Utente
Buongiorno,
sono una ragazza di 28 anni e soffro da diversi anni di anoressia/bulimia. Ho fatto l'ultima gastroscopia lo scorso agosto a causa di difficoltà digestive e ripetuta dispepsia. Sono emersi segni di un rallentato svuotamento gastrico oltre ad eccessiva presenza di acidi.
In tutti questi mesi la digestione è migliorata nonostante i ripetuti episodi di abbuffata/vomito. Ieri sera in seguito al vomito ho sentito una fitta improvvisa al torace, più precisamente a sinistra nella zona del cuore. E' andata via dopo poco, circa un minuto, però ho continuato ad avvertire un fastidio in tutta la zona toracica e in certi momenti mal di schiena nella parte alta posteriore. Oggi sto iniziando a sentire bruciore allo sterno, immagino sia l'esofago. Però la deglutizione non mi da problemi e anche a mangiare va tutto ok. Secondo lei cosa può essere stata quella fitta? E il bruciore che sento potrebbe essere esofagite? In maggio andrò finalmente in un centro di cura per disturbi alimentari. Mi chiedevo se, nel caso si tratti di esofagite, può guarire senza medicinali se interrompo definitivamente la pratica del vomito autoindotto? Oppure è necessario ricorrere a terapie specifiche? Si guarisce? Grazie mille attendo con ansia una risposta.

[#1]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Se si tratta di reflusso è opportuno farsi aiutare dalla terapia.
Certamente dovrà interrompere la pratica dannosa del vomito autoindotto.
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#2] dopo  
Utente
No non ho mai avuto il reflusso. Quindi interrompendo la pratica del vomito la guarigione avviene da sola? Di solito in quanto tempo mediamente?
Grazie mille

[#3]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
Parliamo di ipotesi non confermate da nulla (gastroscopia),
... come possiamo confermare i tempi di guarigione di un danno non quantificato?
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it

[#4] dopo  
Utente
Ovvio prima della gastroscopia non si possono trarre conclusioni.
La mia richiesta era solo per sapere in linea generale :
1) E' possibile che un'esofagite guarisca da sola in assenza di reflusso e in assenza di altre complicanze mediche che coinvolgano l'esofago?

2) In linea generale l'esofagite è una patologia con tempi di risoluzione lenta o nel migliore dei casi, ad es. esofagite di primo grado, può risolversi in poco (ad esempio qualche settimana)?
Non essendo un medico ed essendo la prima volta che incorro in questa problematica, non conosco nulla sulla prognosi.

Grazie della disponibilità,

Cordiali saluti

[#5]  
Dr. Francesco Quatraro

Referente scientifico Referente Scientifico
56% attività
4% attualità
20% socialità
ACQUAVIVA DELLE FONTI (BA)

Rank MI+ 80
Iscritto dal 2012
1. si

2. 1-2 mesi.

Saluti
Responsabile U.O. di Endoscopia Digestiva Osp. MIULLI
www.enterologia.it
www.transnasale.it