Utente 392XXX
Gentili dottori sono un ragazzo di 29 anni e ho un problema che mi sta letteralmente rovinando la vita da due mesi a questa parte è per il quale ancora non ho trovato soluzioni . Circa due mesi fa appunto mi è capitato di iniziare ad avere una forte tachicardia 116 battiti a risposo alla quale si è associata nei giorni successivi un picco di pressione alta 160 /110 con agitazione e dispnea . Immediatamente sono corso al pronto soccorso dove ho fatto diversi prelievi elettrocardiogramma tutto negativi . Sono stato dimesso con una cura a base di iperten 20mg e xanax per la tachicardia ma non ha funzionato . Da allora honcontinuoato ad avere picchi di pressione e tachicardia con conseguente agitazione respiro affannoso e di nuovo mi sono recato altre tre volte al pronto soccorso . Mi hanno fatto altri prelievi , emocormo, di nuovo elettrocardiogramma lastra toracica ma nulla tutto negativo . Sono stato avidità provata da un cardiologo che mi ha prescritto un betabloccante ( atenololo 25 mg ) e devo dire che sono stato benissimo per circa due settimane , con pressione e tachicardia regolare , durante l’assunzione di questo farmaco ho anche effettuato ecografia al cuore, ecg sotto sforzo , urine delle 24 ore ed ecografia renale , ripete tutte normali . Purtroppo però ho dovuto sospendere nuovamente anche questa cura perché ho iniziato ad avere qualche problemino respiratorio ( infatti sono asmatico) e ho iniziato a prendere isoptin 80 mg mattina e sera ma i risultati non vanno bene . La pressione infatti è troppo ballerina e la tachicardia spesso si ripresenta , oggi ad esempio avevo 167/ 89 di pressione e dopo 3 minuti era scesa a 125/ 70 . Mi chiedo sono iperteso ??? Oppure si tratta nel mio caso di attacchi di panico visto che in questi casi ho come la sensazione di morire costrizione al petto e affanno ?? Che cosa posso fare ? Ripeto le analisi le ho fatte praticamente tutte tranne l’holter e comunque la terapia che sto facendo non da i risultati sperati . Inoltre ho paura di praticare qualsiasi sport perché mi affatico e temo di restarci per un infarto . Vorrei un consiglio grazie di cuore

[#1] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Se i valori che lei segnala sono veritieri lei e' un iperteso.
Esegua uin ABPM (holter pressorio).
Dato che ha avuto buoni risultati con il beta bloccante , sospeso poi per broncostenosi, potrebbe trovare beneficio dal nebivololo ,un beta bloccante particolare, solitamente ben tollerato dagli asmatici

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#2] dopo  
Utente 392XXX

Gentile dottore la ringrazio per la risposta avrei solo qualche domanda ...l’holter pressorio può essere applicato anche con terapia in corso oppure occorre sospendere l’assunzione ? L ecg che ho fatto sotto sforzo può essere stato influenzato dall’assunzione di betabloccante ? Inoltre volevo sapere se il farmaco da lei citato agisce anche sulla tachicardia... grazie e mi scusi per le tante domande

[#3] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
L holter pressorio andrebbe eseguito senza terapia per valutare i suoi reali valori lressori e quindi la opportunità di una terapia
Lo stesso dicasi per la prova da sforzo
Il nebivololo riduce anche la frequenza Cardiaca

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#4] dopo  
Utente 392XXX

Dottore non so come ringraziarla per le sue risposte ma un altra cosa le devo chiedere....ho prenotato un PAC ovvero un pacchetto per eseguire lo studio della pressione e delle relative cause in un ospedale di Roma e nel quale è compreso ancora una volta lecg sotto sforzo . Mi chiedo siccome devo fare queste analisi tra due giorni mi converrebbe sospendere qualsiasi terapia ? E inoltre anche le analisi fatte precedentemente sono state praticamente falsate visto che assumevo il betabloccante ? Ultima domanda corro dei rischi a praticare sport ? La ringrazio infinite per la sua disponibilità

[#5] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Se deve eseguire quegli esami dovrebbe eseguirli SENZA terapia, altrimenti verrebbero falsati.

Per cio' che rigiarda lo sport dipende sia dal risultato degli esami che eseguira' che dal tipo di sport.

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#6] dopo  
Utente 392XXX

Grazie dottore le farò sapere al più presto i risultati delle analisi intanto se posso volevo chiederle qualche delucidazione sul ramipril...e ‘ un equivalente ?

[#7] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
E' un equivalente a cosa?
E' un ACE inibitore...niente a che vedere coi beta bloccanti

La saluto
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#8] dopo  
Utente 392XXX

Si mi scusi intendevo dire proprio quello ...cioè chiedevo se fossero entrambi betabloccanti . Il fatto è che non capisco perché pure prendendo attualmente due compresse di isoptin 80 mg mattina e sera misuro continuamente la pressione e i valori li trovo sempre abbastanza alti i ( 140/89...128/80 ..133/ 87 ecc ) e questa cosa a 29 mi ha un po’ destabilizzato comunque la ringrazio di nuovo

[#9] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Questo accade perche' il dosaggio dell' Isoptin e' basso per il suo peso, ce ne vorrebbero almeno 3 cpr al giorno = 240 mg.
Anche perche' ogni cpr dura circa 6 ore

Arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#10] dopo  
Utente 392XXX

Ho capito grazie ...non riesco però a discernere se il problema sia legato a una forte ansia o sia organico , mi spiego , avverto fitte al petto , costrizione all’ altezza del cuore e respiro difficoltoso , mi sembra insomma quasi di avere un infarto , poi mi reco al pronto soccorso e puntualmente mi rimandano a casa con analisi tutte negative ...ma tempo due o tre giorni e stiamo da capo a 12 come si dice

[#11] dopo  
Dr. Maurizio Cecchini

Referente scientifico Referente Scientifico
36% attività
20% attualità
16% socialità
PISA (PI)

Rank MI+ 72
Iscritto dal 2009
Lei ha una notevole quota ansiosa che meriterebbe di essere curata

arrivederci
Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza

[#12] dopo  
Utente 392XXX

Si è vero dottore in effetti non riesco a capire se si tratti quasi di veri e propri attacchi di panico . Ma come agire ? Cioè curare l’ansia a monte oppure procedere a una terapia combinata per l’ansia e per la pressione ? Inoltre sarebbe interessante capire se è L ansia che fa alzare la pressione o viceversa ...gradirei un suo parere comunque mi scusi se L ho disturbata così a lungo . grazie di nuovo