Utente
Tutto è nato dopo l'assunzione di antibiotici per curare una sospetta polmonite,nella fase di assunzione si è manifestata diarrea che può essere normale in base agli effetti indesiderati.
Il problema è continuato anche dopo la fine del ciclo degli antibiotici,consultato il medico di famiglia mi ha prescritto dissenter per la diarrea e fermenti lattici.La diarrea è scomparsa dopo 2 pasticche,e da quì nasce questo disturbo.Contattato di nuovo il medico di famiglia mi da anche della pasticche per il gonfiore ed effettivamente il gonfiore di attenua e in più altri fermenti.Ma il problema sussiste.Prendo appuntamento con un gastroenterologo il quale mi fa la visita più l'ecografia nella quale non risulta nulla di anomalo.La cura che mi da sono una nuova serie di antibiotici più fermenti lattici.Ma il problema continua,mi sa fare un esame del sangue per vedere se ci sono infezioni o valori sballati.....tutto negativo.
Sospettando un intolleranza al lattosio per diarrea dopo l'assunzione di latticini,faccio il test e risulto intollerante.
Per ora mi ha consigliato un unico pasto(solo carne o pasta,verdura ecc,ecc,)più mi ha dato il Levopraid da assumete 20 minuti prima dei pasti e subito dopo Sinaire 300 forte.
Ho ridotto la quantità di pane e pasta perchè gonfia lo stomaco,faccio 5-6 pasti durante il giorno,frutta lontano dai pasti e qualche risultato si vede.
Le mie domande sono:
La coloscopia me la consigliate?
Test per allergia alimentare andrebbe fatta?
La cura fino ad ora è corretta?
Dovrei fare qualche altro esame?
Come mai prima della cura antibiotica(sospetta polmonite) non avevo questi disturbi?
Come mai se mangio un pò più di pasta o di pane ,gli alimenti che mangio anche a distanza 4-5 ore dopo la digestione ho questa uggia?
Ho l'intestino più delicato?
Grazie.

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Gentilissimo,


da quanto dura la diarrea e quanti episodi ha giornalmente ? Ha eseguito una coprocultura ?


Grazie

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente
La diarrea non c'è l'ho più da quando so di essere intollerante al lattosio ho sospeso l'assunzione di latte e formaggi.
Sono andato di corpo tre giorni perchè ho mangito a cena una minestra composta fa zucca ,porro e il giorno dopo ho avuto due scariche, dopo è passato senza nessun assunzione di farmaci.
Secondo il gastroenterologo è dovuto al fatto che è tanto che non mangiavo verdura in abbondanza tutta insieme.

[#3]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
le rispondo dicendo che gli antibiotici sono responsabili di circa il 25% delle diarree iatrogene.

Volevo poi dirle che esiste un ordine procedurale.

E' utile che descriva meglio la sua diarrea (N° scariche, sangue?, muco?etc.) e i tipi di antibiotici assunti.

Magari deve eseguire prima degli esami sulle feci.

Inoltre è importante conoscre anche il grado di intolleranza al lattosio per poter addebitare a questo l'origine dei supoi problemi.

Saluti.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CINQUEFRONDI (RC)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008

>> giorno dopo ho avuto due scariche, dopo è passato senza nessun assunzione di farmaci. <<


Da quanto descrive non sembra allora che si tratti di una diarrea importante e che il disturbo sia rientrato...
Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#5] dopo  
Utente
Per il dott. Cosentino.
Si è rientrato tutto,lei dottore pensa che l'assunzione tutta insieme abbia potuto provocare queste due scariche?
Grazie.


Per il dott.Quatraro.
Nell'esame che ho fatto per l'intolleranza sul lattosio il risultato è stato
positivo,non veniva mensionato nessun grado di intolleranza.
Le diarre avute in passato almeno all'apparenza erano senza sangue.
Prima di eseguire l'esame sull'intolleranza al lattosio ero a cena da amici
manginado un piatto di lasagne nell'immediato nulla da segnalare,ma nella notte le prime avvisaglie,ma niente diarrea.
L'indomani sono andato in bagno ben 8 volte anche queste senza sangue apparente,tornato ha casa ho assunto 3 pasticche di dissente e tutto mi è passato.
Dopo questo episodio ho fatto il test e ha confermato l'intolleranza.
Gli antibiotici che ho preso non ricordo il nome.
Grazie.

[#6]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
qualche numeretto legato ai minuti di rilevazione ci deve pur essere, altrimenti non riesco a comprendere quale tipo di test abbia realmente effettuato: era il Breath test a lattosio?

I disturbi che lamenta, nonostante l'eliminazione di latti e derivati, fanno pensare ad un colon irritabile.

Saluti.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#7] dopo  
Utente
Si dottore ho fatto il Breath test,per scrupolo sono riandato a vedere
se c'era qualche valore che non avevo visto,ma niente.
L'unica cosa scritta nel referto è:positivo.
Se fosse come dice lei dottore e cioè un possibile colon irritabile quali sono le indicazioni guida per essere sicuri e quali sono le abitudini alimentari da modificare per questo?
Grazie.

[#8]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Gentilissimo utente,
voglio dirle che il breath test al lattosio prevede misurazioni H2-ppm ogni 30 minuti in untempo che va da 0 minuti a 240 minuti (04 ore).

Prendo atto però di quello che mi dice.

Per quanto riguarda il Colon Irritabile la invito a farsi valutare da un gastroenterologo.

In ogni caso le consiglio di fare attenzione ai cibi con potenziale flatulogenico (=produzione di gas) forte (da consumare con cautela):
Latte e derivati del latte.
Verdure: cipolle, fagioli, sedano, carote, cavoletti di Bruxelles.
Frutta: uva passa, banane, albicocche e succo di prugna.
Altri alimenti sono a rischio indiretto, come, per esempio, tutti quelli ricchi di sale (dadi per brodo, insaccati) perchè inducono a bere più del dovuto.
La preferenza va poi a piatti semplici, non elaborati, da gustare in perfetta tranquillità.
L'attività fisica (dapprima moderata, poi a intensità crescente) può essere utile ad allenare l'intestino a una certa motilità fisiologica.

La limitazione dei fattori di stress o una loro migliore gestione è poi una delle armi migliori contro la colite.

Saluti.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#9] dopo  
Utente
Confermo dottore che il test si è svolto ogni 30 minuti con soffiaggio dentro un pallonccino per 3 ore,ma come ripeto senza nessun valore finale.
Mi consiglia un esame delle feci?
La notte,ma non tutte le notti si succede di alzarmi per andare in bagno per urinare e fino a quì tutto bene.
Ma dalle volte dopo avere urinato mi sento come una senzazione di stimolo nella parte addominale bassa,ma non è un dolore e come se una sorta di informicamento.
Pensa che possa essere riconducibile alla possibile irratazione al colon retto?
Grazie.

[#10]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Gentile utente,
atteso che ha realmente effettuato questo fatidico BT al lattosio,
prendo atto della conclusione sintetica del referto che ho difficoltà a comprendere,
in quanto l'esplicitazione dei valori dà un senso all'entità reale del problema (es. lieve - moderata - severa intolleranza) ed ai rimedi da porre in essere.

Confermo l'utilità di un esame delle feci (sangue occulto in 3 determinazioni + ricerca colturale completa).

La risposta all'ultima sua domanda è corretto che la dia il medico che ha scelto/sceglierà per essere ulteriormente seguito.

Saluti.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it