Utente
Salve, ho 34 anni e sospetto di essere affetto da questo problema. In passato ho fatto decine di esami e fatto moltissime cure per colon irritabile senza alcun risultato. Ho girato moltissimi specialisti sia gastroenterologi, sia proctologi, sia urologi per disturbi prostatici che parrebbero collegati ai problemi del colon per qualche motivo. Ho perfino subito un operazione con metodo STARR per la rimoazione di un prolasso evidenziato da una defecografia (i miei sintomo erano migliorati nei due mesi post operatori, poi sono tornati come prima e nonostante ciò nelle visite protcologiche successive risulta tutto ok a detta del medico che mi ha operato). Tornando alla disbiosi intestinale, oggi mi sono imbattuto in un articolo che ne parlava e ho riscontrato che i sintomi di cui soffro sono effettivamente molto simili a quelli descritti per chi è affetto da questa patologia

I sintomi che ho sono:

- sensazioni di gonfiore
- presenza di aria nella pancia
- feci prevalentemente pastose, nastriformi, molli e flaccide (stile colla in pratica che fatica molto a scorrere)
- senzazione di un malessere generale dell'intestino
- presenza di muco nelle feci

Poi ho anche sintomi che parrebbero riconducibili a questa patologia:

- leggero acne
- presenza di croste e irritazioni cutanee (in particolare nelle zone del cuoio capelluto e dove sono i peli come sopracciglia, barba, o peli sul torace
- nervosismo
- ansia
- senso di depressione
- a volte alito cattivo
- senso di perenne stanchezza fisica
- alcuni leggeri dolori articolari

Secondo voi, con questi sintomi c'è la possibilità che quello di cui soffro sia effettivamente disbiosi intestinale (ho fatto numerose analisi, di feci, sangue e urine ma sono sempre state tutte negative) e se è così esiste una cura, come dovrei comportarmi? Vorrei liberarmi di questa croce sulle spalle e godermi quel poco di giovinezza che mi è rimasto.

[#1]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Prenota una visita specialistica
Ha escluso la celiachia ? Ad ogni modo per accertare una eventuale disbiosi è sufficiente eseguire il breath test al lattulosio.



Cordialmente

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#2] dopo  
Utente
Si, anche quella della celiachia aveva dato esito negativo. Il breath test al lattulosio, non me l'hanno mai fatto fare, anche perchè avevo provato a stare un periodo senza derivati del latte (in ogni caso ne ingerisco di norma quasi nulla), senza ottenere miglioramenti. In ogni caso mi chiedo perchè nessuno specialista che mi ha visitato ha mai pensato alla disbiosi in tutti questi anni. E' una patologia curabile comunque, o tocca solo conviverci? Quali accorgimenti posso fare intanto (dieta, qualche fermento, ecc...), per alleviare un po' i sintomi?

P.S. Comunque ho letto che ci sono esami specifici come Disbiosi Test e Stool Flora Scan che appurano la presenza di disbiosi, è il caso che intanto ne parli con medico di base e me li faccia segnare?

[#3]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Il Breath test al lattulosio (e non al lattosio) viene eseguito proprio la conferma o meno della disbiosi intestinale. Il trattamento è a base di antibiotici (rifaximina 2 com. ogni 8 ore per 15 giorni). La dieta non ha alcuna influenza. Da considerare anche una eventuale Gluten Sensitivity, ossia una ipersensibilitá al glutine :

https://www.medicitalia.it/minforma/gastroenterologia-e-endoscopia-digestiva/1040-celiachia-no-gluten-sensitivity-ipersensibilita-al-glutine.html


Saluti

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#4] dopo  
Utente
Anche l'esame per il glutine era risultato negativo, comunque io ho anche problemi prostatici e alle vie urinarie, ho letto che anche questi possono essere derivanti dalla disbiosi. Prima di prendere ulteriori antibiotici, credo che mi converra farmi segnare dal medico di base questi test, per appurare la presenza o meno di disbiosi. In modo da poter andare ad una visita gastroenterologica carte alla mano. Parlavo proprio di Disbiosi Test e Stool Flora Scan, proprio perchè il Breath Test è una bella rottura di scatole. Comunque ho letto anche che per questa patologia è indicato un lavaggio intestinale

[#5]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Noto purtroppo che il navigare su internet la sta portando fuori dai binari della medicina convenzionale. Quando mai la disbiosi viene trattata con il lavaggio intestinale ? Non so cos'altro dirle. Si affidi ad un gastroenterologo.

Auguroni

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#6] dopo  
Utente
Il problema è che ne ho girati una marea di specialisti e l'unica cosa che ho ottenuto è stato spendere un sacco di soldi. Onestamente non so più dove sbattere la testa, per caso ho trovato questo articolo che parlava di Disbiosi e ho visto che descrive essattamente i miei sintomi, il che fa pensare che possa averla effettivamente anche visto che le cure per colon irritabile, ecc... Non mi hanno mai minimamente giovato.
Ma onestamente questa patologia se accertata, se uno ne soffre per diversi anni, è ancora curabile al 100%? Chi è affetto da tale patologia è a rischio tumore del colon?

[#7]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Nessun rischio di tumore e la disbiosi puô essere controllata, ma può recidivare.


Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#8] dopo  
Utente
Quindi non esiste cura definitiva, devo portarmi questa croce finchè campo? :(

[#9]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Questo non è detto. Non ė possibile prevedere la recidiva e non è detto che debba verificarsi.

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it

[#10] dopo  
Utente
Il mio medico di base, considerando i miei sintomi mi ha segnato Rifacol 200 mg (che contiene Rifaximina come diceva lei) 2 compresse 2 volte al giorno per due settimane, accompagnato da dei fermenti lattici chiamati Codex, 1 compressa al giorno, per vedere se ho dei miglioramenti, e un altra visita specialistica per ulteriori accertamenti. Spero mi dia qualche miglioramento almeno nei sintomi questa terapia in attesa di ulteriori analisi

[#11]  
Dr. Felice Cosentino

Referente scientifico Referente Scientifico
60% attività
20% attualità
20% socialità
MILANO (MI)
CROTONE (KR)
REGGIO DI CALABRIA (RC)
ROMA (RM)
CINQUEFRONDI (RC)

Rank MI+ 100
Iscritto dal 2008
Attendiamo il risultato ....


Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (Clinica La Madonnina), Roma, Calabria (Crotone,Reggio)
www.endoscopiadigestiva.it