x

x

Da circa 3 mesi dispnea ma accertamenti negativi

👉Quando prendere i fermenti lattici e perché

Buongiorno, mi ritrovo a scrivervi per avere un'opinione esterna, Da circa 3 mesi soffro di dispnea, comparsa all'improvviso dopo un avvenimento pressochè banale ma che mi ha purtroppo fatto scaturire e permanere, con qualche alto e basso, questa sensazione di non riuscire a compiere respiri profondi, come se l'inspirazione si fermasse prima di appagarmi/compiersi, sensazione che a volte degenera proprio in senso di soffocamento, mancanza d'aria.
Il problema è sorto all'improvviso, ho percepito uno spasmo/contrazione alla bocca dello stomaco, proprio dove finiscono le costole ed iniziano gli addominali, come se per una frazione di secondo il cuore mi stesse battendo quasi in superficie e lo stomaco si fosse "mosso" quasi "fluttuando"/"ondulando"; da quel momento ho iniziato a respirare male ed a continuare spesso nell'arco della giornata a fare boccate d'aria per vedere se il respiro si compiesse al 100%, molto spesso ho la necessità di sbadigliare e sospirare, anche molto spesso, gesti che però spesso in realtà non vanno a buon fine, come se si interrompessero a metà, lasciandomi con senso di soffocamento.
Altre volte, in seguito a quell'episodio, ho spasmi/contrazioni addominali, sempre lungo il confine delle costole, come dei crampi, che mi bloccano completamente il respiro.
Mi capita di avere un po' acidità/bruciore di stomaco ma nulla di così disagevole, più che altro ho spesso anche una sensazione di "magone" alla gola e mal di testa sopra gli occhi e cerchio alla testa quando mi capitano quegli episodi, altre volte ho come la sensazione, passatemi il termine, di avere un "rutto" incastrato.
A seguito di tutto ciò ho eseguito delle visite, tutte con esito negativo: visita dal mio allergologo/pneumolgo, perchè ho delle allergie e asma allergica se a contatto con gatti, con 2 spirometrie perfette, visita dal gastroenterologo perchè avendo una piccola ernia iatale (ultima egds 02/2020) ho temuto che quello spasmo fosse l'ernia stessa che si fosse ingrandita/risalita impedendomi di respirare ma secondo lo specialista non poteva essere quello che io sospettavo e, sempre secondo lo specialista, non aveva senso eseguire una nuova gastroscopia avendone una relativamente recente, 2 elettrocardiogrammi sempre con valori regolari e saturazione del sangue sempre oscillante tra 98 e 99; su consiglio degli specialisti ho eseguito un rx torace con esito negativo, un'ecografia addominale sempre con esito negativo ed un'ecografia della parete addominale, sempre con esito negativo.
Ora il mio timore è, confesso senza riserve, di avere un problema così particolare/raro da non essere facilmente individuabile dagli esami di "rito" e di vivere così il resto della mia vita, con questo senso costante di soffocamento; per tutti è ansia, anche x il mio medico di base, ma io vorrei avere un altro parere e venire a conoscenza magari di qualche centro specilizzato nel trattare queste sistuazioni oppure di qualche esame che posso ancora eseguire.
Vi ringrazio in anticipo
[#1]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 26,4k 1k 13
Sarei propenso a dire che si tratta di una somatizzazione d'ansia.
Ne parli con il curante.
Cordiali saluti.

MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio per la celerità nella risposta;
Non le nego che mi sarebbe piaciuto trovare un qualche esame che individuasse il problema perché purtroppo i sintomi sono così reali che a volte mi è difficile accettare che sia tutto nella mia mente, anche perché è purtroppo partito tutto da quell’anomalo episodio.
La ringrazio comunque di nuovo
Buona Giornata
Distinti saluti
[#3]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 26,4k 1k 13
Lei desidera un esame.
Non può pretendere che una persona a oltre 600 km senza visita e senza averla mai vista possa andare oltre una ipotesi.
Secondo quanto raccontato ho elaborato la mia.
Se desidera altro deve rivolgersi, come è ovvio ed intuitivo, ad un medico in "carne ed ossa".

MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia

[#4]
dopo
Utente
Utente
Ma guardi Dottore che era un’espressione impersonale e non una critica verso la sua ipotesi;
avrei in generale sperato forse che anche avendo eseguito molti esami magari ci fosse ancora qualcosa che potessi fare, come può immaginare sono cose che ho chiesto anche di persona ai medici a cui mi sono rivolto, non era mia intenzione pretendere nulla. Ho scritto qui nella speranza potesse mai uscire fuori altro, tutti gli specialisti che ho consultato di fatto convergono nella sua stessa conclusione, Spero di non averla offesa non era davvero mia intenzione. La ringrazio Comunque nuovamente
[#5]
Dr. Marco Bacosi Gastroenterologo 26,4k 1k 13
Non sono affatto offeso era solo per essere chiari.

MARCO BACOSI MD PhD
Spec. in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva
Dott. di Ricerca in Fisiopatologia Chirurgica e Gastroenterologia