Senso di blocco

Salve, sono una ragazza di 29 anni e soffro di reflusso gastroesofageo da ormai da 12, questo è stato attestato con Rx con mezzo di contrasto e con Gastroscopia. Nei primi tempi avevo moltissimi fastidi che mi facevano ricorrere ogni giorno o quasi la pronto soccorso come: tachicardia e dolori al petto, senso di stringimento alla gola poi da qnd ho scoperto di cosa si trattasse, ho iniziato una cura e ringraziando a Dio mi sento abbastanza meglio se non raramente fastidi nel periodo di cambio stagione. Adesso provando diversi farmaci per la copertura mi sono fermata con lansoprazolo da 30 da 2 anni circa solo che avverto altri sintomi ultimamente come: bruciore di stomaco che diverse volte scaturisce estrasistole e come se nella bocca dello stomaco avessi un tappo sopratutto se bevo e come si mi rimanesse tutto bloccato li per non parlare durante la notte, se sono assetata e mi alzo a bere ( acqua a temperatura ambiente anche ad agosto), mi rimane sullo stomaco con qualche dolorino e passo tutto il tempo a massaggiare per veder se risolvo qualcosa. A volte ho anche giramenti di testa e annebbiamento visivo con un po di nausea che precedono fastidi (come bruciore) alla bocca dello stomaco. Cosa altro posso fare? Ho rialzato la testa del letto e la tosse che mi preocurava asma perchè mi sentivo le mucose in gola è calmata moltissimo per non dire sparita,don la quale ogni volta irritavo tutta la gola per poter liberarla da questo muco e mi portava certe volte anche a vomitare e dopo passava tutto.Ho eliminato la frittura è raro ke la mangi, non mangio frutta ne cioccolata, non bevo caffè o roba gassata, mangio roba alla mano ma non schifezze.
[#1]
Dr. Francesco Quatraro Gastroenterologo, Colonproctologo 28,8k 516 63
Gentile utente,
credo debba associare dei procinetici,
ovviamente la terapia va possibilmente condivisa con lo specialista gastroenterologo.

Le fornisco inoltre un elenco di norme e consigli universalmente riconosciuti.

In generale, è meglio mangiare cibi ricchi di fibre e proteine. Eliminare fritti, condimenti e salse. Ridurre il consumo di aglio, cipolla, menta, anice, caffè e tè. Ed evitare di mangiare cibi acidi o speziati.

Anche il modo in cui si mangia è importante.
Ecco alcune regole che è bene seguire:
-evitare i pasti abbondanti;
-mangiare poco e spesso. Mangiare lentamente;
-aspettare almeno tre o quattro ore prima di coricarsi dopo aver mangiato. Consumare cene leggere.

-evitare di indossare vestiti scomodi o troppo stretti in vita. I vestiti stretti, specie sulla vita, aumentano la pressione sull'addome. Questo facilita il reflusso.
-evitare di sdraiarsi subito dopo i pasti. Dopo aver mangiato bisogna aspettare almeno tre o quattro ore prima di andare a dormire.
-evitare di compiere sforzi fisici a stomaco pieno. È meglio aspettare due o tre ore dopo aver mangiato prima di compiere attività fisica. Subito dopo mangiato è bene anche evitare movimenti bruschi e improvvisi (per esempio piegarsi per raccogliere qualcosa);
-elevare la spalliera del letto di circa 10 cm: aiuta a mantenere l'esofago in posizione verticale anche quando si è sdraiati e impedisce la risalita di materiale acido dallo stomaco. È meglio non usare pile di cuscini perché potrebbero avere l'effetto opposto e aumentare la pressione sull'addome;
-evitare l'uso di farmaci che possono favorire il reflusso. Esistono alcuni farmaci che possono causare il reflusso (per esempio: nitrati, teofillina, calciontagonisti, banzodiazepine, dopamina, FANS, tetracicline);
-smettere di fumare. Il fumo fa male alla salute in generale. In più, la nicotina delle sigarette fa rilasciare la valvola che si trova tra stomaco ed esofago e causa il reflusso;
-tenere sotto controllo il peso o ridurre il sovrappeso. I chili di troppo aumentano la pressione nell'addome e possono favorire il reflusso.

Cordialmente

Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2]
dopo
Attivo dal 2012 al 2013
Ex utente
Grazie dottore per i suoi suggerimenti che comunque conoscevo già, le ripeto, le uniche cosa che non faccio sono quella del sdraiarsi dopo un tot di ore perchè sopratutto la sera lo faccio immediatamente e poi il mangiare poco e spesso perche se mangio così poi all'ora dei pranzi non ho appetito e quindi non mi siedo a tavola e i miei si arrabbiano ma, per il resto, seguo tutto. Cosa sono e a cosa servono i procinetici? E poi, perchè questo chiamiamolo blocco alla bocca dello stomaco si scaturisce il 90% bevendo acqua?
[#3]
Dr. Francesco Quatraro Gastroenterologo, Colonproctologo 28,8k 516 63
I procinetici favoriscono lo svuotamento gastrico.

Il resto dei quesiti posti richiede, come le dicevo, la visita diretta del medico.

Cordialmente
[#4]
dopo
Attivo dal 2012 al 2013
Ex utente
Salve dottore vorrei chiedere alcune cose, mio fratello 19 anni soffre oramai da 2 anni di Morbo di Chron, ringraziando Dio da quando l'ha scoperto, con le cure e un'alimentazione ristretta sta bene, non ha più problemi e ha anche recuperato peso. Gli è stato detto di non mangiare latticini, verdure, frutta, insaccati ecc ecc,, lui mangia carne (rossa e bianca), philadelphia o sottilette, the deteinato e ogni tanto caffè decaffeinato, prosciutto cotto, uovo, patate, carote, zucchine, biscotti frollini, crostata di albicocche. Vi è stato detto anche che se vuole può assaggiare altro e che se non gli causa problemi, può continuare a mangiarli solo che lui ha paura, raramente una volta ogni 2 3 mesi se cuciniamo wrustel ne assaggia un pezzetto, mangia il pandoro e non gli fanno nulla. Adesso al medico che lo segue, gli hanno chiesto se può mangiare bastoncini di merluzzo impanati findus e isofficini sempre della stessa marca ma non sapevano cosa fossero, una volta che gli hanno spiegato, gli ha detto di si solo che, ieri ho letto perbene gli ingredienti e ci solo le spezie e che sono prefritti e che sono cose che non potrebbe mangiare anche se, li mangia tranquillamente senza problemi. Mi chiedo potrà mangiarli? Come, potrà mangiare il pancarrè e i panini confezionati esempio gli hot dog, non contengono alcool?
[#5]
Dr. Francesco Quatraro Gastroenterologo, Colonproctologo 28,8k 516 63
La dieta nel Crohn,
durante le fasi di remissione e/o di quiescenza
è da considerarsi libera, fatte salve le regole di una sana alimentazione,
completa ed equilibrata.

Le fibre, ad esempèio, possono essere pericolose in caso di stenosi, o situazioni a rischio occlusioni

Ovviamente il tutto va affrontato sotto la guida del proprio gastroenterologo di fiducia.
[#6]
dopo
Attivo dal 2012 al 2013
Ex utente
Grazie!
[#7]
Dr. Francesco Quatraro Gastroenterologo, Colonproctologo 28,8k 516 63
Di nulla.

Auguroni

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test