Aritmia atriale ragazzo

Buona sera Dottori, vorrei un vostro parere sulla situazione di mio figlio 13 anni, iniziata nel 2018.
A dicembre di quell anno lamenta tachicardia, dopo vari controlli fatti nell ospedale pediatrico della nostra città scopriamo che soffre di aritmia atriale da focus ectopico.
Ci viene spiegato che è un aritmia spesso presente nei giovani che molti spesso crescendo va via da sola.
Viene comunque sottoposto a studio elettrofisiologioco negativo per aritmie maggiori.
Vieniamo mandati a casa con una cura di isoptin 80 mattina e sera e controlli periodici per un anno e mezzo holter e prove da sforzo sempre perfette.
Qualche exstrasitole ma.
niente di che.
A ottobre 2020 dati i buoni risultati proviamo a togliere il farmaco e la cosa va bene.
Adesso da ottobre è senza farmaco.
Però 8gni tanto lamenta battiti veloci.
Credo siano extrasistoli ma avendo un pregresso di fronte ad una presunta tachicardia di 2 minuti siamo stati ricoverati 4 giorni e monitorati.
Non è stato riscontrato nulla nei 4 gg solo una notte mio figlio ki chiama e vediamo al monitor battiti a 170 poi 162 130 e via a scendere per un 25 secondi non di più.
Lo diciamo al nostro aritmologo 8l quale, visiona i tracciati ma non trova aritmia, un rjmto sinusale più elevato ma non in tachicardia.
(spero di aver scritto e capito bene).
Mi chiedo alla luce di tutto questo percorso è davvero possibile che mio stia già bene?
Esiste una tachicardia sinusale a 170... la mattina in cui ha avvisato la tachicardia per la quale è stato 4 gg ricoverato, lui dice di essersi svegliato e di averla da subito sentita.
Al ps ci dissero che aveva frequenza un po alta ma sinusale.
Mi farebbe tanto piacere avere se fosse possibile un vostro parere Vi ringrazio anticipatamente.
[#1]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 69,8k 2,6k 2
Ovviamente non posso vedere i tracciati, ma se e' una tachicardia sinusale non vedo alcun motivo di preoccupazione.
Tra l'altro io non avrei mai somministrato a 13 anni una terapia per delle banali extrasistoli atriali.

Arrivederci

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2]
dopo
Utente
Utente
Dottore buongiorno e grazie per la risposta. In verita mi è stato detto che questa aritmia essendo molto presente nell arco della giornata andava trattata e che qiesto focus ectopico si sarebbe spento nell adolescenza inoltrata. Io non ho chiesto altri pareri medici in questi anni per non confondermi e non confondere mio figlio. So solo che adesso non capisco mio figlio cosa abbia quando avverte questi fastidi . Dall intimo holter un mese fa solo 7 exstra sopraventricolari. Un ' ultima domanda Dottore il SETE effettuato 2 anni fa scongiura del tutto la presenza di aritmie maggiori o andrebbe rifatto nel tempo? Grazie ancora. Buona giornata.
[#3]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 69,8k 2,6k 2
Assolutamente da non ripetere, non c'e' alcuna necessita

Arrivederci

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#4]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille .
[#5]
dopo
Utente
Utente
Dottore mi perdoni, mio figlio era affetto da tachicardia atriale ectopica , non so se questo possa cambiare le risposte che gentilmente mi avete già fornito o parliamo della stessa cosa pur avendo omesso il termine tachicardia, mi scuso per l errore .
[#6]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 69,8k 2,6k 2
Sono aritmie fastidiose quanto innocue. cordialita'

cecchini

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

Sondaggio su informazioni sulla salute, servizi online e Medicitalia.it Partecipa