Utente
Volevo avere dei chiarimenti e consigli in seguito a quanto mi è accaduto.
A settembre scopro di essere in attesa di 2 gemelli,ma si presenta subito una gravidanza "particolare" perchè èmonocoriale biamniotica , dopo avermi spiegato (ed essermi informata da sola)cosa vuol dire e le complicazioni
che potevano esserci il ginecoloco mi fà ecografie di controllo ogni 10-20 gg. Mi aveva parlato anche eventualmente, avendo 35 anni, di fare la traslucenza e in base ai risultati l'AMNIOCENTESI, in quel momento non avevo dato tanto
importanza a questo esame.
I problemi incominciano quando appunto faccio la traslucenza in ospedale più o meno all'11 settimana dove sivede che c'è qualcosa che non và a tutti e due i bimbi. Mi dicono di stare tranquilla che la situazione può cambiare
essendo ancora in una fase di formazione dei feti e di ritornare dopo tre settimane, . Io non riesco a stare tranquilla e non volendo aspettare 3 sett. decido di rivolgermi ad un ginecologo specializzato nella diagnostica prenatale, alla
12sett+5 mi rifà la traslucenza (tras. nucale a un bimbo era 2,5 all'altro 1,9) e una premorfologica e da qui risulta che i bimbi hanno la tachicardia e altri problemi ai cuori. Il dottore mi spiega che queste malformazioni possono dipendere o da una patologia cromosomica o a causa della monocorialità e mi conferma anche lui che la situazione può cambiare. Lui mi consiglia,visto che stavo valutando se la situazione era grave se portare o meno avanti la gravidanza, di fare
il prima possibile la VILLOCENTESI per evitare in caso di una patologia cromosomica di fare un aborto terapeutico al quinto mese che è sicuramente più traumatico di farlo al terzo mese e anche perchè nel mio caso essendo monocoriali con la villocentesi ferei un solo prelievo mentre con l'AMNIOCENTESI ne avrei dovuto fare due.
Ne parlo sia con il mio medico curante che con il mio ginecoloco e mi dicono che è più sicura l'AMNIOCENTESI anzi il mio ginecologo dopo essersi informato per il mio caso in particolare mi dice che ci sono più probabilità di avere
false positività o false negatività. Provo a informarmi io su internet e trovo pareri favorevoli per lo VILLOCENTESI (ma non trovo niente per il mio caso) anzi che è affidabile come l'amniocentesi. Al che non sò cosa fare.
Alla fine non ho fatto niente perchè ho avuto un aborto interno alla 15 sett..
Ora vorrei sapere i vostri pareri sulla VILLOCENTESI e l'AMNIOCENTESI sia nel caso di una gravidanza singola, sia gemellare e sia nei gemelli monocoriali.
Io per un eventuale altra gravidanza non saprei cosa fare i dubbi sono tanti, di certo sò che è stato brutto, più che altro psigologicamente avere un aborto al terzo mese, sicuramente è traumatico fare un aborto terapeutico al 5 mese
(in camera con me c'erano ragazze che hanno dovuto fare questa scelta per delle gravissime malformazioni ai bimbi)
Volevo sapere anche se nel caso come il mio si potrebbero fare delle analisi ai feti o alla placenta per stabilire se c'erano
delle patologie cromosomiche ?
Mi è stato consigliato di fare una consulenza genetica, per provare ad avere un'altro bimbo è meglio aspettare l'esito
dell'esame genetico o no ?
In ultimo sto perdendo parecchi capelli (sò che è una "conseguenza" dell'aborto) ho letto che c'è una cura quale?
Spero di essere stata chiara e che mi rispondiate.

[#1]  
Dr. Giuseppe Noccioli

24% attività
0% attualità
8% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2011
cara signora, comprendo il suo dolore e so che le parole non servono; consideri però che non ha scelto lei di abortire dei bimbi che avevano problemi tali che non hanno permesso loro di sopravvivere. farei senza meno la consulenza genetica e anche se ancora possibile analisi genetiche sui feti. è importante sapere se un'alterazione cromosomica ha determinato il problema passato e sapere se lei o il suo partner siete portatori sani di un'alterazione cromosomica tale da poter determinare un probleme cromosomico nella prole. fare gli accertamenti prima di intraprendere una seconda gravidanza. a seconda dei risultati ottenuti e del parere del genetista potrà eseguire sulla successiva gravidanza una villocentesi per avere informazioni il più precocemente possibile.
per i capelli farei prima una visita dermatologica poi fatta la diagnosi potrà iniziare la terapia. tanti auguri
Dr. Giuseppe Noccioli
www.ginecologiaostetricia.it

[#2] dopo  
Utente
La ringrazio per avermi risposto,Purtroppo non posso far fare più esami ai due feti. Sono passati 2 mesi.
Per quanto riguarda la villocentesi o l'amniocentesi volevo sapere il vostro parere in caso di gemelli, visto che mi hanno detto che potrebbe ripetrsi una gravidanza gemellare. Vorrei sapere anche in caso di gravidanza monocoriale, so che non si ripete ma penso sia utile a chi legge questo post e si trova nelle mia situazione.
Un'altro dubbio che mi è venuto è se c'è differenza fra ginecologo e ginecologo specializzato in diagnostica prenatale? E se si è meglio rivolgersi al secondo in caso di gravidanza o dipende se la gravidanza è "particolare"?
Infine volevo sapere se in gravidanza si possono prendere integratori con il ginseng , magnesio, creatinina, B12 (questa penso di si se non erro contiene l'acido folico)?

[#3]  
Dr. Giuseppe Noccioli

24% attività
0% attualità
8% socialità
ROMA (RM)

Rank MI+ 32
Iscritto dal 2011
il ginecologo è uno specialista che si può occupare di diagnosi prenatale; alcuni di noi si occupano in particolare di diagnosi prenatale e eseguono esami particolari come l'amniocentesi e/o la villocentesi. ogni caso è a se stante e di volta in volta si prendono decisioni. gli integratori può assumerli. buona serata
Dr. Giuseppe Noccioli
www.ginecologiaostetricia.it