Endometriosi e appendicectomia

Mia sorella, che soffre di endometriosi, è stata ricoverata ieri (in periodo mestruale) per dolori lancinanti (più lancinanti del solito perchè le impedivano la deambulazione) all'addome. E' stata visitata da una ginecologa che ha presunto la necessità di un'appendicectomia e da un chirurgo che ha avallato la diagnosi di appendicite con principio di peritonite. Nel corso dell'intervento è stato visto che il motivo del dolore non era l'appendice (comunque tolta perchè ritorta su sè stessa) bensì le aderenze endometriosiche presenti sull'intestino (filmate per successivi consulti) ... Mi chiedo: capisco che i sintomi dell'appendicite c'erano tutti ma è possibile che sia la ginecologa (cui mia sorella ha detto del suo problema) che il chirurgo che l'hanno visitata una volta giunta al pronto soccorso, non abbiano sospettato che non si trattasse dell'appendice? Con un'ecografia non sarebbe stato possibile evitare questo intervento e procedere, dopo consulto, ad una laparoscopia tesa a curare la vera causa della sua dismenorrea?
Esistono dei centro specializzati nella cura o controllo dell'endometriosi?
Grazie.
[#1]
Dr.ssa Valentina Pontello Ginecologo, Perfezionato in medicine non convenzionali 8,1k 178 92
Gentile Signora,

un dolore addominale acuto spesso può essere una motivazione più che valida per effettuare un intervento chirurgico, che non sempre viene effettuato sapendo una diagnosi precisa, ma per l'urgenza della situazione.

Sui dettagli dell'intervento, i colleghi che hanno in cura sua sorella saranno disponibili per darle tutte le informazioni che lei richiederà.

Un centro rinomato per l'endometriosi è Verona.

Dr.ssa Valentina Pontello
https://linktr.ee/vvpginecologa
Sostiene CiaoLapo e Associazione Progetto Endometriosi

[#2]
dopo
Utente
Utente
La ringrazio.
Cordiali saluti.
[#3]
dopo
Utente
Utente
Buon giorno.
Mia sorella è uscita dall'ospedale e sta cotinuando senza particolari problemi la sua convalescenza (oggi le toglieranno i punti). Ciò che la preoccupa è che la maggior parte delle sue aderenze da endometriosi sono posizionate nell'intestizio tra utero e retto e teme che in caso di resezione delle stesse, possa rendersi necessaria la deviazione con ano artificiale. Al di là di questi non infondati timori, non ancora supportati da consulti chirugici, ho letto che vi sono casi in cui per la necessità di demolizione e ricostruzione del retto, viene fatta la deviazione sopra menzionata ... Trattasi di una situazione temporanea? E' possibile ritornare ad una vita normale?
Grazie.
[#4]
Dr.ssa Valentina Pontello Ginecologo, Perfezionato in medicine non convenzionali 8,1k 178 92
Di solito è temporaneo.
Parlatene con il chirurgo che segue sua sorella.

Contraccezione: quanto sei informato? Scoprilo con il nostro test