Crampi fortissimi la mattina, dissenteria, perdita di appetito, ansia e fobia sociale

Buongiorno, ho 24 anni e ormai da 3 mesi ogni mattina il mio malessere mi rovina la vita.

Come già detto sono tre mesi che ormai il mio intestino fa ciò che vuole, ho scariche di dissenteria la mattina ma può capitare anche durante la giornata ed essendo una persona che soffre di ansia da 6 anni, questa situazione mi ha costretto in casa da una settimana ormai.

Sono già finito in ospedale una volta dove mi hanno fatto un semplice prelievo mandandomi a casa, il medico di base che invece mi ha visto già 3 volte nel giro di un mese oltre a non credere alla mia perdita di peso improvvisa (8kg) solo perché nei suoi registri c’era il mio vecchio peso non aggiornato mi ha prescritto come prima cura Valium e escitalopram più lo Xanax al bisogno senza aver mai preso un solo psicofarmaco.

In conclusione sono solo stressato anche perché in seguito ho fatto degli esami delle feci tutti risultati negativi di parassiti.

Il problema è che io continuo a soffrire come un cane e oltre a gestire i crampi devo gestire anche l’ansia, in più quella bella botta di psicofarmaci mi ha peggiorato la situazione e dopo 5 giorni è stata interrotta all’improvviso sostituendo i farmaci con uno spasmomen senza una dieta specifica e sono stato congedato con una visita dallo psichiatra.

Io adesso non voglio mettere in dubbio il parere del mio medico però continuo ad avere la sensazione che non sapendo cosa sia il mio disturbo viene trattato come semplice stress anche con un atteggiamento di disinteresse, sminuendo tutto ciò che dico o portando l’attenzione su cose diverse.
Ho scritto appunto per un parere diverso perché magari in questo momento, chiuso in casa da due settimane non vedo la situazione con lucidità.

Io vorrei solo indietro la mia vita

Grazie in anticipo
[#1]
Prof. Alberto Tittobello Gastroenterologo 5,6k 242
Certo, la capisco, però deve avere maggior fiducia nel suo medico. Non mi sembra che le abbia prescritto " una botta " di farmaci. Credo che siano quelli più adatti per la sua situazione, se mai vanno aggiustate le dosi. Avere chiesto un parere di uno specialista psichiatra non è un ' offesa : è fatto solo nel suo interesse, per trovare la cura giusta per farla vivere meglio.

Prof. alberto tittobello

[#2]
dopo
Utente
Utente
No assolutamente capisco, però più che altro il mio fastidio è dato dal fatto che questi farmaci hanno peggiorato la mia situazione sia psicologicamente che fisicamente.
E sono spaventato perché a differenza di altre volte non mi è sembrato così convinto, naturalmente capisco che non sapendo precisamente cosa sia si debba andare a tentativi ma sto accusando davvero tanto il colpo .
Secondo lei potrebbe essere colon irritabile? E c’è una speranza di ritornare ad una vita normale senza avere paura ogni due secondi di stare male anche se i sintomi sono abbastanza gravi?
Sinceramente a 24 anni vorrei godermi la vita, lavorare e uscire con gli amici non stare in bagno mezza giornata e l’altra mezza nel letto piegato in due dalle fitte e dall’ansia.
Io nel frattempo sto facendo quello che posso, dieta low fodmap , attività fisica e esercizi di mindfulness e respirazione ma non vedo miglioramenti .

Grazie ancora per il suo tempo e la sua disponibilità
[#3]
Prof. Alberto Tittobello Gastroenterologo 5,6k 242
E' sbagliato ritenere che i disturbi del colon irritabile dipendano dalla situazione psicologica, ma è certo che questa influisce molto. E anche viceversa : è chiaro che i disturbi a loro volte peggiorano la situazione psicologica. Quindi vanno curate entrambe : una cura per lo stato ansioso ( ecco che c ' entra lo psichiatra ) e una cura cosiddetta " sintomatica " per eliminare i disturbi provocati dal colon : soprattutto prodotti antispastici e quelli per ridurre l ' aria.

Prof. alberto tittobello

[#4]
dopo
Utente
Utente
Grazie mille è stato chiarissimo, un ultima domanda: mi consiglia di fare anche una visita gastroenterologica?
[#5]
Prof. Alberto Tittobello Gastroenterologo 5,6k 242
Non la ritengo necessaria, il suo medico è in grado benissimo di gestire la sua situazione. Tuttavia, un parere in più non è mai inutile.

Prof. alberto tittobello

Cos'è l'ansia? Tipologie dei disturbi d'ansia, sintomi fisici, cognitivi e comportamentali, prevenzione, diagnosi e cure possibili con psicoterapia o farmaci.

Leggi tutto

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test