Sbalzi pressori

Buonasera,
Scrivo per avere un consulto sugli sbalzi pressori di mio papà, 73 anni cardiopatico (ha avuto un infarto e tre Stent), ipertesto a cui è stato effettuato di recente un intervento per stenosi alla carotide destra e in attesa di essere operato alla sinistra.

La sua "odissea", tra le diverse terapie farmacologiche per la cura della pressione arteriosa, inizia a gennaio quando il suo cardiologo aumenta il bifril da 7, 5 a 30 mg.
a cui associa un altro farmaco I ivabradina 5mg (mezza la mattina e mezza la sera).
Papà inizia a lamentare dopo un'oretta dall assunzione capogiri, vista offuscata.
(in questi momenti la pressione è molto bassa sui 100).
Nel frattempo viene operato alla carotide ma dopo le dimissioni dall ospedale si rivolge nuovamente al cardiologo perché, nonostante la terapia, continua ad avere instabilità pressoria (ha anche avuto un paio di episodi con pressione a 190 e tremori importanti).
Il medico, che dapprima aggiunge anche il Cardura da 2 mg, decide poi, visti i continui sbalzi e gli effetti collaterali di sostituire il brifil 30 con lortaan da 100.

Oggi è stato il primo giorno che ha assunto il farmaco ma puntualmente anche questo dopo circa tre ore ha dato gli stessi effetti collaterali del bifril.

Non sappiamo cosa altro fare...
Anche il medico continua nel dire che dobbiamo fare " le prove"...
Spero possiate aiutarci perché veramente la situazione è diventata insostenibile, per le continue corse in ospedale
Grazie molte
[#1]
Dr. Maurizio Cecchini Cardiologo 73,6k 2,7k 2
Il CArdura e' controindicato, specie in chi ha problemi carotidei

Penso che piccole dosi di beta bloccante (es,. nebivololo) potrebbero risolvere il problema.

Arrivederci

Dr. Maurizio Cecchini - Cardiologo - Universita' di Pisa
www.cecchinicuore.org
Medicina di Emergenza ed Urgenza e Pronto Soccorso

[#2]
dopo
Utente
Utente
Grazie molte per la risposta.
Tuttavia vorrei capire se il betabloccante di cui parla va aggiunto al lortaan 100 mg.
Visti gli effetti collaterali del farmaco secondo lei sarebbe il caso di dimezzarlo? (magari prendendone mezza la mattina e mezza la sera?)

Quali argomenti vorresti approfondire su Medicitalia? Partecipa al sondaggio