x

x

Gonfiore addominale cause

Gonfiore addominale, difficoltà a digerire, reflusso gastrico? 👉Scopri i benefici dei fermenti lattici

Gentili dottori , purtroppo non riesco ancora a risolvere il seguente problema : da quando, a seguito di infarto miocardico prendo tutti i farmaci necessari, l'intestino è irritato ma quello che mi preoccupa di più è l'eccessivo gonfiore addominale sia allo stomaco che ai fianchi (girovita) con accessoria "occasionale" aerofagia, flatulenza, a volte diarrea ; mi rendo conto che molti soggetti della mia età (52 anni) presentano questo gonfiore ma vorrei eliminare o ridurre il problema e soprattutto escludere che possa trattarsi di una patologia grave tipo tumore. E' vero che soffro anche di ansia e che mi è stato ricontrato reflusso gastrico e qualche cacolo alla cistifellea ma queste cose le avevo già da anni.Il Gastroenterologo che ho consultato mi ha prescritto per adesso esami vari : test fecale alla calprotectina, esame feci organolettico, HB feci, ETG anse intestinali, TSH . La sua diagnosi è comunque stata per ora : "verosimile colon irritabile" e litiasi della colecisti. Ma per esempio che io mangi poco o tanto o nulla o cose differenti il gonfiore ritorna . Neppure il farmaco Colinox che mi è stato prescritto non ha sortito effetti , sarebbe forse meglio il carbone vegetale ?
[#1]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 69.5k 2.2k 88
Pio assumere il carbone vegetale. Potrebbe trattarsi di una sovracrescita batterica intestinale. Ha escluso l'intolleranza al lattosio ?


Cordialmente

Dr Felice Cosentino, Gastroenterologo/Endoscopista - Milano (La Madonnina), Roma (Villa Benedetta) Calabria (Reggio-Crotone)
www.endoscopiadigestiva

[#2]
dopo
Utente
Utente
posso comunque, Dottore, in linea di massima (capisco che purtroppo nessuno ha la sfera di cristallo...) escludere, in base ai disturbi esposti, che io abbia qualcosa di grave ? ...con un farmaco vivamente consigliatomi dal medico di base chiamato Diosmectal (per 7 giorni di cura) posso sperare di ottenere un qualche sgonfiamento dell'addome ? Mi scuso ancora per il disturbo e la ringrazio.
[#3]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 69.5k 2.2k 88
Ok per il farmaco ed i sintomi non sono da patologia tumorale ....


[#4]
dopo
Utente
Utente
Gentilissimo Dottore, la ringrazio ancora per la pazienza che mi ha sempre dimostrato : purtroppo da quando ho subito quell'infarto la mia vita non è più "normale" come prima (anche a livello psicologico) ; è come de si fosse tracciata una "netta" linea di demarcazione tra il prima e il dopo ..... anche la serenità stenta a ritornare ...e tutti i disturbi che prima non avevo (o se ce n'era qualcuno era limitato e superficiale) mi appaiono come effettivi e reali e più indago più mi inserisco in un vortice senza fine : ogni mia indagine per cercare solo di capire e di risolvere od alleviare i disturbi genera altre spiacevoli scoperte circa la mia salute (a volte forse sarebbe meglio restare nelle "tenebre dell'ignoranza" ... ) ; a tutto ciò si aggiunga che neppure la certezza circa l'attuale salute del cuore (nonostante i mille esami di controllo, la terapia costante e le numerose visite confortanti e positive) è stata da me raggiunta ; e come se su di me ormai pendesse la c.d. "Spada di Damocle" . Probabilmente l'unica soluzione , oltre che cercare di curarsi nel modo migliore ma possibilmente senza ossessione, è quella di considerare e soprattutto accettare con "fatalismo" l'idea della morte, del destino limitato dell'essere umano, vivendo ogni giorno come fosse l'ultimo e considerando che avere, come nel mio caso 52 anni non è più come averne 30, 40 o, anche 45 (quando allora molte cose erano concesse dal corpo o semplicemente "tollerate"). Le auguro buona serata confidando sempre nella Sua e Vostra gentile e paziente consulenza in caso di necessità o per poter almeno "capire" , "orientarmi" o, almeno "tranquillizzarmi".
[#5]
Dr. Felice Cosentino Gastroenterologo, Chirurgo apparato digerente, Chirurgo generale, Colonproctologo 69.5k 2.2k 88
Deve solo guardare avanti con serenità. Solo così i suoi disturbi, quelli funzionali/ansiogeni, si risolveranno.

Auguroni.