Utente 410XXX
Buongiorno dottori,

Premetto che avevo chiesto già un consulto in precedenza per problemi di digestione nel senso che dopo aver mangiato (sia colazione che pranzo che cena) ho un senso di ripienezza gastrica e indigestione che perdura per circa 2/3 ore dopo ogni pasto.
Questo problema mi porta ad avere continue eruttazioni e senso di nausea durante il giorno.
Tutto ciò da quasi 3 anni.

Ho fatto di recente una gastroscopia con biopsie e riporto di seguito l'esito:

REFERTO ENDOSCOPICO
Esofago regolare, con marcata iperemia della mucosa sopra-cordiale. Cardias incontinente, con pilastri diaframmatici e giunzione gastro-esofagea coincidenti a 44cm dagli incisivi.
Stomaco con motilità vivace e presente ovunque, contenente liquido biliare e muco a digiuno.
La mucosa gastrica presenta aspetto normale nel fondo, ipotrofia nel corpo e antro con iperemia pre-pilorica.
Piloro regolare.
Non lesione nel duodeno, esplorato fino al ginocchio inferiore.
Conclusioni: Incontinenza cardiale, gastropatia ipotrofica del corpo e antro con iperemia astrale
Cura: Levopraid 25mg prima dei pasti principali, Lucen 20mg al mattino e riopan bustine due volte al giorno

REFERTO ISTOLOGICO
DUODENO: Mucosa duodenale con regolare trofismo delle cripte e rapporto villo/cripta pari a 3/1, Conta linfociti intraepiteliali inferiore a 25 su 100 epiteli. Negativa la ricerca di parassiti.

ANTRO: Mucosa astrale sede di lieve flogosi cronica (1+) in fase di quiescenza.
Non si osserva metaplasia intestinale. Non si osserva atrofia ghiandolare.
Non si osservano microorganismi riconducibili a Helicobacter Pylori

CORPO: Mucosa ossidrica sede di lieve flogosi cronica (1+) in fase di minima attività (1+).
Non si osserva metaplasia intestinale. Non si osserva atrofia ghiandolare.
Non si osservano microorganismi riconducibili a Helicobacter Pylori

ESOFAGO: Lembi di epitelio malpighiano esofageo con morfologia regolare

Volevo chiedervi gentilmente una vostra interpretazione considerando il quadro della gastroscopia e delle relative biopsie.

Può il quadro indicato essere riferibile a forte componente psicosomatica (da stress vari) nonostante il malessere duri da quasi 3 anni?

Ho fatto moltissimi altri esami, tutti negativi tranne positività all'intolleranza al lattosio, nonostante io abbia eliminato il lattosio da tempo i problemi permangono.

Grazie in anticipo

[#1] dopo  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Lieve gastrite.
Il quadro non ha alcun nesso con lo stress.
Cordiali saluti!
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2] dopo  
Utente 410XXX

Grazie Dott. Bacosi per la pronta risposta.

Volevo chiedere a lei e agli altri dottori un ulteriore parere a seguito di alcuni esami del sangue di cui ho avuto referto pochi giorni fa.
Vi elenco i parametri positivi, metto nella parentesi quadra i valori limite:

SAB ANTI CITOPLASMA NEUTROFILI
C-anca: NEGATIVO
P-anca: NEGATIVO
Anca atipico: POSITIVO++

MCH EMOCROMO: 27.0 [27.3-32.2] pg
S-ALFA AMILASI: 98 [24-94] U/L
S-GASTRINA: 11 [13-115] pg/ml
F-CALPROTECTINA: 88 [0-50] mg/kg

Gli esami seguenti sono invece risultati negativi:

- EMOCROMO COMPLETO (a parte l'MCH indicato sopra)
- FORMULA LEUCOCITARIA
- PIASTRINE
- VES
- GAMMA GT
- LDH
- LIPASI
- FERRITINA
- TSH FT3 FT4
- FOLATI
- COMPLETAMENTO C3 C4
- PROTEINA C REATTIVA
- IGE TOTALI
- TRIPTASI MASTOCITARIA
- ANTI TRANSGLUTAMINASI IGA
- IMMUNO GLOBULINE A IGA
- PARASSITI ANTI ANISAKIS
- S CROMOGRANINA A

Volevo chiedervi gentilmente a cosa possono fare riferimento gli esami positivi trovati in base alla sintomatologia indicata all'inizio del mio consulto.
Come indicato sopra ero risultato intollerante al lattosio, ma è ormai due anni che non ingerisco alcun alimento contenente lattosio.

In attesa di vostra risposta vi ringrazio in anticipo

[#3] dopo  
Dr. Marco Bacosi

Referente scientifico Referente Scientifico
48% attività
20% attualità
20% socialità
POMEZIA (RM)
ROMA (RM)

Rank MI+ 88
Iscritto dal 2012
Potrebbero.essere dovuti (gli ANCA) a situazioni infiammatorie.
La calprotectina non è da considerare.
MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia