

Mi è capitato di avere un battito cardiaco di 138 misurato davanti a molte persone e poi, misurato a casa per più giorni, non sono mai andato oltre gli 80 battiti.

Cosa posso fare?
Più che altro, come capire se questo mio essere così può avere conseguenze o meno?

Spero ci sia qualche medico un po' psicologo tra voi ;)

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
No guardi io faccio il cardiologo.
Per gli psicologi c'e' un'altra sezione apposita
Lei non indica alcun valore "sballato " di valori pressori.
Che valori raggiunge?

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 479XXX

I miei valori solitamente sono 125/80. il problema è che questo credo sia un problema più medico che psicologico. Questo stato d'animo mi porta in ogni caso a raggiungere livelli di pressione anche di 160/100 (una volta ma è successo). Poche cose mi rendono ansioso ma ci sono. La mia domanda è: come piò un medico capire i miei veri parametri se ogni volta che mi misura i risultati sono alterati?

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
la miglior cosa per lei è programmare un ABPM e cioe un holter pressorio.
Solo in questo modo lei avra dei dari per compremdere se necessita di una terapia farmacologica

arrivederci

cecchini
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza