Utente
Buongiorno.
Grazie mille gia' a chi mi rispondera'. Sono una donna di 40 anni, che soffre da parecchi anni di dolori vari dovuti a gastrite e esafogia.
3 anni fa ho fatto la gastroscopia che ha evidenziato una gastrite acuta al 3 livello e mi hanno prescritto una cura, nessun battere ...la cura poi sinceramente non l'ho mai fatta, perche' dopo sono stata meglio. Sono una persona che per fortuna non ho problemi di alimentazione, ho sempre mangiato tutto, ma ho solo un neo....mi piace molto il vino.Quindi, visto che sono anni che ai pasti, la sera bevo, la mia situazione e' peggiorata nell'ultimo periodo, dandomi sintomi piu' gravi...arrivando al reflusso che mi porto con me, negli ultimi mesi sempre. Premetto che da circa 10 gg, come 6 mesi fa, ho deciso di mettermi in riga, mangiare sano e smettere di bere alla sera, ma sono preoccupatissima, perche' Lunedi' avro' la gastroscopia e temo che mi trovino un tumore o qualcosa comunque di grave. Ora sto prendendo da circa un mese un inibitore di pompa, per la precisione mezza compressa di e gaviscon una mattina e una bustina a sera. Ma purtroppo, sara' il cambio stagione, sara' che i fine settimana, mi concedo qualcosa di piu', ho sempre male alla gola, catarro, orecchie tappate, anche se il male che avevo allo stomaco e alla scapola destra, mi sono scomparsi. Vi chiedo quindi se, anche se mi devo fare la gastroscopia, se ci fosse qualcosa di grave che sintomi dovrei avere, cioe' quali sono segnali preoccupanti, perche' lo sono davvero. Sono una sportiva, ogni giorno faccio 6-10 km di corsa, ho esami perfertti, fatti nemmeno un mese fa, ma ho paura.
vi prego tranquillizatemi su tutto.
Grazie.

[#1]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
1) la compressa dell'inibitore di pompa NON deve essere spezzata!!!!!
2) curi la sua ansia e faccia le terapie che le vengono prescritte.

Attenda serenamente la gastroscopia.
Cordialmente.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente
Grazie mille di tutto.
ma e' stato il dottore che mi ha consigliato di spezzarla perche' ne ho provate diverse, ma tutte mi davano effetti colletarali, quali tachicardia, varie, quindi ...come devo fare?
si sono ansiosa, molto, ma ho davvero paura.
Lunedi le riferiro' cosa mi hanno detto, nel frattempo se gentilmente mi dice la motivazione dello spezzare la medicna perche' non va bene.

[#3]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Alcuni farmaci (lo devono sapere TUTTI i medici) sono confezionati compresse rivestite da uno strato protettivo che le difende dell'acido dello stomaco.
Se le spezza lo strato non protegge più il farmaco che viene inattivato dell'acido!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4] dopo  
Utente
aiuto!!!
quindi ho preso per nulla in questo mese la medicina?
no perche' io a livello di stomaco sto meglio...reflussso a parte....non capisco bene....quindi e' come non prendere nulla o e' il tutto piu' dannoso?

[#5]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
È come prenderne pochissima.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#6] dopo  
Utente
ah...ok! Io avevo molta tachicardia, tanto che ho cambiato 3 tipi di compresse...ma se mi dice cosi', dopo la gastro, lunedi' in base a cio' che mi diranno, chiedero' meglio.
grazie per ora.
buona giornata.

[#7]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Mi aggiorni se le fa piacere.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#8] dopo  
Utente
buongiorno.
Ieri ho eseguito la gastroscopia e a mio stupore, tutto e' andato bene....tutto roseo, nessun segno di ulcere o altro...insomma sono sollevata. Pero' ho avuto un amara sorpresa. Nel Novembre del 2015, quando avevo fatto l'altra, il referto della biopsia, presentava una minima presenza di Helicobacter e , alla domanda al mio dottore cosa dovevo fare, mi ha risposto, che per lui una cura antibiotica era non necessaria, visto la minima/bassa presenza...quindi ieri, oltra a non avermi fatto la biopsia, mi e' stata indicata la cura da fare per due settimana. Ero arrabbiata, perche' a questo punto, e' possibile che il mio reflusso sia dovuto a questo battere? cosa porta la presenza di esso?
grazie milla.

[#9]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
La presenza di HP fa aumentare la produzione acida da parte dello stomaco.
Se lei ha un reflusso, questo aumenta in presenza di HP.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#10] dopo  
Utente
Grazie mille per la sollecita risposta.
quindi se si debella il battere ce' probabilita' di miglioramento?

[#11]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Certo
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#12] dopo  
Utente
per ora grazie.
io sono molto intollerante allec ure antibiotiche, spero che il ciclo non mi debellera' troppo.
grazie ancora e buona giornata.

[#13] dopo  
Utente
buon giorno dottore.
chiedo una cosa in merito alla cura che sto facendo che consiste come segue:
1 compr. MACLADIN 250
1compr. gastroriparatore
1 compr. TRIMONASE 500

tutto da ripetere 2 volte al giorno: una dopo colazione, una mezz'ora prima dei pasi serali per un totale di una settimana

Il dott mi ha detto che una settimana per lui e' abbastanza, eper fortuna, perche' io gia' dopo due giorni mi sento spossata, stanca e con nausea verso sera.
sapevo, come le avevo detto che l'antibiotico mi avrebbe dato qualche effetto collaterale, ma nn credevo cosi'!
a questo pnto le chiedo se per lei questa e' una cura valida e se posso o devo prendere anche dellle vitamine nel contempo!

se si' quali e quando.
Grazie.

