Utente 281XXX
Buongiorno!Ho 29 anni e ormai da un anno ho continui problemi a livello dello stomaco: ciò che mi disturba maggiormente è la nausea. A volte trascorro giorni interi con la sensazione di avere lo stomaco sottosopra, anche se non ho mangiato nulla! Inoltre ho la digestione molto lenta, qualsiasi cosa mangi. Dapprima questi fastidi mi capitavano ogni tanto, poi sono diventati sempre più frequenti, tanto da spingere il mio medico di basa a prescivermi una gastroscopia con biopsia. L'esito è il seguente: mucosa esofagea d aspetto regolare.La giunzione squamo colonnare appare lievemente frastagliata come da reflusso.Cardias beante con ernia ai tale di 2 cm.Rilevatezza pseudo polipoide d 8-10mm ricoperta da mucosa normale sotto la giunzione squamo colonnare in corrisp del margine prossimale delle pliche gastriche. Si eseguono comunque biopsie multiple. Non lesioni nel duodeno esplorato fino alla seconda porzione. Esame istologico: Biopsie del cardias. Mucosa della giunzione squamo colonnare sede di lieve flogosi cronica quiescente con focale metaplasia intestinale completa. Non si osservano microorganismi riconducibili a hp.
Ora vi chiedo: è una condizione reversibile o è preoccupante? Mi è stato detto da un medico che mancano i dati relativi alla biopsia all'interno dello stomaco... Devo ripetere la gastroscopia? Che cura è più indicata? Il medico di base mi ha detto che è inutile assumere gli IPP e mi ha consigliato solo il Gaviscon adv 3 v/die. Posso fare qualcosa per migliorare la mia situazione? Perchè questi fastidi mi condizionano davvero... Grazie!

[#1] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
Mi dispiace contraddire il suo curante ma
<<La giunzione squamo colonnare appare lievemente frastagliata come da reflusso.Cardias beante con ernia ai tale di 2 cm.>>

identifica una chiara Malattia da Reflusso Gastroesofageo,
meritevole di trattamento con PPI+procinetici+antiacidi oltre al rispetto di precise norme antireflusso.

Per<< migliorare la sua situazione>> può farsi seguire da un gastroenterologo.

Cordiali Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
La focale metaplasia intestinale completa a livello cardiale starebbe ad indicare una situazione di esofago di Barrett. La terapia con antisecretivi è necessaria come sarebbe anche utile un controllo gastroscopico nel tempo per rivalutare istologicamente la situazione esofagea, risolta l'infiammazione, ed avere un definitivo inquadramento della situazione.

Cordialmente

Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#3] dopo  
Utente 281XXX

Vi ringrazio delle tempestive risposte. Andrò sicuramente da un gastroenterologo a breve. Comunque seguendo la terapia farmacologica e rispettando tutto ciò che mi verrà detto, pensate che sia una situazione risolvibile o non c'è possibilità di regressione? O meglio, la metaplasia può regredire o è una condizione permanente? Visti i miei 29 anni mi preoccupa un pò... Grazie.

[#4] dopo  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
VIBO VALENTIA (VV)
CINQUEFRONDI (RC)
REGGIO DI CALABRIA (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
La metaplasia dovrá essere confermata dopo un adeguato ciclo di terapia con antisecretivi. Ad ogni modo una metaplasia di tipo completo e limitata alla regione cardiale (short Barrett ) non deve destare preoccupazione, anche se si tratta di una situazione irreversibile. Tenga conto, per sua tranquillità, che se necessario la metaplasia può essere eliminata endoscopicamente (ma solo in caso di metaplasia estesa e complicata da displasia).


Cordialmente

Primario di Gastroenterologia ed Endoscopia, Osp. San Giuseppe - Milano
Centro di COLONSCOPIA ROBOTICA
www.endoscopiadigestiva.it

[#5] dopo  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
12% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 84
Iscritto dal 2012
La metaplasia completa e' molto meno a rischio di quella incompleta,
in quanto le cellule che la determinano sono cellule stabili, mature.

Inoltre recenti studi dimostrano che PUO' ESSERE un fenomeno REVERSIBILE, soprattutto nei pazienti con Short Barrett, ovviamente a seguito di corretta terapia antireflusso.

Pertanto la
<<Rilevatezza pseudo polipoide d 8-10mm ricoperta da mucosa normale sotto la giunzione squamo colonnare in corrisp del margine prossimale delle pliche gastriche. Si eseguono comunque biopsie multiple.>>
ritengo sia meritevole di osservazione endoscopica, con ripetizione dei prelievi bioptici.

Restano inalterate le riflessioni che le ho porto in replica #1.

Cordialmente
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it