Utente 220XXX
Salve!
Il mio problema è che soffro molto frequentemente di mal di pancia (sotto l'ombelico per intenderci). Questo problema si è presentato circa dalla fine dell'estate scorsa, al quale era legato anche la diarrea. Il mio medico generico mi aveva detto che non era nulla di cui preoccuparsi, che era colpa del caldo, dello stress (esami di maturità e problemi affettivi) e non mi aveva prescritto nulla. Il dolore e la diarrea però non avevano cessato di esserci, quindi dopo un'altro consulto sempre dal medico generico, a novembre/dicembre (non ricordo precisamente quando) ho fatto una cura di una settimana con l'antibiotico normix (una pastiglia ogni 12 ore) abbinato all'assunzione di enterolactis (un flaconcino prima di pranzo). I problemi sono passato per un po', ma ora si è ripresentato il mal di pancia, sempre dopo ogni pasto.
Ho chiesto un consulto al medico generico universitario (studio fuori sede) e mi ha consigliato di assumere soltanto l'enterolactis, dato che attualmente non ho problemi di diarrea. Anzi, ultimamente sono piuttosto stitica, le feci sono piuttosto maleodoranti e la maggior parte delle volte sono leggermente molli.
Ho quindi iniziato a prendere enterolactis solo prima di pranzo il 5 giugno (2 giorni fa), e dato che il mal di pancia non diminuiva, da ieri l'ho preso sia prima di pranzo che prima di cena (come scritto nel foglietto illustrativo), e penso che farò così fino all'11, quando dovrei terminare la cura.
Ho paura di fare delle visite particolari, ogni tanto ci penso e mi viene l'ansia...e mi sento più male...Secondo voi quale potrebbe essere il mio problema?
E inoltre, cucinare con delle padelle antiaderenti rovinate è rischioso?

Grazie mille per l'aiuto

[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Secondo me il suo problema si chiama Colon Irritabile.

Le padelle rovinate vanno buttate.

Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente 220XXX

Grazie per la sua immediata risposta.
Io non faccio uso di droghe, né di alcol, non fumo, non mangio troppi fritti, non bevo caffè e seppur non faccia attività fisica periodica cammino tanto.
Quali sono i cibi che dovrei evitare?
Come mi consiglia di comportarmi, fare qualche visita specialistica, se si quale potrebbe fare al caso mio?... e enterolactis va bene o è meglio qualcos'altro?

[#3] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Intanto non esistono farmaci specifici per il colon e l'intestino irritabile.

Le fornisco alcuni consigli di massima universalmente validi:

In generale sono utili integratori a base di fibre vegetali se si soffre della forma di colon irritabile con prevalenza di stitichezza: le fibre non sono esattamente la cura per il colon irritabile, ma certamente favoriscono il transito intestinale e favorire l'evacuazione, riuscendo così ad alleviare anche la sensazione di gonfiore e il mal di testa che arrivano quando i problemi si prolungano nel tempo.

Se si ha bisogno di assumere un lassativo perché la constipazione si prolunga oltre i 3 giorni, si deve ricordare che tutti i prodotti con effetto lassativo vanno utilizzati solo sporadicamente e non per periodi di tempo prolungato.

Dato che le cause dell'intestino irritabile sono legati a stili di vita, anche i rimedi per il l'intestino e il colon irritabile sono legate al cambiamento di alcuni stili di vita. Maggiore attenzione alla dieta e al momento del pasto, da consumare lentamente e con tranquillità, e un'attività fisica moderata possono spesso ridurre al minimo i sintomi.

Rivolgersi ad un gastroenterologo sarebbe auspicabile.

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente 220XXX

Grazie mille ancora, è stato gentilissimo.
Buona serata

[#5] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Buona Serata anche a lei.

Se le farà piacere ci aggiorni pure.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#6] dopo  
Utente 220XXX

Salve dottore, sono ancora io.
Volevo fare un'altra domanda....è possibile che questi problemi di mal di pancia, a volte diarrea, a volte stitichezza siano legati a dei problemi ginecologici (es. infezioni o altre cose)?
Chiedo questo perchè cercando su internet delle informazioni per delle perdite bianco-verdine, ho trovato anche qualcosa di attinente al mio problema.

[#7] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Penso che non debba cercare risposte ed autodiagnosi su Internet che possono solo, ad un non-medico, generare ansie ed inutili allarmismi.

Si fidi,
faccia come le ho consigliato,
una visita gastroenterologica l'aiuterà,

se ritiene di avere problemi ginecologici, invece, ricorra ovviamente al ginecologo.

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#8] dopo  
Utente 220XXX

Buongiorno dottore! Scrivo di nuovo per chiederle un'altra cosa.

Domani devo fare il breath testa all'idrogeno per vedere se ho un'intolleranza al lattosio, però stasera alle 22.30 dovrei assumere la 1° pillola (Yasminelle) del blister dopo la settimana di pausa.
Farà interferenza col test? Ho saputo che contiene lattosio...

Grazie!

[#9] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Per sottoporsi al test è necessario non assumere antibiotici, fermenti lattici e lassativi nei 7 giorni prima dell’esame e cenare la sera prima con riso bollito con olio e carne o pesce ai ferri o bolliti.

Non mi sembrano citate compresse o capsule contenenti microquantità di lattosio.

Auguroni
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it