[#14]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
mi specifichi bene quali compresse prende ed i momenti in cui assume i farmaci, quello che ha scritto non è chiaro!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#15] dopo  
Utente
ah...ok prendo le tre tipologie di medicine nei dosaggi descritti:MACLADIN 250 - TRIMONASE 500 -OMEPRAZEN 20MG tutti e tre assieme dopo colazione e tutte e tre assieme prima di cena.

[#16]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
L'OMEPRAZOLO DEVE ESSERE PRESO A DIGIUNO: 30 minuti prima di colazione e cena.
La Claritromicina dovrebbe essere presa in dose di 500 mg x 2 volte al giorno.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#17] dopo  
Utente
quindi la cura che mi ha dato il medico, che tra l'altro mi ha detto che e' la cura molto piu' breve e vecchia, non come quelle che consigliano ora, non e' appropriata?
Non capisco...

[#18]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Cosa vuole che le dica........
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#19] dopo  
Utente
ovviamente un suo parere...ma mi pare di capire che lei e' contrario alla posologia prescrittami. Io comunque tra un mese dovro' fare l'esame e spero che vada bene.
e comunque poi ho letto che ce' chi ipotizza cure diverse di anche 2 settimane ma con dosaggi da cavallo e io, francamente, preferisco forse cosi'...ma non capisco il suo cosa vuole che le dica.....
comunque grazie mille.

[#20]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Intendo dire che le terapie (a livello mondiale) sono codificate.
Se poi il singolo medico ne confeziona una secondo la propria fantasia.......
Sulla sua non sono d'accordo, poi lei faccia come crede!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#21] dopo  
Utente
posso sapere per lo meno cosa non va?
perche' per caso non e' troppo d'urto?
Mi scusi dottore Marco, ma devo capire, se permette la fantasia dei medici mi sembra un termine non proprio corretto da usare coi suoi colleghi e mi porta a pensare che ogni medico fa come crede senza una base...quasi a sentimento e forse quindi sbaglia..Certamente, io ho avuto il medico che ora ho cambiato con molta fantasiain quanto non mi aveva assegnato la cura perche' non aveva visionato bene il mio referto, ma per lo meno se le chiedo cosa devo fare, e , aggiunge anche lei faccia come creda, le chiedo per favore di mostrarmi cosa non va....
Le teorie vanno affrontate,!

[#22]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Le ho già detto che il dosaggio è basso,
l'omeprazolo è assunto nel momento sbagliato
Cosa devo dire di più?
Posso dire che in 25 anni non ho mai prescritto una terapia come la sua.
Deve sapere che modernamente le terapie sono stabilite da linee guida internazionali e non vengono improvvisate dal singolo medico.
D'altra parte le funzioni di questo sito non sono quelle di prescrivere terapie ma di dare pareri di carattere generale.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#23] dopo  
Utente
SONO A POSTO . Non la disturbo piu' mi rivolgero' a uno specialista del caso...ovviamente prima di avere finito la terapia in essere.

grazie cmq della pazienza e del consulto, in cui so benissimo non si posso esplicare terapie....e' un sito molto utile, ma occorre un consulto ben preciso.

grazie.

[#24]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
Più preciso di così..........
Mi sembra di aver spiegato in modo più che chiaro che non sono daccordo con la terapia.
Solo per mia curiosità e per rendere un servizio migliore: cosa avrebbe desiderato sentirsi dire?
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#25] dopo  
Utente
Gentile dottore.
Nulla di piu', non mi e' solo piaciuto che mi dica che i dottori diano cura a fantasia,perche' questa cura, come dice lei e' una terapia non da linee guide internazionali, ma parliamo di dottori allora che curano con medicine alternative, che, ovviamente non approvo quando ce' un vero malessere, ma non per questo devono essere giudicati fantasiosi. Deve piuttosto essere il paziente a capire come affrontare il problema. Io del mio medico attuale mi fido moltissimo, visto che applica probabilmente una cura datata, pero' visto il suo parere andro' da un gastro interologo per chiedere una opinione ulteriore.
Poi parliamone, io non sono d'accordo assolutamente a chi da tipo delle cure da cavallo, quindi ripeto, il dottore in primis deve conoscere il paziente e lei mi ha dato un suo parere a km di distanza, quindi tutto cio' mi deve solo fare venire un dubbio, ma non devo affidarmi a uno che non mi conosce.
Buona serata.
comunque ho apprezzato i suoi consigli.

[#26]  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
52% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 92
Iscritto dal 2012
A lei può non piacere ciò che ho detto ma le assicuro che accade spesso (anche nelle visite di tutti i giorni con pazienti "in carne ed ossa") di vedere terapie che non rispettano linee guida.
Lungi da me giudicare in modo negativo chi lo fa.
Il problema è che le linee guida servono a selezionare (tra le varie terapie esistenti) i protocolli di trattamento più efficaci per la singola patologia.
L'Helicobacter, nella fattispecie, è un batterio che mostra alta resistenza ad un gran numero di antibiotici.
Se io la tratto con l'antibiotico non corretto oppure con quello corretto ma a basso dosaggio, rischio di rendere il suo H.P. ancora più resistente.
Voi utenti chiedete un parere e noi, in scienza e coscienza ve lo diamo in modo spassionato e disinteressato (considerando anche il fatto che non vi conosciamo e che, quindi, viene escluso il fattore emotivo).
tutto qui!

P.S.: non esistono cure "da cavallo"!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia