Utente
Buongiorno, sono un uomo di 43 anni e per una serie di problemi mi sono sottoposto a gastroscopia con biopsie di cui riporto l' esito:
Frustoli di mucosa esofagea con iperplelasia papillare acantosi e paracheratosi dell' epitelio e con sporadici granulociti eosinofili intraepiteliali - Inoltre ho un esame di manometria esofagea che riporta assenza completa di peristalsi
Grazie per l' attenzione che vorrete porre

[#1]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Le rispondo volentieri, ma mi dovrebbe spiegare dettagliatamente i sintomi per cui ha eseguito quegli esami.
Prof. alberto tittobello

[#2] dopo  
Utente
Grazie Dottore, la storia va avanti da oltre due anni e mezzo e non volevo essere prolisso- I sintomi in generale sono difficoltà a deglutire, stipsi, affaticamento generale e debolezza muscolare con dolori e senso di rigidità - Problemi di vista sfocata con occhi secchi come anche la bocca - Terribili dolori ai talloni e lombari - Ho chiaramente eseguito anche altri esami tra cui:
colonscopia per rinvenimento di calprotectina alevata (347) e sangue occulto nelle feci con biopsie che riportano frammenti di mucosa del grosso intestino con lieve flogosi linfoplasmacellulare e granulocitari eosinofila, aggregati linfatico modulari ed aspetti edematosi del chorion - Regolare la banda collagene subepiteliale - Regolare la quota linfocitaria T intraepiteliale CD3+ - Frammenti di mucosa del grosso intestino con aspetti edematoso-angectastici del chorion
TAC: Modesta distensione esofagea con piccolo livello idroareo - piccoli linfonodi centimetrici in sede para-aortica addominale - surrene sx lievemente aumentato di volume - linfonodi di circa 1 cm in sede del ventaglio mesenterico a sx
Evidenza ecografica di borsite retrocalcaneare bilaterale
Inoltre è spesso presente una lieve febbricola sui 37.2/37.3 con rarissime escursioni a 37.6 Max
Calo ponderale di circa 12kg in due anni
E tanti altri con cui non voglio tediarla
Ancora grazie

[#3]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Non si tedia mai, quando si descrivono i disturbi. Credo che il problema più importante riguardi la ridotta motilità dell' esofago, che potrebbe richiedere un intervento per via endoscopica. Per completezza, si faccia prescrivere anche una radiografia dell ' esofago, con bario.
Prof. alberto tittobello

[#4] dopo  
Utente
Buonasera Dottore, e grazie ancora per il suo interessamento - l' esame indicato è stato effettuato e riporta come risultati:
RX TRANSITO PER OS - Esame eseguito con Gastrofin mostra regolare morfologia e canalizzazione dell' esofago. Stomaco in sede senza evidenti immagini riferibili a lesioni infiltrative e/o ulcerative delle pareti gastriche - Ritardato svuotamento in duodeno
La ringrazio di cuore

[#5]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Gli esami non concordano. con la radiografia non viene segnalato alcun difetto di peristalsi. La TAC mostra una ( pur lieve ) distensione esofagea con livello idroaereo, che di solito corrisponde a qualche alterazione della motilità. La manometria, addirittura, riferiva assenza completa di peristalsi, cosa impossibile, perché in questo caso non riuscirebbe a deglutire nemmeno l' acqua. Credo che la sua situazione clinica andrebbe riconsiderata nel suo insieme, tenendo presente anche la secchezza degli occhi, ma solo il suo medico può farla.
Prof. alberto tittobello

[#6] dopo  
Utente
Buonasera Dottore,
Ed ancora grazie per la risposta - Gli esiti degli esami sono stati fedelmente riportati - Ho effettuato diversi accertamenti neurologici che hanno escluso problematiche di pertinenza e da ultimo mi è stato consigliato di indagare sul versante reumatologico/immunologico - In realtà tempi fa ho eseguito alcuni esami in tale ambito senza nessun riscontro - Lei crede che potremmo trovarci di fronte ad una patologia del genere??
La ringrazio ancora per la scrupolosita dimostrata
Distinti saluti

[#7]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
No, se ha già eseguito quegli esami, con esito negativo. So che è un po' fastidiosa, ma se rifacesse un' altra manometria esofagea ? ( dato che quella precedente non è credibile ).
Prof. alberto tittobello

[#8] dopo  
Utente
Buonasera,
Intendevo dire approfondimenti dal punto di vista immunologico/reumatologico, vista la sintomatologia generale più fastidiosa oltre alla difficoltà nella deglutizione , che le confermo esiste anche per i liquidi, costituita da piccola febbricola saltuaria, tumefazione e dolore di alcune piccole articolazione delle dita della mano, dolore alle articolazioni e muscolari, dolori e rigidita alla schiena con lombalgia - Talalgia cronica e molto dolorosa con riscontro ecografico di borsiti retrocalcaneari, iperemia congiunturale ed occhi secchi (utilizzo lacrime artificialli), scarsita' di saliva con sensazione di gonfiore al volto e frequente oggettivo gonfiore alle labbra
Poi posso anche ripetere la manometria che mi è stata eseguita ad alta risoluzione ed in un centro universitario del Policlinico di Bari con il fallimento di 10 deglutizioni su 10 di un piccolo sorso di acqua che il medico mi somministrava ogni tanto (Non so se esiste un modo di trasmettere in privato il referto della manometria)
La ringrazio ancora per la pazienza e dedizione

[#9]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
E' una buona cosa che il neurologo abbia escluso patologie di sua competenza, ma bisogna sentire anche il parere di uno specialista immunologo.
Prof. alberto tittobello

[#10] dopo  
Utente
Buonasera e grazie ancora per la solerte risposta. Lei deve essere di sicuro uno di quei bravi medici che si occupano con dedizione e scrupolosita' dei propri pazienti. Come dicevo diversi neurologi, tra cui nomi importanti dell' istituto Besta e del Policlinico di Milano hanno categoricamente escluso patologie di loro pertinenza e consigliato approfondimento immunologico/reumatologico/internistico. Al principio della manifestazione della sintomatologia (Molto più blanda rispetto ad ora) sono stato da un immunologo ma gli esami prescritti sono risultati nella norma. Dal suo punto di vista e da quello che inerisce al suo campo mi sembra di capire che Lei ritenga utile una rivalutazione di questo genere anche se su Bari e provincia non abbiamo grandi riferimenti. Inoltre Le segnalo che in famiglia abbiamo casi di malattie autoimmuni come psoriasi, morbo di crohn, tiroidite e lupus. Possono dunque patologie del genere interferire con la normale funzione del tratto gastrointestinale? Esofago ed intestino compresi??
Ancora un sentito ringraziamento

[#11]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Sì, confermo la necessità di un parere di uno specialista immunologo.
Prof. alberto tittobello

[#12] dopo  
Utente
Grazie Professore,
Seguirò il suo consiglio che poi è stato anche quello dei neurologi - Resta la difficoltà di reperire un immunologo/reumatologo valido in zona ma stiamo cercando anche fuori regione - Le auguro una serena domenica

[#13]  
Prof. Alberto Tittobello

28% attività
20% attualità
16% socialità
MILANO (MI)

Rank MI+ 64
Iscritto dal 2012
Grazie, anche a lei.
Prof. alberto tittobello